ACCIAIO FUSO – DAL 1° SETTEMBRE CHIUDE UNA DELLE PIÙ GRANDI ACCIAIERIE DI ZINCO D'EUROPA, LA NYRSTAR DI BUDEL, IN OLANDA. TUTTA COLPA DEL CARO ENERGIA DOVUTO ALLA GUERRA IN UCRAINA – MA ANCHE IN ITALIA I RINCARI DEL MEGAWATTORA METTONO IN GINOCCHIO L'INDUSTRIA SIDERURGICA. DA 3 MESI ACCIAIERIE DI SICILIA È FERMA CON 500 LAVORATORI A CASA – ALTROVE SI PROCEDE ALLA PRODUZIONE PER FASCE SERALI PERCHÉ L'ENERGIA COSTA MENO. LE FABBRICHE ANTICIPANO E ALLUNGANO LE FERIE E, IN MOLTI CASI, CONCORDANO QUALCHE ALTRA SETTIMANA DI CASSA INTEGRAZIONE…

-

Condividi questo articolo


Fabio Savelli per il “Corriere della Sera”

 

acciaieria Nyrstar di Budel olanda acciaieria Nyrstar di Budel olanda

Una delle più grandi acciaierie di zinco d'Europa, la Nyrstar di Budel in Olanda, ha annunciato ieri la chiusura dal primo settembre. Tutta colpa del caro energia. Ma anche in Italia i rincari del Megawattora mettono alla prova l'industria siderurgica. L'ultimo esempio in Sicilia. Dopo le chiusure di giugno e luglio si ferma anche per tutto il mese di agosto Acciaierie di Sicilia, lasciando a casa 500 lavoratori tra diretti e indiretti. La società del gruppo Alfa Acciai a Catania produce tondini per cemento armato.

 

acciaieria Nyrstar di Budel olanda acciaieria Nyrstar di Budel olanda

Altrove si procede alla produzione per fasce serali perché in questi periodi della giornata l'energia costa meno. Le fabbriche anticipano e allungano le ferie e, in molti casi, concordano qualche altra settimana di cassa integrazione preventiva da «spendere» se alla volta di settembre la situazione non dovesse migliorare. Lo confermano i sindacati metalmeccanici. In Veneto le Acciaierie Beltrame sono ferme per i mesi di luglio e agosto e riprenderanno a settembre. Le Acciaierie Valbruna hanno già fermato alcuni reparti.

 

Nel decreto Aiuti bis ci sono 3,373 miliardi di euro per finanziare il credito d'imposta a favore delle imprese a forte consumo di energia elettrica e gas naturale. Una misura ottenuta dopo feroci contrapposizioni tra il Mite e il Mise.

 

acciaieria Nyrstar di Budel olanda acciaieria Nyrstar di Budel olanda

Dice Gianclaudio Torlizzi, esperto di commodity, che «l'incidenza del caro energia sul costo di produzione di acciaio è balzata a 350 euro per tonnellata, secondo il mio modello, portando così a zero la marginalità di un impianto a forno elettrico. Prepariamoci a fermate produttive e casse integrazioni a settembre». Un avvertimento che ha il sapore di profezia. Uno dei principali player nel comparto della siderurgia fermerà questa estate gli impianti per quattro settimane. «Più che un crollo prezzi, come la maggior parte degli utilizzatori pensa, si stanno invece creando le condizioni per una stretta in autunno».

 

ACCIAIERIE DI SICILIA ACCIAIERIE DI SICILIA

I dati forniti da Federacciai indicano che la bilancia dell'acciaio tricolore si è fermata a 1,87 milioni di tonnellate di produzione. Se escludiamo il 2020, per trovare un sesto mese dell'anno peggiore bisogna scorrere le statistiche fino a giugno 2009 quando ci si fermò a quota 1,7 milioni di tonnellate. A pesare sui volumi è stata la combinazione di arresto della domanda e alti costi energetici, che hanno ridotto i ritmi produttivi.

 

Nel confronto annuo invece il calo è dell'ordine del 4%, per 12,23 milioni di tonnellate prodotte in sei mesi. Se confrontiamo il dato con il 2020 e il 2019, notiamo che, rispetto al periodo peggiore della pandemia, la produzione resta superiore di un 20,9%, mentre rispetto all'anno pre-Covid paga un -2,5 per cento.

acciaierie 2 acciaierie 2 ACCIAIERIA ACCIAIERIA acciaierie 1 acciaierie 1

 

Condividi questo articolo

business

ATTENZIONE, ANNUNCIAZIONE, ARRIVA LA RECESSIONE! – LE POLITICHE MONETARIE ULTRA-AGGRESSIVE DELLA FED E L'ECONOMIA IN FRENATA SPAVENTANO GLI INVESTITORI: I LISTINI CADONO (PIAZZA AFFARI -3,36%), I RENDIMENTI VOLANO (BUND SOPRA IL 2%) E IL DOLLARO CORRE - VINCENT MORTIER DI AMUNDI: “NEL CASO DI UN'INTERRUZIONE TOTALE DELLE FORNITURE DI GAS RUSSO E DI UN ULTERIORE RAZIONAMENTO IN EUROPA, L'IMPATTO NEGATIVO SUI FONDAMENTALI SI ESTENDEREBBE ULTERIORMENTE, PORTANDO IL CAMBIO DOLLARO-EURO A SCENDERE SOTTO IL NOSTRO OBIETTIVO DI BREVE TERMINE DI 0,94”