CHI C’È DIETRO COVALIS? “IL FATTO”: “FINANZIARIAMENTE PARLANDO, ZACH MECELIS È UNO SCONOSCIUTO. HA DEPOSITATO LO 0,67% DEL CAPITALE DI ENEL, UNA SPESA DA 600 MILIONI, QUANDO I PRIMI 7 INVESTIMENTI DI COVALIS NON SUPERANO LA MANCIATA DI MILIONI. È CHIARO CHE AGISCE PER CONTO DI QUALCUNO E FORSE LO SI CAPIRÀ AL MOMENTO DI RICEVERE IL DIVIDENDO A GIUGNO (SE SARÀ RIMASTO). ALCUNE TRACCE PORTANO IN SPAGNA, DOVE I QUOTIDIANI FINANZIARI HANNO NOTATO LEGAMI CON ENDESA, CONTROLLATA SPAGNOLA DI CUI STARACE È VICEPRESIDENTE. SE VINCE MECELIS, È UNA FIGURACCIA; SE NON VINCE, SCATTERÀ LA RESA DEI CONTI…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Carlo Di Foggia per “il Fatto quotidiano”

 

ZACH MECELIS ZACH MECELIS

La battaglia per i vertici di Enel si concluderà oggi all’assemblea degli azionisti. Si vedrà se avrà successo la sfida lanciata al governo italiano e al Tesoro azionista dal fondo caymaniano Covalis dell’ex broker lituano Zach Mecelis. Diversi elementi alla vigilia lo rendono improbabile, ma gli errori commessi lasceranno strascichi. Non è insomma finita qui. Se invece Covalis dovesse vincere, la figuraccia sarebbe dirompente.

 

Oggi l’assemblea eleggerà il Cda. Dovrebbe vincere la lista di Assogestioni, che racchiude i fondi comuni d’investimento e le società di risparmio. Se così fosse, alla fine il Tesoro, che ha il 23% del capitale, comunque eleggerà la sua lista, visto che Assogestioni ne presenta una “corta” di soli tre nomi.

 

È già successo nel 2020 in Enel, quando fu uno choc per il ministero, che stavolta ha problemi più grossi. Come noto, gli alleati sono riusciti a imporre a Giorgia Meloni che a guidare il gigante elettrico sarà Flavio Cattaneo (ex Terna, Rai, Tim) e come presidente Paolo Scaroni, il padre-padrone di Eni durante i governi Berlusconi segnati dai generosi contratti di gas con la Russia.

 

francesco starace foto di bacco (2) francesco starace foto di bacco (2)

Mecelis ha lanciato la sfida contestando soprattutto la scelta di Scaroni, infatti la sua lista non prevede un Ad, ma solo un presidente: il banchiere Marco Mazzucchelli. A decidere la partita saranno come sempre i grandi fondi esteri. I proxy advisor […] hanno dato indicazione soprattutto di votare Assogestioni. Alcuni grandi fondi hanno preso già posizione.

 

Quello sovrano della Norvegia e Mondrian, che sommano a meno del 4% del capitale, si sono schierati per Mazzuchelli. Per battere Scaroni, però, Covalis deve farlo eleggere in Cda superando almeno il 10% e la letteraccia che Mecelis ha mandato lunedì agli azionisti attaccando Assogestioni sembra suggerire che l’impresa stia sfumando.

 

[…] La realtà è che Covalis è stato aiutato dall’autogol del Tesoro che ha fatto candidare Scaroni come “non indipendente” (molti fondi possono votare solo candidati indipendenti).

PAOLO SCARONI ENEL PAOLO SCARONI ENEL

L’indicazione però pare arrivata da Enel, ed è la seconda anomalia di questa storia dopo quella dell’Ad del colosso, Francesco Starace, spodestato dopo 9 anni dal controllo, che ha provato pubblicamente a mettersi a disposizione dei vincitori, una cosa talmente incredibile da far sospettare che ci sia una regia interna dietro la mossa di Covalis.

 

Finanziariamente parlando, infatti, Mecelis è uno sconosciuto: ha depositato lo 0,67% del capitale di Enel, una spesa da 600 milioni, quando i primi 7 investimenti di Covalis non superano la manciata di milioni (e tutti, eccetto uno, sono in società dove il presidente non è indipendente). È chiaro che agisce per conto di qualcuno e forse lo si capirà al momento di ricevere il dividendo a giugno (se sarà rimasto). Alcune tracce portano in Spagna, dove i quotidiani finanziari hanno notato legami con Endesa, controllata spagnola di cui Starace è vicepresidente (la lista di Covalis comprende gli spagnoli Daniel Lacalle e Paulina Beato). Oggi il verdetto. Se vince Mecelis, è una figuraccia; se non vince, scatterà la resa dei conti.

francesco starace francesco starace Paolo Scaroni Paolo Scaroni

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO