ANNO NUOVO, COVID NUOVO – È STATA ISOLATA IN SUDAFRICA UNA NUOVA VARIANTE DEL SARS-COV-2 “IPER-MUTATA”. È DEL CEPPO OMICRON E PRESENTA OLTRE 100 MUTAZIONI PECULIARI DI CUI PIÙ DI 30 NELLA PROTEINA SPIKE – PER GLI ESPERTI NON C’È DA PREOCCUPARSI TROPPO: LA PROTEZIONE DA VACCINI E INFEZIONI PREGRESSE NON DOVREBBE ESSERE COMPROMESSA – I CONTAGI IN ITALIA SONO IN CALO...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Silvia Turin per www.corriere.it

 

nuove varianti di coronavirus nuove varianti di coronavirus

È stata isolata in Sudafrica una nuova variante del SARS-CoV-2 «iper-mutata». È del ceppo Omicron e presenta oltre 100 mutazioni peculiari di cui più di 30 nella proteina spike (la parte che il coronavirus usa per agganciare le cellule umane).

 

L’ha segnalato Tulio de Oliveira, direttore del Centro per la risposta alle epidemia e l’innovazione alla Stellenbosch University del Sudafrica, già a capo del team che per primo identificò Omicron. Oliveira ha pubblicato sui portali pubblici che raccolgono i sequenziamenti del SARS-CoV-2 otto genomi nuovi che ha definito «probabilmente il lignaggio più divergente identificato quest’anno» che è chiamato: BA.2.X (o anche BA.2.87.1).

 

La nuova sotto-variante è stata rilevata in 8 campioni provenienti da tre distretti nelle province di Limpopo e Gauteng tra il 20 settembre e il 29 novembre 2023. Secondo lo studioso (che propone una mappa genetica aggiornata di Omicron, si veda figura in pagina) potrebbe essere emersa da BA.2 o dal nodo basale di Omicron. Oltre alle mutazioni, la variante presenta 7 «delezioni», semplificando, 7 parti mancanti del virus rispetto ai lignaggi precedenti.

 

COVID - CURE IN OSPEDALE COVID - CURE IN OSPEDALE

«Il grado di trasmissibilità e patogenicità è ancora sconosciuto — chiarisce de Oliveira su X —. Il Sudafrica ha aumentato la sorveglianza genomica, con pochissimi segnali che questo nuovo lignaggio si stia diffondendo ampiamente e sostituendo l’attuale BA.2/JN.1 dominante. Non si prevede che la protezione dai vaccini e dalle infezioni pregresse venga compromessa più gravemente da queste mutazioni spike rispetto alle mutazioni spike trovate in altri lignaggi circolanti, come XBB e JN.1 (ne abbiamo parlato QUI, ndr )», conclude lo studioso. […]

 

In base ai dati di sequenziamento disponibili nella piattaforma nazionale I-Co-Gen, in Italia nelle ultime cinque settimane di campionamento (dati del 22 gennaio 2024) si continua ad osservare un incremento nella proporzione di sequenziamenti attribuibili alla variante d’interesse JN.1, derivata da Pirola , con un valore pari al 70,5% nell’ultima settimana consolidata (01-07 gennaio 2024).

 

ospedale covid ospedale covid

 I contagi Covid comunque sono in calo: nella settimana compresa tra il 25 e il 31 gennaio 2024 si registrano 3.859 nuovi casi positivi di Covid-19 in calo del 33,6% rispetto alla settimana precedente (5.810 casi) e 115 decessi (-43,3%, 203). Il tasso di positività è al 2,6% in discesa dell’1% rispetto a sette giorni fa (3,6%). Il tasso di occupazione in area medica al 31 gennaio è pari al 3,5% (2.169 ricoverati) rispetto al 4,3% del 24 gennaio (2.691) e nella terapia intensiva all’1,2% (106 ricoverati) rispetto all’1,4% precedente (121).

 

francesco vaia foto di bacco (2) francesco vaia foto di bacco (2)

«Gli ultimi mesi — commenta il direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Francesco Vaia — hanno definitivamente messo in evidenza ormai in maniera inequivocabile che siamo di fronte alla endemizzazione del SARS-CoV-2 (quando un virus diventa stabilmente presente nella popolazione, come l’influenza, ndr)».

tamponi rapidi tamponi rapidi tamponi tamponi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)