"I NOSTRI VACCINI SONO SICURI" - PFIZER E MODERNA RIFIUTANO DI PARTECIPARE A UNO STUDIO SUI RISCHI DI COAGULI NEL SANGUE - L'INVITO ERA PARTITO DA JOHNSON & JOHNSON, SOLO ASTRAZENECA SI È DETTA DISPONIBILE A PARTECIPARE - ALTRE ALLEANZE TRA CASE FARMACEUTICHE FUNZIONANO MEGLIO, VEDI IL CASO SANOFI

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Dailymail.com

 

Vaccino Vaccino

Secondo il Wall Street Journal, l'azienda americana Johnson & Johnson ha contattato privatamente gli altri produttori di vaccini per chiedere loro di unire gli sforzi per la ricerca sui rischi di coaguli di sangue. Il quotidiano racconta che la J&J voleva creare un'alleanza con le altre aziende per comunicare con una sola voce benefici e rischi dei vaccini e dei coaguli di sangue. Ma solo AstraZeneca - che in Europa è da settimane al centro di una controversia sui rischi di coaguli del sangue - ha aderito. I dirigenti di Pfizer e Moderna, invece, hanno declinato l'invito. Il loro vaccino, ritengono le due aziende, è sicuro, e unirsi al progetto potrebbe macchiare la loro reputazione.

 

Vaccino Vaccino

Il vaccino J&J è stato accolto come una svolta nella lotta al coronavirus perché prevede una sola dose e non deve essere conservato a temperature specifiche come quelli di Pfizer-BioNTech e Moderna. La sua sospensione per via dei nove casi di pazienti colpiti da CVST (trombosi del seno venoso cerebrale) è stata un brutto colpo per gli americani.

 

Il CVST è un raro tipo di coagulo del sangue che blocca i canali del seno venoso del cervello e può causare emorragie. Si verifica in circa cinque persone ogni milione. In sei dei nove casi, la CVST si è verificata in combinazione con bassi livelli di piastrine nel sangue, patologia nota anche come trombocitopenia.

 

pfizer moderna pfizer moderna

Allo stop di J&J fanno eco le preoccupazioni sul vaccino di AstraZeneca-University of Oxford. L'autorità europea del farmaco ha infatti dichiarato che potrebbe esserci un collegamento, anche se per il momento non ci sono prove.

 

Nonostante il rifiuto di Moderna e Pfizer, la pandemia ha portato a nuove alleanze nel campo farmaceutico. L'azienda francese Sanofi, avendo rinunciato al suo vaccino per via dei risultati deludenti, si è alleata a febbraio con la Pfizer per produrre quello statunitense. «Ci siamo chiesti come renderci utili nel presente, come partecipare allo sforzo collettivo per uscire da questa crisi il più rapidamente possibile» ha detto a Le Figaro l'amministratore di Sanofi Paul Hudson.

 

PFIZER PFIZER

L'azienda Merck & Co ha messo a disposizione di J&J due dei suoi stabilimenti, uno per il confezionamento e uno per la produzione dei vaccini monodose.

sanofi 15 sanofi 15

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute