CDP, C’È POSTE PER TE - SCANNAPIECO E DEL FANTE RIDISCUTONO L'ACCORDO PER GESTIRE I RISPARMI DEGLI ITALIANI: ATTUALMENTE A CDP SONO AFFIDATI 275 MILIARDI DI RISPARMI DEGLI ITALIANI RACCOLTI DA POSTE. RIMANE IL NODO COMMISIONI: L'ACCORDO SCADUTO PREVEDE UNA REMUNERAZIONE ANNUA IN FAVORE DI POSTE DI 1,55 MILIARDI CON UN MASSIMO DI 1,85 MILIARDI - LA PRECEDENTE GESTIONE DI CDP MIRAVA A RIDURRE LE COMMISSIONI INTRODUCENDO UNA SERIE DI IMPEGNI ULTERIORI A CARICO DI POSTE, MA ORA…

-

Condividi questo articolo


Riccardo Dimito per “Il Messaggero”

 

Dario Scannapieco Matteo Del Fante Dario Scannapieco Matteo Del Fante

Non solo Autostrade, Open Fiber, Borsa Italiana e Super Nexi ma tra le priorità di Dario Scannapieco c'è il rinnovo della convenzione con Poste, scaduta a fine 2020 e in regime di prorogatio. Nei giorni scorsi sono ripresi i colloqui fra le parti per dare un'accelerata alla firma del nuovo accordo sulla gestione di parte del risparmio raccolto attraverso i 13 mila uffici postali: questa convenzione è di solito biennale ma quello conclusosi nel 2020 era triennale (venne siglato nel 2017) per essere coerente con i rispettivi piani industriali. Il nuovo dovrebbe coprire il triennio 2021-2023.

 

Dario Scannapieco Matteo Del Fante Dario Scannapieco Matteo Del Fante

I rapporti fra Cassa e Poste ora sono facilitati da una chimica più favorevole tra Scannapieco e Matteo Del Fante, l'ad delle Poste, sicché sarà probabilmente più rapido il raggiungimento di un'intesa grazie alla quale da oltre un secolo il risparmio degli italiani affidato da Poste a Cdp si trasforma in un volano di sviluppo e di crescita del Paese, contribuendo all'aumento degli investimenti strategici e al miglioramento della competitività.

 

dario scannapieco 1 dario scannapieco 1

Il nuovo accordo, sul quale Scannapieco ha subito messo al lavoro il vicedg Alessandro Tonetti e Del Fante ha incaricato Giuseppe Lasco, condirettore generale, mira da un lato a consolidare il ruolo dei buoni fruttiferi emessi da Cassa e dei libretti di risparmio postale fra i prodotti di punta nelle gestioni dei risparmi così concentrati e, dall'altro, a innovare e ampliare la gamma dei servizi offerti.

 

MATTEO DEL FANTE POSTE ITALIANE MATTEO DEL FANTE POSTE ITALIANE

Attualmente a Cdp sono affidati 275 miliardi di risparmi degli italiani raccolti di Poste mentre l'accordo scaduto prevede una remunerazione annua in favore della società guidata da Del Fante pari a 1,55 miliardi con un massimo di 1,85 miliardi a fronte di obiettivi di raccolta concordati. Il negoziato non era andato a buon fine in quanto la precedente gestione di Cdp mirava a ridurre le commissioni introducendo una serie di impegni ulteriori a carico di Poste: tra questi, oltre a nuovi obiettivi di raccolta, degli oneri aggiuntivi sui budget pubblicitari, visto che la società controllata dal Tesoro pretendeva più visibilità e coinvolgimento nelle decisioni sull'impiego degli investimenti negli spot.

 

dario scannapieco 2 dario scannapieco 2

LE SALE RIUNIONI L'obiettivo dichiarato di Scannapieco e Del Fante, rinnovando questo accordo, è anche di rilanciare il risparmio postale, con il riposizionamento di buoni e libretti, prevedendo maggiori investimenti in tecnologia, comunicazione, promozione e formazione, al fine di raggiungere una sempre più ampia platea di risparmiatori, per i quali questi prodotti costituiscono un'opportunità di risparmio e investimento. Buoni e libretti rappresentano, grazie alla loro flessibilità di rimborso, alla garanzia dello Stato e alla totale assenza di costi, prodotti di risparmio unici nel panorama finanziario, oltre a essere tra i più diffusi tra gli italiani.

 

matteo del fante poste italiane 2 matteo del fante poste italiane 2

Scannapieco non ha dunque perso tempo per marcare con le sue cifre la gestione di Cdp, un crocevia chiave della ripresa dovendo implementare i fondi del Pnrr. Sembra inoltre che l'ex vicepresidente Bei abbia già completato il rifacimento del layout ambientale ereditato: il quarto piano di Via Goito, che era stato adattato per l'uso esclusivo del precedente ad con la riconfigurazione delle varie sale riunioni a garanzia di massima privacy rispetto alla struttura interna, sarebbe già tornato agibile alle varie linee manageriali

dario scannapieco dario scannapieco matteo del fante poste italiane 3 matteo del fante poste italiane 3 matteo del fante poste italiane 1 matteo del fante poste italiane 1 matteo del fante poste italiane 4 matteo del fante poste italiane 4 matteo del fante poste italiane 5 matteo del fante poste italiane 5 DARIO SCANNAPIECO DARIO SCANNAPIECO

 

Condividi questo articolo

business

MONTE DEI DEMOCRATICI DI SIENA – I GROVIGLI, I DISEGNI E LE LITI DELLA SINISTRA SU MPS: L’ISTITUTO È SEMPRE STATO TELE-GUIDATO DALLA POLITICA, PRIMA DAL PCI, POI DAL PDS E INFINE DAL PD – LA FOTO DI MUSSARI E AMATO CHE GUARDANO IL PALIO DALLA FINESTRA, L’ACQUISTO DI BANCA 121 NEL COLLEGIO DI D’ALEMA, IL DISASTRO ANTONVENETA, LA NOMINA DI PROFUMO E L’EX MINISTRO DELL’ECONOMIA PADOAN, DIVENTATO PRESIDENTE DI UNICREDIT (CHE ORA SI VUOLE PAPPARE SIENA…) – IL SINDACO DE MOSSI: "CITTÀ NON RIMANGA SUPINA. NON SIAMO AL SUPERMERCATO"

GENERALI, SEGNATEVI QUESTA DATA: LUNEDÌ 27 SETTEMBRE. QUEL GIORNO, IL BOARD DELLA COMPAGNIA TRIESTINA È CONVOCATO PER DECIDERE SE FARE O MENO UNA “LISTA DEL CDA”, IN VISTA DEL RINNOVO DEI VERTICI PREVISTO AD APRILE 2022. I SOCI FORTI (CALTAGIRONE, DEL VECCHIO E BENETTON) PREMONO PER UN CAMBIAMENTO IMMEDIATO DEL MANAGEMENT. IN ATTESA DI SAPERE CHE COSA FARÀ IL FANTASISTA NAGEL (CON MEDIOBANCA ASSEDIATA DAGLI ARZILLI CALTA E DEL VECCHIO), LA RICONFERMA DI DONNET RESTA POSSIBILE MA TUTT'ALTRO CHE SCONTATA