BERLUSCONI ESCE DA MEDIOBANCA, FININVEST CEDE IL SUO 2% PER 174 MILIONI DI EURO - LA QUOTA SAREBBE STATA RILEVATA DA UNICREDIT. E TRA LE IPOTESI PRENDE QUOTA LA POSSIBILITÀ DI UNA CESSIONE DEL CAPITALE A LEONARDO DEL VECCHIO CHE DI MEDIOBANCA È GIÀ PRIMO AZIONISTA (13%) E CON IL SÌ DELLA BCE POTREBBE ARRIVARE AL 20%. UNA NOTIZIA CHE AVRÀ FATTO POCO PIACERE ALL’AD DI PIAZZETTA CUCCIA, ALBERTO NAGEL...

-

Condividi questo articolo


La Stampa.it

 

SILVIO BERLUSCONI FORZA ITALIA 9 SILVIO BERLUSCONI FORZA ITALIA 9

Fininvest ha ceduto l'intera partecipazione detenuta in Mediobanca: ad annunciarlo è la stessa holding della famiglia Berlusconi che era entrata nel capitale di Piazzetta Cuccia nel 2007. La quota era pari a 17.713.785 azioni corrispondenti a circa il 2% del capitale sociale dell'istituto ed è stata venduta per un controvalore di circa 174 milioni. L’operazione, conclude la nota, «rientra in una logica di razionalizzazione e di ribilanciamento del proprio portafoglio di investimenti finanziari».

 

Le quotazioni Mediobanca sono tornate nella seduta odierna ai massimi dal gennaio 2020 sfiorando i 9,8 euro (9,798 euro il top di giornata). Fininvest era entrata nella banca d’investimento per la prima volta nel dicembre del 2007 con una quota vicina all'1% entrando in quella occasione anche nel patto di sindacato dell'istituto. 

Leonardo Del Vecchio Leonardo Del Vecchio

 

Nel corso dell'anno successivo, il 2008, la holding aveva rilevato un altro 1% fuori patto e Marina Berlusconi era entrata nel consiglio di amministrazione. Anche il fratello Pier Silvio Berlusconi è stato per qualche anno consigliere di Piazzetta Cuccia a partire dal 2012. 

 

La quota di Fininvest, secondo quanto riporta l’Ansa, sarebbe stata rilevata da Unicredit. E tra le ipotesi prende quota la possibilità di una cessione del capitale a Leonardo Del Vecchio che di Mediobanaca è già primo azionista e con il sì della Bce potrebbe arrivare al 20%.

Alberto Nagel Alberto Nagel

 

Condividi questo articolo

business

ALTAVILLA, ALTA QUOTA - FINALMENTE UNO DEI MANAGER PIÙ CAPACI DEL NOSTRO SVENTURATO PAESE HA RICEVUTO CIÒ CHE MERITA. SARÀ ALFREDO ALTAVILLA, BRACCIO DESTRO DI MARCHIONNE, A PRENDERSI SULLE SPALLE IL FARDELLO DI QUEL CHE RESTA DI ALITALIA, ORA DIVENTATA ITALIA TRASPORTO AEREO (ITA) – IL DURO SCONTRO CON ELKANN - CHIAMATO DAL MEF PER GUIDARE LEONARDO, ARRIVÒ IL NO DI GENTILONI PREMIER. CHE SCELSE IL SUO AMICO, EPOCA VERDE CON REALACCI E RUTELLI (CON SABINA RATTI ALL’ENI), ALESSANDRO PROFUMO (SPOSO DELLA RATTI)

DAGOREPORT: COSA FRULLA NELLA TESTA DI ORCEL? – A PIAZZA AFFARI SI SUSSURRA CHE IL NEO-BOSS DI UNICREDIT VOGLIA PUNTARE LE SUE FICHES PRIMA SUL BANCO BPM, PER POI PRENDERSI MPS O UNA PARTE – ORCEL È INGOLOSITO DALLA “DOTE” DA OLTRE 5 MILIARDI (DTA), MA ANCHE DALLE “FABBRICHE PRODOTTI” DI BPM, DI CUI UNICREDIT È SGUARNITA DOPO LA (S)VENDITA DI PIONEER E FINECO BY MUSTIER – INTELLIGENCE SULLA SCELTA DI ORCEL DELLA CINESE JINGLE PANG - DIVERSITA' DI VEDUTE TRA TONONI E CASTAGNA - LO SMEMBRAMENTO DI MPS E IL VOTO PER IL SEGGIO DI SIENA DESTINATO A ENRICO LETTA