FATTI UNA FAMIGLIA! - “LA CRESCITA DEI CONTAGI AVVIENE A LIVELLO FAMILIARE E DOMICILIARE” - IL PRESIDENTE DELL’ISS, BRUSAFERRO: “SERVE UNA RIFLESSIONE SUI TAMPONI. È LA ASL A DIRE CHI VA ESAMINATO. ALCUNI RITENGONO CHE UN TAMPONE IN PIÙ NON FACCIA MALE, INVECE È IMPORTANTE PRIORITARIAMENTE TRACCIARE I CONTATTI STRETTI, PER GARANTIRE IL TEST A COLORO PER I QUALI È DAVVERO NECESSARIO…”

-

Condividi questo articolo

Estratto dell’articolo di Michele Bocci per “la Repubblica”

 

Intervista al presidente dell' Istituto superiore di sanità di Michele Bocci Silvio Brusaferro è il presidente dell' Istituto superiore di sanità, membro di peso del Comitato tecnico scientifico che accompagna le decisioni del governo.

 

SILVIO BRUSAFERRO SILVIO BRUSAFERRO

[…] «Se oggi si rispettano le nuove regole, possiamo evitare di assumere nuovi provvedimenti più avanti. Se la curva non cresce eccessivamente possiamo mantenere questa "normalità" con Sars-CoV-2. I provvedimenti impattano sulla diffusione in 10-15 giorni […] «I test sono in rapidissima evoluzione, ne abbiamo di tipi sempre nuovi. I tamponi rapidi antigenici servono soprattutto per gli screening. Ma se si deve fare diagnosi nelle Rsa, proprio per la fragilità di chi ci vive, ci vuole il "tradizionale" tampone molecolare, lo standard di riferimento».

 

CORONAVIRUS - CONTAGI IN ITALIA ALL 8 OTTOBRE 2020 CORONAVIRUS - CONTAGI IN ITALIA ALL 8 OTTOBRE 2020

La scuola ha un ruolo nell' aumento dei casi?

«Non abbiamo indicazioni forti su focolai dentro la scuola. I casi di positività ci sono ma di origine soprattutto extrascolastica».

 

Allora a cosa è dovuta la crescita?

«I dati ci dicono che la causa è soprattutto la diffusione del virus a livello familiare e domiciliare. […] Anche contesti come le feste, la movida, e in generale gli incontri informali dove si tende a rilassarsi rispetto alle misure di prevenzione favoriscono la diffusione. […]

[…] La didattica a distanza è un' opzione che si può attivare, per tempi limitati, a seconda della circolazione locale del virus ».

 

I mezzi del trasporto pubblico locale pieni, possono far crescere la circolazione del virus?

«[…] Scaglionare orari di inizio delle attività e della scuola è uno degli strumenti che può aiutare. Dove ci sono picchi di affollamento è bene evitarli anche scaglionando come prima misura gli orari».

tamponi drive in a roma 1 tamponi drive in a roma 1

 

In Italia si fanno pochi tamponi?

«[…] Invito […] a una riflessione su un uso appropriato di questo strumento. I contatti dei contatti non devono fare il test. È la Asl a dire chi va esaminato. Alcuni ritengono che un tampone in più non faccia male, invece è importante tracciare prioritariamente i contatti stretti, per garantire il test a coloro per i quali è davvero necessario» […]

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

IL VACCINO ALLA VACCINARA – IL DUPLEX ITALO-SVIZZERO SPALLANZANI-REITHERA È CONVINTISSIMO CHE L’ANTI-COVID POSSA CREARSI CON COMUNICATI STAMPA E BALLE ASSORTITE – SONO INDIETRO NELLA PRODUZIONE? CERTO: LE ALTRE 8 MULTINAZIONALI (PFIZER, ASTROZENECA, MODERNA, ETC) NON SONO PRUDENTI COME NOI (SIC!) – POI ARRIVA IL CENTRO CLINICO DI VERONA, CHE HA PRESO IN CARICO LA SPERIMENTAZIONE SPALLANZANI-REITHERA, E PRECISA: “IL VACCINO SARÀ PRONTO PER NATALE 2021” - (NON AVETE LETTO MALE: NATALE 2021!)

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute

OPINIONI CONTROCORRENTE - BECCHI E ZIBORDI: SOLO TRUMP HA CAPITO CHE I LOCKDOWN SONO ANTISCIENTIFICI E DISTRUGGONO INUTILMENTE MILIONI DI VITE: IN CALIFORNIA MUORE UNA PERSONA A SETTIMANA DI CORONAVIRUS (10MILA PER ALTRE CAUSE) EPPURE BLOCCANO TUTTO - MEDICI SCETTICI SULL'EFFICACIA DELLE MASCHERINE NON FFP2, SOPRATTUTTO ALL'APERTO - I MORTI SONO 80-90ENNI CON PATOLOGIE PREGRESSE, QUINDI BISOGNA TENERLI AL RIPARO DAL CONTAGIO, MENTRE GLI ALTRI DOVREBBERO CONTINUARE A VIVERE E LAVORARE - NEL 57-58 L'ASIATICA FECE IL TRIPLO DELLE VITTIME MA FU L'ANNO DEL BOOM ECONOMICO PERCHÉ...