CASA DEGLI ATELLANI: MILANO DORME, PARIGI NO – A MILANO SI È UDITO UN CORO DI LAGNE PERCHÉ IL MAGNATE FRANCESE DEL LUSSO BERNARD ARNAULT HA CHIUSO LA TRATTATIVA CON LA FAMIGLIA CASTELLINI BALDISSERA PER L'ACQUISTO DEL GIOIELLO RINASCIMENTALE CON ANNESSA VIGNA DI LEONARDO DA VINCI – EPPURE NON RISULTA CHE NESSUNA GRANDE FAMIGLIA MILANESE O GRANDE GRUPPO INDUSTRIALE SI SIA FATTO AVANTI PER SCONGIURARE LA VENDITA ALLO STRANIERO. DI CERTO L’APPROCCIO DI ARNAULT È STATO GIUDICATO DAI PROPRIETARI COME VISIONARIO…

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

 

la casa degli atellani 20 la casa degli atellani 20

La notizia data dal Corriere della Sera e dai giornaloni a dicembre era del tutto azzardata, come ampiamente dagoscritto in diretta, ma oggi le trattative tra la famiglia Castellini Baldissera, proprietaria della casa, e il magnate francese del lusso Bernard Arnault sono infine arrivate a una conclusione. Bernard Arnault, fondatore e amministratore delegato del gruppo LVMH, secondo alcune fonti l’uomo più ricco del mondo, ha acquistato Casa degli Atellani.

 

Casa degli Atellani deve il proprio nome a una famiglia di cortigiani ai quali Ludovico il Moro, nel 1490, regalò due case di fronte alla basilica di Santa Maria delle Grazie. Gli Atellani erano amici di Leonardo da Vinci, in fondo al loro giardino si trovava la vigna che il duca di Milano regalò a Leonardo, presso la vigna abitava e venne ucciso il Salaì, uno degli allievi preferiti del maestro.

 

bernard arnault bernard arnault

Come raccontato da Matteo Bandello nelle sue Novelle, le due case e il loro splendido giardino divennero un centro della vita mondana milanese nel corso del XVI secolo. Qui venivano ospiti, tra gli altri, Cecilia Gallerani, la dama con l’ermellino di Leonardo, Bramante, Francesco Melzi e il condottiero Prospero Colonna; qui viveva, nell’Ottocento, Giovanni Gherardini, librettista per Gioachino Rossini.

 

11 prospero colonna 11 prospero colonna

Nei secoli le case cambiarono proprietario più volte, passando dagli Atellani ai Taverna, un’importante famiglia patrizia milanese, poi ai Pianca e infine ai conti Martini di Cigala, torinesi; fino a quando, nel 1919, vennero acquistate dal magnate dell’energia elettrica Ettore Conti e trasformate, grazie al genio dell’architetto Piero Portaluppi, in una dimora sola: la Casa degli Atellani.

 

Ettore Conti era senatore del Regno, presidente della Banca Commerciale e di diverse società industriali. Negli anni Trenta la Casa degli Atellani torna ad essere quindi un centro del potere e della vita cittadina: qui sono ospiti gerarchi come Giuseppe Bottai, industriali come Alberto Pirelli, e poi figure come Luca Beltrami, Edda Ciano, Arnoldo Mondadori, Marinetti, Raffaele Mattioli.

 

10 francesco melzi ritratto di giovanni antonio boltraffio 10 francesco melzi ritratto di giovanni antonio boltraffio

Lo stesso Portaluppi vive fino alla morte, nel 1967, in un appartamento di Casa degli Atellani, dove riceveva Carlo Carrà, Giovanni Muzio,  Lucio Fontana, Eugenio Montale, Gio Ponti. A partire dagli anni Ottanta la casa viene riordinata con un intervento creativo, ma sempre rispettoso, del nipote di Portaluppi Piero Castellini.

 

In Casa degli Atellani aveva lo studio il banchiere Antonio Castellini Baldissera e abitava Vincenzo Maranghi, delfino di Enrico Cuccia e a lungo amministratore delegato di Mediobanca; che dopo il ritiro, nel 2003, qui continuò a ricevere protagonisti del mondo del potere economico, tra gli altri Gianluigi Gabetti, Tarak Ben Ammar, Fabrizio Palenzona, Giorgio La Malfa, Vincent Bolloré, Renato Pagliaro, Marco Drago, Rupert Murdoch, Roberto Bertazzoni, Francesco Cossiga.

 

13 stemma della famiglia taverna, in casa degli atellani 13 stemma della famiglia taverna, in casa degli atellani

Negli ultimi anni, non si contano le serate organizzate in casa e in giardino dai membri della famiglia: dove s’incontravano Kofi Annan, Stefano Lucchini, Mario e Carlo D’Urso, Pierluigi Bersani, Milena Gabanelli, Jovanotti, Giberto Arrivabene e Bianca d’Aosta, Patti Smith, Antonio Albanese, Roberto D’Agostino e Anna Federici, Placido Domingo, Mia Ceran, Alba Parietti, Roberto Bolle, Carlo e Noris Orsi, Victoria Cabello, Nicolò Castellini Baldissera, Guido Taroni, Giulio e Claudia Sapelli, Vanessa Beecroft, Dalila Di Lazzaro, Paolo Gavazzeni, Leonardo Piccinini, Matilde Gioli, Cate Blanchett, Salvo Nastasi, Luca Guadagnino, Ferruccio de Bortoli, Francesco Melzi d’Eril, Chiara Ferragni, Martina Mondadori, Daniel Barenboim e Gustavo Dudamel, Omar Pedrini, Luca Pignatelli, Fausto Puglisi, Fabrizio Paschina, Mario Martone, Ottavia Casagrande e molti altri rappresentanti del mondo della cultura, della politica e dello spettacolo.

 

la casa degli atellani 6 la casa degli atellani 6

Qui è avvenuto l’anno scorso il ricevimento per il matrimonio lampo tra il rampollissimo Leonardo Maria Del Vecchio e Anna Castellini Baldissera. In occasione di EXPO 2015, l’esposizione universale di cui era manager Beppe Sala, attuale sindaco di Milano, in fondo al giardino di Casa degli Atellani è avvenuto il reimpianto della Vigna di Leonardo, grazie a un progetto curato dai due Pieri di Famiglia: Piero Castellini e Piero Maranghi e dal professor Attilio Scienza, massimo esperto del DNA della vite; contestualmente, durante il giorno, Casa degli Atellani è diventata una casa-museo aperta al pubblico.

 

17 il giovane piero portaluppi 17 il giovane piero portaluppi

Ma torniamo alla vendita. Nell’operazione sono stati coinvolti lo Studio legale ADVANT Nctm, per la parte francese, e lo Studio legale Giliberti Triscornia attraverso Giulio Santagada con lo Studio Commercialisti associati di Salvo e Stefano Spiniello, per la parte italiana, coordinati dal professionista elvetico Luca Soncini, con la consulenza immobiliare di Paolo Casati e figli e il supporto, per la parte legata alla tutela artistica, dell’avvocato Giuseppe Calabi, specialista in diritto dell’arte, tutti sempre in stretto contatto la famiglia venditrice.

 

In questi mesi sono state mosse molte lamentele e obiezioni, legate all’opportunità che l’Italia si privasse di un bene prezioso, e storicamente significativo, come Casa degli Atellani, ma non ci risulta che nel frattempo nessuna grande famiglia milanese, e parimenti nessun grande gruppo industriale, bancario, assicurativo, immobiliare o del lusso, abbia risposto a sollecitazioni, men che meno fatto un’offerta o si sia fatta concretamente avanti per scongiurare la vendita allo straniero.

 

25a piero portaluppi anziano, ritratto in casa degli atellani 25a piero portaluppi anziano, ritratto in casa degli atellani

Nessuno ha avuto un approccio visionario capace di riconoscere il valore storico artistico del bene e le straordinarie potenzialità del tandem Leonardo da Vinci e Piero Portaluppi. Se Milano ha poltrito da Roma e dal Ministero dei Beni Culturali è stato acceso un faro sul palazzo storico con tanto di istruttoria minuziosa da parte della Sopraintendenza, che ha fissato un ulteriore vincolo volto a tutelare la parte monumentale con particolare attenzione all’opera di Piero Portaluppi.

 

Non è dato sapere l’ammontare della transazione, né quali siano le intenzioni del gruppo LVMH intorno alla Casa degli Atellani; merita dire che l’approccio di Bernard Arnault alla questione è stato giudicato dai proprietari come un approccio visionario e prospettico: il solo capace di comprendere le implicazioni di cui sopra. E da Parigi si fa sapere che Milano non è un capriccio ma un luogo dove il Gruppo LVMH ha intenzione di  essere presente e di impegnarsi in investimenti  culturali, di concerto con la Sopraintendenza ai Beni Culturali e il Comune.

la casa degli atellani 15 la casa degli atellani 15

16 ettore conti e re vittorio emanuele iii 16 ettore conti e re vittorio emanuele iii 15 stemma della famiglia martini di cigala, in casa degli atellani 15 stemma della famiglia martini di cigala, in casa degli atellani 26 carlo carra 26 carlo carra 84 ottavia casagrande 84 ottavia casagrande 82 fabrizio paschina e piero maranghi 82 fabrizio paschina e piero maranghi 2b casa degli atellani nel dopoguerra, dopo il secondo intervento di portaluppi 2b casa degli atellani nel dopoguerra, dopo il secondo intervento di portaluppi 2a casa degli atellani schizzo prospettico di piero portaluppi 2a casa degli atellani schizzo prospettico di piero portaluppi 39 vincent bollore 39 vincent bollore 30 gio ponti 30 gio ponti 31 piero castellini 31 piero castellini 32 antonio castellini baldissera 32 antonio castellini baldissera 36 tarak ben ammar 36 tarak ben ammar 64 claudia sonino e giulio sapelli con paolo gavazzeni 64 claudia sonino e giulio sapelli con paolo gavazzeni 3 ludovico il moro pala sforzesca (brera) 3 ludovico il moro pala sforzesca (brera) 40 roberto pagliaro 40 roberto pagliaro 41 marco drago 41 marco drago 42 rupert murdoch 42 rupert murdoch 43 roberto bertazzoni 43 roberto bertazzoni 44 francesco cossiga 44 francesco cossiga 46 stefano lucchini 46 stefano lucchini 47 mario d'urso 47 mario d'urso 48 carlo d'urso 48 carlo d'urso 4 sala dello zodiaco in casa degli atellani 4 sala dello zodiaco in casa degli atellani 59 roberto bolle 59 roberto bolle 5 leonardo da vinci scuola di atene di raffaello 5 leonardo da vinci scuola di atene di raffaello 60 carlo orsi e noris morano orsi 60 carlo orsi e noris morano orsi 62 nicolo?? castellini baldissera 62 nicolo?? castellini baldissera 65 vanessa beecroft 65 vanessa beecroft 6 il salai?? san giovanni battista di leonardo da vinci 6 il salai?? san giovanni battista di leonardo da vinci 67 paolo gavazzeni 67 paolo gavazzeni 68 leonardo piccinini 68 leonardo piccinini 75 chiara ferragni 75 chiara ferragni 72 luca guadagnino e piero castellini 72 luca guadagnino e piero castellini 73 ferruccio de bortoli 73 ferruccio de bortoli 74 francesco melzi d'eril 74 francesco melzi d'eril 76 martina mondadori 76 martina mondadori 77 daniel barenboim 77 daniel barenboim 78 gustavo dudamel 78 gustavo dudamel 92 giulio santagada 92 giulio santagada 79 omar pedrini 79 omar pedrini 7 matteo bandello 7 matteo bandello 80 luca pignatelli 80 luca pignatelli 86 expo 2015, padiglione italia 86 expo 2015, padiglione italia 83 mario martone 83 mario martone 85 anna castellini baldissera e leonardo maria del vecchio 85 anna castellini baldissera e leonardo maria del vecchio 87 beppe sala 87 beppe sala 90 attilio scienza 90 attilio scienza 88a la vigna di leonardo 88a la vigna di leonardo 88b la vigna di leonardo 88b la vigna di leonardo 89 maranghi 89 maranghi 8 cecilia gallerani la dama con l'ermellino di leonardo da vinci 8 cecilia gallerani la dama con l'ermellino di leonardo da vinci 91 casa museo degli atellani e la vigna di leonardo 91 casa museo degli atellani e la vigna di leonardo 93 stefano spiniello 93 stefano spiniello 25b portaluppi in francia negli anni '50. 25b portaluppi in francia negli anni '50. 94 luca soncini 94 luca soncini 95 paolo casati e figli 95 paolo casati e figli 96 giuseppe calabi 96 giuseppe calabi 97 bernard arnault con i figli delphine e antoine, dirigenti del gruppo lvmh 97 bernard arnault con i figli delphine e antoine, dirigenti del gruppo lvmh 98a casa degli atellani, oggi 98a casa degli atellani, oggi 98b casa degli atellani 98b casa degli atellani 99 bernard arnault 99 bernard arnault 9 donato bramante 9 donato bramante 27 giovanni muzio 27 giovanni muzio 24 raffaele mattioli 24 raffaele mattioli 23 filippotommaso marinetti 23 filippotommaso marinetti 22 arnoldo mondadori 22 arnoldo mondadori 21 edda ciano 21 edda ciano 20 luca beltrami 20 luca beltrami 19 alberto pirelli 19 alberto pirelli 18 giuseppe bottai 18 giuseppe bottai 12 giovanni gherardini 12 giovanni gherardini 14 stemma della famiglia pianca, in casa degli atellani 14 stemma della famiglia pianca, in casa degli atellani

2 casa degli atellani 2 casa degli atellani

la casa degli atellani 7 la casa degli atellani 7

 

alexandre e bernard arnault alexandre e bernard arnault

Emmanuel Macron Bernard Arnault Emmanuel Macron Bernard Arnault casa degli atellani dettaglio casa degli atellani dettaglio la casa degli atellani 11 la casa degli atellani 11 la casa degli atellani 1 la casa degli atellani 1 la casa degli atellani 10 la casa degli atellani 10 la casa degli atellani 12 la casa degli atellani 12 la casa degli atellani 16 la casa degli atellani 16 la casa degli atellani 13 la casa degli atellani 13 la casa degli atellani 14 la casa degli atellani 14 la casa degli atellani 17 la casa degli atellani 17 la casa degli atellani 18 la casa degli atellani 18 la casa degli atellani 2 la casa degli atellani 2 la casa degli atellani 19 la casa degli atellani 19 la casa degli atellani 3 la casa degli atellani 3 la casa degli atellani 4 la casa degli atellani 4 la casa degli atellani 5 la casa degli atellani 5 la casa degli atellani 8 la casa degli atellani 8 la casa degli atellani 9 la casa degli atellani 9

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?