UN BEL CETRIOLONE NEL CARRELLO – LE FAMIGLIE ITALIANE NEL 2022 SPENDERANNO ALMENO 350 EURO IN PIÙ, SOLTANTO PER LA SPESA ALIMENTARE – COLPA DEI RINCARI CHE RIGUARDANO TUTTI I PRODOTTI DEL COMPARTO, IN PARTICOLARE VERDURA, PANE, PASTA, RISO E FRUTTA – CON UN ULTERIORE RISCHIO: LE IMPORTAZIONI DALL’ESTERO SONO AUMENTATE DI QUASI UN TERZO, E CON ESSE I RISCHI DI ABBASSARE LA QUALITÀ E LA SICUREZZA DI QUELLO CHE MANGIAMO…

-

Condividi questo articolo


Alessandra Severini per www.leggo.it

 

carrello spesa carrello spesa

Non bastava la pandemia, ci si sono messe anche la guerra, la siccità e l’inflazione a trasformare il 2022 nell’anno della “tempesta perfetta” per le famiglie. «Tempesta perfetta» è l’espressione scelta dalla Coldiretti per definire gli effetti congiunti dei tre fattori che già in questo 2022 si abbattono sulla quotidianità dei cittadini.

 

Secondo l’analisi, sulla base dei dati Istat, diffusa ieri in occasione dell’assemblea nazionale di Coldiretti a Roma, l’aumento dei prezzi costerà nel 2022 alle famiglie italiane quasi 9 miliardi di euro in più soltanto per la spesa alimentare: circa 350 euro a famiglia.

 

INFLAZIONE IN AUMENTO INFLAZIONE IN AUMENTO

CARRELLO PESANTE

A guidare la classifica dei rincari c’è la verdura che quest’ anno costerà complessivamente alle famiglie dello Stivale 1,97 miliardi in più e precede sul podio pane, pasta e riso, con un aggravio di 1,65 miliardi, e carne e salumi, per i quali si stima una spesa superiore di 1,54 miliardi rispetto al 2021.

 

Al quarto posto la frutta con 0,92 miliardi precede latte, formaggi e uova (0,78 miliardi), pesce (0,77 miliardi) e olio, burro e grassi (0,59 miliardi) che è però la categoria che nei primi sei mesi del 2022 ha visto correre maggiormente i prezzi.

 

inflazione 1 inflazione 1

Aumenti più contenuti per acque minerali, bevande, zucchero, confetture, dolci, caffè, tè, sale e alimenti per bambini. Ma se questi numeri sembrano dire poco basta dividere la somma dei 9 miliardi in più per le oltre 25 milioni di famiglie italiane e scoprire che la spesa quest’anno si pagherà circa 350 euro in più (al netto degli aumenti di bollette, carburanti e servizi).

 

Coldiretti ha segnalato che solo per la frutta fresca una famiglia di quattro persone spenderà circa 68 euro in più all’anno e 115 euro in più all’anno per la verdura di stagione.

 

RISCHIO SICUREZZA ALIMENTARE

L’analisi Coldiretti evidenzia anche un altro allarme. A spingere i rincari e l’aumento della dipendenza alimentare dall’estero è il fatto che nel 2022 le importazioni di prodotti agroalimentari dell’estero, dal grano per il pane al mais per l’alimentazione degli animali, sono cresciute in valore di quasi un terzo (+29%), aprendo la strada al rischio di un pericoloso abbassamento degli standard di qualità e di sicurezza alimentare.

rincari carrello della spesa rincari carrello della spesa

 

AZIENDE CRAC

I rincari causati dalla guerra e la siccità mettono in difficoltà anche le imprese. Sono quasi 250mila le aziende agricole italiane (un terzo del totale) costrette oggi a produrre in perdita. Più di un agricoltore su 10 (13%) è in una situazione così critica da portare alla cessazione dell’attività.

INFLAZIONE ISTAT INFLAZIONE ISTAT INFLAZIONE INFLAZIONE BAMBINI SUPERMERCATO BAMBINI SUPERMERCATO

 

Condividi questo articolo

business

BUTTI LA RETE (COMINCIAMO BENE...) – IL RESPONSABILE TELECOMUNICAZIONI DI FRATELLI D’ITALIA ALESSIO BUTTI SMENTISCE "IL FOGLIO" SULLA RETE UNICA - "SIAMO FORTEMENTE CONTRARI AL PIANO DI VENDITA DELLA RETE TIM. LA RETE UNICA DEVE RIMANERE IN CAPO A TIM. MA CON CONTROLLO E GESTIONE DI CDP" – CERASA (DIRETTORE DE "IL FOGLIO"): IL PIANO DI FRATELLI D’ITALIA E’ FAR COMPRARE OPEN FIBER A TIM E POI FAR COMPRARE TIM A CDP. MI PARE ISPIRATO AL MODELLO MADURO (NAZIONALIZZARE TUTTO)…

PREPARATEVI A UN AUTUNNO MOLTO CALDO – L’ULTIMO RAPPORTO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA È UNA DOCCIA FREDDA: NONOSTANTE I DATI POSITIVI DEL PIL, “L’ATTIVITÀ ECONOMICA STA RALLENTANDO”, COME HA SPECIFICATO ANCHE IERI DRAGHI – NEL FRATTEMPO LA BANCA D’INGHILTERRA AUMENTA ANCORA I TASSI, PORTANDOLI ALL’1,75% - I REINVESTIMENTI DELLA LAGARDE, SPACCIATI PER UNA BOCCATA D’OSSIGENO ALL’ITALIA, IN REALTÀ CI RENDONO SEMPRE PIÙ DIPENDENTI DA GERMANIA, OLANDA E FRANCIA…