CUORE DI CANNA - FATTONI D'ITALIA, STATE ATTENTI: UN NUOVO STUDIO DIMOSTRA CHE L'USO FREQUENTE DI CANNABIS AUMENTA FINO AL 42% IL PERICOLO DI INFARTI, CORONAROPATIE E ICTUS - I RICERCATORI EVIDENZIANO CHE NON CI SONO DIFFERENZE DI EFFETTO SE VIENE FUMATA, MANGIATA O VAPORIZZATA: TUTTI I METODI DI ASSUNZIONE SONO PERICOLOSI PER IL CUORE - IL CONSUMO DI CANNABIS È IN CRESCITA, MENTRE CALA QUELLO DI TABACCO...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Elena Meli per www.corriere.it

 

cannabis e salute cardiaca 1 cannabis e salute cardiaca 1

Fumarla, vaporizzarla, mangiarla: non c’è un modo di consumare cannabis che sia sicuro per il cuore. L’uso frequente aumenta il rischio di ictus, infarti e coronaropatie, con una probabilità che cresce all’aumentare dell’utilizzo: lo ha dimostrato un’ampia ricerca su circa 430mila adulti, pubblicata di recente sul Journal of the American Heart Association.

 

STUDIO AMPIO

cannabis e salute cardiaca 2 cannabis e salute cardiaca 2

[…] è emerso chiaramente che qualsiasi tipo o frequenza di consumo si associa con un incremento del pericolo di infarto, ictus e coronaropatie. Un aumento che peraltro resta anche tenendo conto di altri elementi che incidono sul rischio, come il peso corporeo o l’abitudine al fumo di sigaretta, la sedentarietà o il consumo di alcol, e che risulta particolarmente consistente in chi consuma cannabis in qualsiasi forma tutti i giorni: in queste persone si arriva a un 42 per cento in più di probabilità di infarti e ictus rispetto a chi non fa uso di cannabis. […]

 

RISCHIO CARDIOVASCOLARE

cannabis e salute cardiaca 3 cannabis e salute cardiaca 3

[...]«Il fumo di cannabis (una delle modalità di consumo più spesso riferite, assieme alla vaporizzazione e al consumo tramite alimenti) non è molto diverso da quello di sigarette, a parte il contenuto in sostanze psicoattive: i dati mostrano che fumarla è pericoloso per cuore e vasi tanto quanto fumare tabacco e si tratta di un risultato di cui tenere conto, perché il consumo di cannabis è in crescita, mentre quello di tabacco è in diminuzione».

 

cannabis e salute cardiaca 5 cannabis e salute cardiaca 5

I ricercatori hanno anche puntualizzato che questi risultati confermano quelli di altri studi sul rischio cardiovascolare da cannabis, aggiungendo che non ci sono differenze di effetto se viene mangiata o vaporizzata o altro: le modalità con cui esplica la sua azione negativa sono quindi ancora da definire, ma pare ormai certo che la cannabis non sia innocua per cuore e vasi.

cannabis e salute cardiaca 4 cannabis e salute cardiaca 4

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)