AL CUORE DELLA PANDEMIA – SECONDO GLI ULTIMI STUDI LE PERSONE IPERTESE O CON PROBLEMI CARDIOVASCOLARI SONO A MAGGIOR RISCHIO SE CONTRAGGONO IL COVID-19 - MA NON SOLO: QUESTO VIRUS PUÒ A SUA VOLTA CAUSARE UN DANNO MIOCARDICO CHE È EVIDENTE IN UN'ALTA PERCENTUALE DEI CASI DI INFEZIONE E SI PRESENTA O COME UN EVENTO ACUTO O COME…

-

Condividi questo articolo

Antonio G. Rebuzzi* per “il Messaggero”

*Professore di Cardiologia

Università Cattolica Roma

 

cuore 4 cuore 4

La pandemia da Covid-19 ha effetti anche sul cuore? La risposta è, purtroppo, positiva. La gran parte degli articoli pubblicati in questo periodo sulle più importanti riviste scientifiche sono concordi nell'affermare che i pazienti cardiopatici sono a maggior rischio rispetto alla popolazione non cardiopatica nel momento in cui entrano in contatto con il virus.

MEDICI E CORONAVIRUS MEDICI E CORONAVIRUS

 

LA PANDEMIA

Negli ultimi giorni è stato pubblicato sulla rivista Circulation (una sorta di edizione straordinaria) un interessante articolo su Covid-19O e malattie cardiovascolari, curato da Nir Uriel della Divisione di Cardiologia della Columbia University di New York, in cui si fa la storia della pandemia e dei suoi effetti dannosi sul sistema cardiovascolare. Il virus entra nell'organismo legandosi alla proteina ACE2.

cuore 3 cuore 3

 

Questa è presente nel polmone ma anche in molti altri organi (epitelio intestinale, rene, endotelio vascolare) ed in gran quantità anche nel tessuto cardiaco. La malattia cardiovascolare, che era stata identificata solo come patologia coesistente all'infezione appare essere un fattore molto importante della prognosi nell'attuale pandemia.

 

Una recente analisi su oltre 1000 pazienti cinesi, effettuata da Jae-Waan Guan pubblicata sul New England Journal of Medicine riporta che il 24% dei Covid positivi aveva problemi di cuore. E la percentuale sale al 58% tra quelli intubati o deceduti. Tra i problemi cardiaci il più frequente era l'ipertensione (15% del totale, 36% dei più gravi) seguito dal diabete (7,4% del totale, 27% dei più gravi).

 

cuore 2 cuore 2

L'ETÀ

Dati della National Health Commission cinese del 5 marzo dimostrano che il 35% dei Covid positivi era iperteso ed il 17% aveva malattia coronarica.

È chiaro quindi che le problematiche cardiovascolari sono comuni nei pazienti con Covid-19, e che questo rende i pazienti ad alto rischio. I motivi ipotizzati sono vari (età, sistema immunitario non efficace, elevati livelli di ACE2) ma per nessuno di questi abbiamo chiara evidenza scientifica.

controlli sanitari al mercato di wuhan controlli sanitari al mercato di wuhan

 

Altro problema è che questo virus, come altri, può a sua volta causare un danno cardiaco. In uno studio di Dai Wang effettuato sulla popolazione di Wuhan e pubblicato sul Journal of American Medical Association il 7% dei positivi aveva segni di importante danno cardiaco (percentuale che saliva al 22% nei pazienti ricoverati in terapia intensiva). Le ipotesi formulate per la spiegazione del rialzo enzimatico anche in questo caso sono varie, anche se la più probabili è una infiammazione del muscolo cardiaco (miocardite acuta) provocata dal virus.

 

cuore 1 cuore 1

In conclusione il danno miocardico è evidente in un'alta percentuale dei casi di infezione e si presenta o come un evento acuto con conseguente scompenso grave o come danno progressivo che si sviluppa col proseguire dell'infezione pregiudicandone la prognosi.

reparto di terapia intensiva brescia 6 reparto di terapia intensiva brescia 6 corea del sud coronavirus corea del sud coronavirus germania coronavirus germania coronavirus cuore cuore

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

IL CASO BONAFEDE-DI MATTEO NON È AFFATTO CHIUSO: STASERA SANDRA AMURRI, GIORNALISTA CHE DA SEMPRE SEGUE L'ANTIMAFIA SICILIANA, SARÀ A ''NON È L'ARENA'' DI GILETTI. MA TRAVAGLIO, DIRETTORE DEL QUOTIDIANO PER CUI LAVORA, NON L'HA AUTORIZZATA A PARTECIPARE - MIELI: IL ''MARE DI MELMA'' CHE HA INVESTITO LA MAGISTRATURA: ''UN CAMBIAMENTO VIRTUOSO SI AVRÀ SOLO QUANDO UN MAGISTRATO DARÀ BATTAGLIA AL SISTEMA DEGENERATO DELLE CORRENTI. A TESTA ALTA, MENTRE È ANCORA IN SERVIZIO. METTENDO NEL CONTO CHE SUBIRÀ L' OSTRACISMO DEI COLLEGHI. TUTTI. O QUASI''

business

cronache

DIETRO A UNA DONNA CHE SBAGLIA CI PUÒ ESSERE UN GRANDE UOMO - PARLA IL PADRE DI PRATO, IL MARITO TRADITO DALLA MOGLIE CON UN RAGAZZINO DI 13 ANNI DA CUI HA POI AVUTO UN FIGLIO, E CHE SI È PRESO UNA CONDANNA PERCHÉ LO HA RICONOSCIUTO COME SUO, MENTENDO PER SALVARE LA FAMIGLIA E CRESCERLO SENZA TRAUMI: ''NON LO AVREI MAI ABBANDONATO SOLO PERCHÉ NON ERA MIO. MIA MOGLIE? È UNA GRANDE MAMMA. MI SONO INNAMORATO DI LEI DA RAGAZZO, ERA COSÌ BELLA E SOLARE. ORA SI FA SEGUIRE DA UNO PSICHIATRA. IL PERDONO? BEH…''

sport

cafonal

CAFONALINO DELL'ITALIA MORENTE – DOPO AVER PERSO IL BIGLIETTO DELLA LOTTERIA PER MANIFESTA ARROGANZA, NON AVENDO PIU' UNA CAZZO DI QUERELA DA FARE, RENZI SCRIVE (SI FA PER DIRE) UN LIBRO DI FOSFORESCENTE INUTILITA' E LO PRESENTA PURE ALLA GALLERIA BORGHESE – TRA UN TRULLALERO E UN TRALLALA', TRA LA BOSCHI CAMUFFATA DA PRATO E NOBILI CON LA MASCHERINA DELLA ROMA, IL SENATORE SEMPLICIOTTO DI RIGNANO HA SPARATO UN PAIO DI CAZZATE: “QUELLA DI DAVIGO È UNA BESTIALITÀ GIURIDICA. AUTOSTRADE? SI È FATTO PRIMA A FARE IL PONTE CHE A FARE LA REVOCA. SI VOTA NEL 2023, ALLORA MEGLIO METTERE MANO ALLE REGOLE” (INSOMMA, PER RIMANDARLO A GIOCARE A FLIPPER, TOCCA ASPETTARE TRE ANNI. 'NA TRAGEDIA) – VIDEO

viaggi

salute