BOLLORÉ VA ALLA GUERRA – VIVENDI, PRIMO AZIONISTA DI TIM, CON UNA LETTERA “AVVISA” IL CONSIGLIO DELLA SOCIETÀ: PER DARE IL VIA LIBERA SULLA RETE, SECONDO I FRANCESI, SERVE UN’ASSEMBLEA STRAORDINARIA. È UN MODO PER MINACCIARE LA BOCCIATURA DELLA PROPOSTA DI CDP, CHE STA VALUTANDO UN RILANCIO A 20 MILIARDI. VIVENDI NE CHIEDE 31 E HA UN’ALTRA PROPOSTA: UN’OPA DA PARTE DI UNO O PIÙ FONDI SU TUTTA TIM (LASCIANDO GLI STESSI SOCI), A CUI FAR SEGUIRE LA SCISSIONE PROPORZIONALE

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di F. Sp. per “La Stampa”

 

vincent bollore vincent bollore

Non deve essere il consiglio di Tim ad avere l'ultima parola sulla rete, ma un'assemblea straordinaria. Vivendi, primo azionista dell'ex monopolista delle tlc, in una lettera dai toni perentori "avvisa" il consiglio in vista delle valutazioni che l'organo dovrà fare sulle offerte che sia Kkr sia la cordata Cdp-Macquarie stanno rivedendo al rialzo entro il 18 aprile.

 

PIETRO LABRIOLA TIM PIETRO LABRIOLA TIM

Un ritocco che tuttavia si annuncia contenuto: mentre Vivendi valuta la rete 31 miliardi, […] Cdp starebbe considerando un rilancio nell'ordine dei 2 miliardi per portare l'offerta attorno ai 20. Così i francesi […] fanno sapere al cda che vanno valutate solo offerte adeguate rispetto al reale valore dell'asset e non in una logica del meno peggio. In ogni caso, secondo Vivendi, non deve essere il consiglio a decidere, ma un'assemblea straordinaria. Quella, insomma, che può deliberare con una maggioranza qualificata dei due terzi del capitale presente alla riunione.

 

dario scannapieco dario scannapieco

Un modo per annunciare […] una bocciatura sicura se le proposte non saranno considerevolmente più generose di quelle attuali, visto che Vivendi con il suo 23,75% ha un diritto di veto certo a meno che, alla riunione, non si presenti più del 72% del capitale. Difficile, considerato che all'assemblea dello scorso anno si è presentato il 57,76%. Diverso sarebbe invece se servisse solo una assemblea ordinaria, con il voto appeso alla maggioranza semplice dei presenti.

 

[…] In ogni caso pare profilarsi lo scontro legale. Oggi scade il termine per integrare l'ordine del giorno per l'assemblea del 20 aprile e anche per questo la tensione è alta. La documentazione in vista dell'assise svela come nel 2022 l'ad Pietro Labriola abbia incassato emolumenti per 3,6 milioni di euro.

 

bollore de puyfontaine bollore de puyfontaine

[…] I francesi ricordano anche che, avendo un fruttuoso rapporto con il governo, sono fiduciosi di trovare a breve una soluzione […].  Da tempo sostengono l'ipotesi di un'Opa di uno o più fondi che, lasciando gli attuali grandi soci, levi Tim dalla Borsa ("take private") con una successiva scissione proporzionale.

 

Alla Camera il vicepremier leghista Matteo Salvini sembra schierarsi intanto per l'opzione Cdp: «Preferisco sempre e comunque un piano industriale a un mero piano finanziario che venga a incassare nel breve termine […]». Parole smorzate dal ministro dell'Economia, il leghista Giancarlo Giorgetti: «Non è che decide lo Stato, decide l'assemblea degli azionisti di Tim». Il punto è: ordinaria o straordinaria?

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA GIANCARLO GIORGETTI E MATTEO SALVINI GIANCARLO GIORGETTI E MATTEO SALVINI paul singer fondo elliott paul singer fondo elliott

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO