SARÀ CHE CONTE SI TAGLIA I CAPELLI DA SOLO, MA I PARRUCCHIERI CHE VI HANNO FATTO DI MALE? - LO SFOGO DI CHI HA UN CENTRO ESTETICO: ''IGIENIZZAZIONI, LINEE GUIDA RISPETTATE, SOLDI SPESI, ATTENZIONE MASSIMA. E ORA UNO STATO INADEMPIENTE, CHE NON FA CONTROLLI, NON SA GESTIRE I TRASPORTI, NON È IN GRADO DI DIRE SE E IN CHE MISURA L'ATTIVITÀ DI ESTETICA CONTRIBUISCE AI DECESSI DA COVID, NON HA ALCUN DIRITTO DI DISPORNE LA CHIUSURA'' - BURIONI RACCONTA LA STORIA DELLA PARRUCCHIERA CONTAGIOSA CHE NON HA CONTAGIATO NESSUNO DEI 139 CLIENTI

-

Condividi questo articolo

 

Estratto di un articolo di Roberto Burioni per https://www.medicalfacts.it/ pubblicato ad agosto

 

(…)

 

rocco casalino giuseppe conte 1 rocco casalino giuseppe conte 1

La seconda storia, ancora più sorprendente, riguarda una parrucchiera di Springfield, nello stato del Missouri. Stava male, aveva la febbre (che si è scoperto dopo essere dovuta a COVID-19), ma ha continuato egualmente a lavorare e ha pure contagiato una collega. Le autorità sanitarie hanno tentato di rintracciare i 139 clienti che erano stati “pettinati” dalle due e hanno avuto un risultato sorprendentemente positivo. Nessuno di quelli che sono riusciti a esaminare era stato infettato, nonostante fosse stato vicino a una certa sorgente del virus per un tempo variabile tra i 15 e i 45 minuti.

 

Ebbene, a Springfield era obbligatorio portare la mascherina sia per i parrucchieri, sia per i loro clienti, e questo potrebbe giustificare la mancata infezione. Qualcuno mi dirà giustamente: ma forse la parrucchiera non era infettiva! No, le cose non stanno così. La parrucchiera – che non aveva infettato nessuno nel suo negozio – aveva invece infettato a casa il marito, la figlia, il genero e un altro contatto.

 

rocco casalino giuseppe conte rocco casalino giuseppe conte

Ripeto, queste storie sono aneddoti e non costituiscono una prova di efficacia delle mascherine. Però dobbiamo accettare di trovarci in un momento di grande incertezza nel quale siamo costretti a prendere anche decisioni di buon senso senza forti basi scientifiche. Tenere le scuole chiuse, fermare le fabbriche, serrare i negozi, tapparci in casa sono provvedimenti che sono certamente efficaci, ma che hanno un costo sociale ed economico altissimo. Al contrario portare la mascherina, avete capito dove voglio arrivare, è solo questione di abitudine e costa solo un piccolo sacrificio.

 

 

2. THREAD / SFOGO SU IPOTESI NUOVE CHIUSURE

https://twitter.com/AlessioPessott

 

Visto che la mia ragazza ha un centro estetico, ora vi spiego il livello di precauzioni che ha dovuto implementare:

 

1) prima dell'arrivo della cliente, igienizzazione completa della cabina. 

2) la cliente arriva, rigorosamente su appuntamento. Appuntamento preso rigorosamente distanziato da quello prima e quello dopo per evitare che in caso di ritardo possano esserci "sovrapposizioni"

 

rocco casalino giuseppe conte rocco casalino giuseppe conte

-> 

3) prima di entrare (ovviamente con mascherina), alla cliente viene rilevata la temperatura, le viene chiesto di igienizzarsi le mani con gel apposito, le viene chiesto di riporre la borsa, la giacca, etc in apposite buste monouso. Idem per le scarpe.

 

-> 

3) se ha un cellulare e vuole portarlo in cabina, le viene chiesto di igienizzare anche quello

 

4) operatori con mascherina SEMPRE. Se in presenza di una cliente, la mascherina deve essere FFP2 ed utilizzata CONGIUNTAMENTE a visiera paraspruzzi

 

-> 

parrucchieri covid parrucchieri covid

5) I guanti devono essere cambiati subito prima di iniziare a lavorare sulla cliente e subito dopo aver terminato

 

6) nel caso l'operatore esca dalla cabina, tocchi soldi, pos o altro, deve cambiare i guanti e indossarne di nuovi

 

-> 

7) tutti gli accessi vengono registrati e tutti i clienti devono lasciare nome e recapiti per favorite eventuali attività di contact tracing.

 

Ovviamente tutto questo in aggiunta alle linee guida preesistenti su pulizia, sterilizzazione degli attrezzi con autoclave, -> 

TUTTE LE LINEE GUIDA SONO STATE SEGUITE ALLA LETTERA.

 

Sapete quanto costa tutto questo? UN SACCO DI SOLDI E TANTA FATICA

 

Sapete quante volte, in questi mesi, qualcuno ha controllato che stesse applicando tali linee guida? ZERO.

 

-> 

Uno Stato INADEMPIENTE, che non è in grado di effettuare i CONTROLLI, che non è in grado di gestire i TRASPORTI, che non è in grado di dire SE E IN CHE MISURA l'attività di estetica contribuisce all'aumento dei decessi da Covid, NON HA ALCUN DIRITTO DI DISPORNE LA CHIUSURA.

parrucchieri nell'era covid 19 2 parrucchieri nell'era covid 19 2

 

-> 

E voi che applaudite, voi che "non sono servizi essenziali", voi che vi credete migliori perchè avete "rispetto per la vita", voi che vi credete migliori. Non lo siete. Non siete migliori. E non siete nemmeno altruisti.

 

MANCO PER IL CAZZO. 

parrucchieri nell'era covid 19 6 parrucchieri nell'era covid 19 6 parrucchieri nell'era covid 19 7 parrucchieri nell'era covid 19 7 parrucchieri nell'era covid 19 8 parrucchieri nell'era covid 19 8 parrucchieri nell'era covid 19 10 parrucchieri nell'era covid 19 10 parrucchieri nell'era covid 19 5 parrucchieri nell'era covid 19 5 parrucchieri nell'era covid 19 4 parrucchieri nell'era covid 19 4

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL CORTOMETRAGGIO SPOT SULLA CALABRIA, FIRMATO DA GABRIELE MUCCINO, E’ COSTATO 1,7 MILIONI DI EURO - LA DIFESA DI “LIBERO”: “VIENI FUORI UNA REGIONE PHOTOSHOPPATA. COI CALABRESI IN BRETELLE E COPPOLE A BIGHELLONARE E I VECCHIETTI A GIOCARE A CARTE; SONO CLICHÉ L'ASINELLO NEI CAMPI E LE CLEMENTINE MA PUR SEMPRE DI SPOT SI TRATTA. PER VENDERE UN PRODOTTO BISOGNA UN PO' DEFORMARE LA REALTÀ, A COSTO DI FARNE UNA CARTOLINA: SI VENDE LA CALABRIA CHE VORREMMO, NON QUELLA CHE ABBIAMO”

politica

IL DPCM CHE VERRÀ – BAR E RISTORANTI CHIUSI LA DOMENICA E GIORNI FESTIVI; ORE 18.00 CHIUSURA ALTRI GIORNI; SOSPESI TEATRI E CINEMA; DIDATTICA A DISTANZA SUPERIORE AL 75%; RACCOMANDAZIONE (MA SOLA RACCOMANDAZIONE) SPOSTAMENTO DA PROPRIA RESIDENZA O DOMICILIO SOLO PER MOTIVI DI URGENZA LAVORO E SALUTE; SOSPESI EVENTI E COMPETIZIONI SPORTIVE CHE NON SIANO RICONOSCIUTI DA CONI E FEDERAZIONI... - SE SIAMO ALLA VIGILIA DI UN NUOVO LOCKDOWN LA COLPA È CHE IN ESTATE NESSUNO, NÉ GOVERNO, NÉ REGIONI, HA FATTO NIENTE PER PREVENIRE LA SECONDA ONDATA

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute