CAVALLI ARABI UNITI – È NELLE MANI DI HUSSAIN SAJWANI, UNO DEI QUATTRO UOMINI PIÙ RICCHI DEGLI EMIRATI, IL RILANCIO DEL MARCHIO DI MODA CAVALLI: “IL GOVERNO DRAGHI PUÒ FINALMENTE SBUROCRATIZZARE E MIGLIORARE IL MERCATO DEL LAVORO PER ATTRARRE PIÙ INVESTIMENTI DALL'ESTERO. PENSO A UNA TORRE BRANDIZZATA CAVALLI ANCHE A MILANO” – MA POI METTE UN FRENO ALLA PRODUZIONE IN ITALIA: “IN ASIA LA LAVORAZIONE COSTA MENO” – E SUL RAPPORTO CON TRUMP…

-

Condividi questo articolo


Francesco Rigatelli per "la Stampa"

 

hussain sajwani hussain sajwani

Camicia cucita a mano, cravatta rossa, grisaglia e l'umiltà del figlio di operaio diventato uno dei quattro uomini più ricchi degli Emirati, e tra i più influenti arabi al mondo, Hussain Sajwani era ieri a Milano per presentare il rilancio del marchio di moda Cavalli, acquisito prima della pandemia, una torre di 70 piani da mezzo miliardo da costruire a Dubai e altri investimenti nel nostro Paese.

 

sfilata roberto cavalli sfilata roberto cavalli

 In Italia, secondo lui, «ci sono grandi sfide da ingaggiare, e questo mi piace. Amo il modo italiano di presentare le cose, sono stato ovunque, anche se il mio posto preferito per un weekend rilassante è il Lago di Como». Per Sajwani è il momento di un cambiamento: «Il governo Draghi può finalmente sburocratizzare e migliorare il mercato del lavoro per attrarre più investimenti dall'estero. Penso a una torre brandizzata Cavalli anche a Milano e in altre città e poi cerco i terreni per costruire dei data center. L'Italia può diventare una piattaforma di servizi tecnologici dopo l'arrivo di grandi aziende come Microsoft, Google e Amazon».

 

hussain sajwani, donald trump e ivanka trump hussain sajwani, donald trump e ivanka trump

Per Cavalli l'obiettivo è il pareggio di bilancio entro il 2023, la sede è stata trasferita da Firenze a Milano e sono in corso di apertura undici negozi nelle maggiori città del mondo. Dopo aver costruito hotel e torri marchiati Versace e Fendi l'imprenditore si dice aperto ad altre opportunità nella moda, comprese eventuali acquisizioni di marchi italiani, anche se avvisa: «In Italia i prodotti sono fatti meglio, ma in Asia la lavorazione costa meno. Questo poteva reggere vent' anni fa, quando la classe media italiana non comprava vestiti cinesi. Oggi invece li acquista e così l'Italia deve stare più attenta al costo del lavoro».

hussain sajwani 4 hussain sajwani 4

 

Saiwani glissa sui suoi rapporti con Trump: «Ci sentiamo perché siamo in affari per dei campi da golf». Così come sulla situazione afghana: «Non sono un politico, la seguo in tv». E si dice ottimista per l'uscita dalla pandemia: «Molte parti del mondo, come gli Emirati, hanno fatto chiusure, aperture lente e vaccinato molto. La strategia giusta per agganciare la ripresa».

cavalli cavalli hussain sajwani 2 hussain sajwani 2 hussain sajwani hussain sajwani sfilata roberto cavalli 1 sfilata roberto cavalli 1 roberto cavalli roberto cavalli

 

Condividi questo articolo

business

UN BEL BOTIN PER ORCEL - L’EX PRESIDENTE DI UBS AXEL WEBER E IL CAPO DELLA BANCA SVIZZERA, MARK SHELTON, HANNO TESTIMONIATO DAVANTI AI GIUDICI DI MADRID SUL CASO DEI BONUS NON PAGATI DAL BANCO SANTANDER AD ANDREA ORCEL. I DUE NON HANNO POTUTO CHE CONFERMARE CIÒ CHE AVEVANO GIÀ DETTO PIÙ VOLTE, CIOÈ CHE UBS AVEVA AVVISATO IL SANTANDER CHE NON AVREBBERO PAGATO LORO QUEI BONUS - ORCEL ORA INCASSERÀ IL DOVUTO, SI PARLA DI 76 MILIONI DI EURO. E ANA BOTIN? GLI AZIONISTI POTRANNO CONFERMARE UN PRESIDENTE SMENTITO DI FRONTE A TUTTO IL MONDO?

LA MILANO DI MEDIOBANCA HA SCHIFATO DEL VECCHIO E LUI CI RIPROVA A ROMA - IL “PAPERONE DI AGORDO” È PRONTO A DONARE 150 MILIONI PER IL RISANAMENTO DEGLI OSPEDALI CATTOLICI DELLA CAPITALE - UNA PRIMA INIEZIONE DI LIQUIDITÀ DA 25 MILIONI SAREBBE DESTINATA ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL FATEBENEFRATELLI, PER IL QUALE È IN ATTO DA MESI UNA TRATTATIVA TRA LA CHIESA E IL GRUPPO SAN DONATO DELLA FAMIGLIA ROTELLI - PER DEL VECCHIO SAREBBE UNA RIVINCITA DOPO NON ESSERE RIUSCITO A PRENDERE IL CONTROLLO DELLO IEO DI MILANO...

ORA CHE LE ELEZIONI SONO ANDATE, SI PUÒ FINALMENTE CELEBRARE IL MATRIMONIO UNICREDIT-MPS. PECCATO CHE LA TRATTATIVA SIA A UN PUNTO MORTO: ORCEL VUOLE CHIUDERE ENTRO IL 27 OTTOBRE, MA C’È ANCORA DA TROVARE UN ACCORDO SULLA "DOTE" E SUI SOLDI CHE IL GOVERNO DOVREBBE INIETTARE NEL MONTE PER RENDERE NEUTRALE L’OPERAZIONE PER UNICREDIT. MESI FA SI PARLAVA DI UN AUMENTO DI CAPITALE DI 3 MILIARDI MASSIMO, ORA IL TESORO SAREBBE PRONTO AD ARRIVARE A 5 (MA SECONDO ORCEL NON BASTA) - IL GIALLO DELLA PROROGA PER L’USCITA DEL TESORO DAL CAPITALE...