AHI “AI”! – GOOGLE RICHIAMA I FONDATORI, LARRY PAGE E SERGEY BRIN, DALLA PENSIONE ANTICIPATA AI CARAIBI: IL MOTORE DI RICERCA È CLAMOROSAMENTE INDIETRO SULL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE. IL CEO, SUNDAR PICHAI, È TERRORIZZATO DAI PROGRESSI MOSTRATI DAL BOT “CHATGPT”, CHE PRESTO POTREBBE ESSERE INTEGRATO DA MICROSOFT IN BING – NON È UN BEL MOMENTO PER “BIG G”, CHE HA ANNUNCIATO 12MILA LICENZIAMENTI (CON UNA MAIL) E AVREBBE ANCHE MESSO UNA SPECIE DI SEMAFORO NEGLI UFFICI: SE QUANDO PASSI IL BADGE DIVENTA ROSSO, SEI FUORI

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Massimo Gaggi per il “Corriere della Sera”

 

sergei brin e larry page 1 sergei brin e larry page 1

Allarme rosso a Google-Alphabet che fa tornare in sede i fondatori, Larry Page e Sergey Brin, dal 2019 poco presenti nell’azienda, ormai affidata alla guida del Ceo Sundar Pichai. È stato proprio lui a richiamarli dalle loro isole caraibiche e dai viaggi nei quattro angoli del mondo per partecipare a una serie di riunioni d’emergenza per rivedere le strategie del gruppo in un periodo di crisi di tutto il settore tecnologico, ma soprattutto in un momento di svolta nello sviluppo dell’intelligenza artificiale che mette in pericolo il principale business di Google: il suo quasi monopolio nei motori di ricerca.

 

chatgpt chatgpt

A fare titolo sono i 12mila licenziamenti annunciati oggi, 20 gennaio, pari al 6 per cento della forza lavoro della società. […]La minaccia vera per Google, secondo le indiscrezioni raccolte dal sito The Information, da Business Insider e, ora, dal New York Times, viene dal generatore di contenuti ChatGPT, il più avanzato prodotto di intelligenza artificiale presentato due mesi fa dalla società di ricerca OpenAI: in poche settimane ha dimostrato una capacità di spiegare in modo semplice concetti complessi e di andare oltre l’analisi dei dati che gli vengono forniti, generando idee.

 

sundar pichai sundar pichai

[…] il timore dei manager è che ChatGPT, grazie alla facilità con cui comprende le istruzioni ricevute e alla sua capacità di usare il linguaggio naturale, possa insidiare o addirittura soppiantare il search di Google: Il motore di ricerca che oggi controlla quasi il 90 per cento del mercato mondiale e genera, attraverso la pubblicità, il 60 per cento degli introiti del gruppo.

 

Satya Nadella Satya Nadella

L’allarme di Google è stato probabilmente amplificato dalle indiscrezioni secondo le quali Microsoft starebbe discutendo con OpenAI l’integrazione di ChatGPT in Bing, il suo motore di ricerca che da anni langue con quote di mercato che oscillano fra il 3 e il 4 per cento. […]

sergei brin e larry page sergei brin e larry page chatgpt 4 chatgpt 4 chatgpt 2 chatgpt 2 chatgpt 1 chatgpt 1 chatgpt openal chatgpt openal

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…