LA CARTA E' STRACCIA - IL "NEW YORK TIMES" ANNUNCIA CHE PER LA PRIMA VOLTA LE ENTRATE DEL DIGITALE HANNO SUPERATO QUELLE DELLA CARTA STAMPATA. NON SOLO: MENTRE LA PANDEMIA HA ROSICCHIATO LE FONDAMENTA DI MIGLIAIA DI AZIENDE, IL GRUPPO HA REGISTRATO PERDITE MENO DEVASTANTI DEL PREVISTO. ECCO COSA SUCCEDE QUANDO LA TUA ESISTENZA NON DIPENDE DALLA PUBBLICITÀ, MA DA OLTRE 6 MILIONI DI ABBONAMENTI…

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

 

new york times new york times

Il gruppo “New York Times Co.” ha registrato guadagni migliori del previsto nel secondo trimestre dell’anno, annunciando che per la prima volta le entrate dal digitale hanno superato le entrate dalla carta stampata.

 

Il gruppo ha dichiarato di aver registrato un utile netto di 23,7 milioni nel trimestre, in calo rispetto ai 25,2 milioni del periodo dell'anno precedente. I ricavi sono scesi del 7,5% a  403,8 milioni da 436,3 milioni. «Riteniamo che la crescita significativa degli abbonamenti ai nostri prodotti negli ultimi anni dimostri il successo della nostra strategia e la volontà dei nostri lettori di pagare per un giornalismo di alta qualità» ha dichiarato la società in una nota.

mark thompson mark thompson

 

 Il New York Times ha visto crescere gli abbonati per l’offerta principale del digitale di 493.000 lettori nel trimestre, ai quali se ne aggiungono 176.000 che si sono abbonati ad altri prodotti digitali, portando il totale a 669.000. «A fine trimestre avevamo 5,7 milioni di abbonati solo digitali e 6,5 milioni di abbonamenti totali» ha dichiarato il CEO Mark Thompson, che consegnerà le redini a Meredith Kopit Levien a settembre.

 

la facciata della sede del new york times progettata da renzo piano la facciata della sede del new york times progettata da renzo piano

I ricavi pubblicitari sono diminuiti del 43,9% nel trimestre, mentre i ricavi delle sottoscrizioni sono aumentati del 7,5%. Le entrate dagli annunci digitali sono diminuite del 31,9%, mentre le entrate degli annunci sulla carta stampata sono diminuite del 55%. «Le entrate pubblicitarie per la stampa sono diminuite quando la pandemia di COVID-19 ha avuto un’accelerata» si legge in una nota del gruppo.

 

NEW YORK TIMES TRUMP NEW YORK TIMES TRUMP

La società prevede che le entrate dagli abbonamenti aumenteranno di circa il 10% nel terzo trimestre, mentre le entrate in abbonamento solo digitali dovrebbero aumentare di circa il 30%. I ricavi pubblicitari dovrebbero scendere dal 35% al 40%, mentre i ricavi pubblicitari sul digitale dovrebbero calare del 20% circa, sempre principalmente a causa della pandemia.

NEW YORK TIMES TRUMP NEW YORK TIMES TRUMP NEW YORK TIMES NEW YORK TIMES NEW YORK TIMES NEW YORK TIMES mark thompson mark thompson

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”