CIMBRI SE LA COMANDA - IL GRUPPO UNIPOL, APPROFITTANDO DEL CROLLO DEI PREZZI, FA UN BLITZ ED ENTRA NEL CAPITALE DELLA POPOLARE DI SONDRIO CON L'1,9% - L'INCURSIONE HA UNA VALENZA STRATEGICA PER VALUTARE LA FUSIONE CON BPER DI CUI UNIPOL È IL PRINCIPALE AZIONISTA CON IL 19,9%...

-

Condividi questo articolo

Rosario Dimito per “il Messaggero”

 

Il gruppo Unipol si muove a tutto campo, probabilmente approfittando del crollo dei prezzi in Borsa, e dopo il ritorno nel capitale di Mediobanca con l'1,9%, è entrato in quello della Popolare di Sondrio con l'1,9% dove è comparsa anche Norges Bank con il 2,6%.

carlo cimbri carlo cimbri

 

Ma se la quota in Piazzetta Cuccia è la conferma di un' alleanza operativa in piedi da un decennio, allentatasi dal punto di vista azionario nel 2012 a seguito del salvataggio di FonSai, l' incursione del gruppo finanziario e assicurativo nella banca valtellinese potrebbe avere una valenza strategica legata a Bper di cui Unipol è il principale azionista con il 19,9%. Peraltro, nel capitale della banca modenese si è sciolto da ieri anche il patto storico che legava vecchi azionisti del luogo, tra cui l' imprenditore Giorgio Pulazza, con il 2,3% del capitale: va da sè che questa decisione ha di fatto rafforzato il peso di Unipol.

 

IL RISIKO IN CORSO

BPER BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA BPER BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA

La Sondrio è con la Popolare di Bari una delle due banche cooperative rimaste fuori dalla riforma Renzi. L' istituto guidato da Mario Alberto Pedranzini sta tentando di resistere all' obbligo di trasformazione in spa e ora il dossier è sul tavolo della Corte europea. Da gennaio nella Sondrio è entrato il fondo Amber Capital con il 5,9% ma la banca lombarda gli ha chiuso le porte negandogli l' iscrizione al libro-soci e ingaggiando una disputa giuridica che dura tuttora.

 

In questo contesto l' ingresso di Unipol, sia pure con una quota limitata, potrebbe preludere a una potenziale trattativa con Bper finalizzata a una fusione, approfittando della liaison fra Modena e Sondrio nella partnership in Arca sgr, dove la banca emiliana ha il 57% e quella lombarda il 36,8%.

 

Cimbri Cimbri

Del resto, Bper è una delle grandi banche che, almeno prima della crisi da Covid, veniva indicata tra le protagoniste del risiko. Ma l' Ops di Intesa Sanpaolo su Ubi che ha coinvolto la stessa banca modenese come acquirente di 400 filiali della bussiness combination e Unipol per acquisire i portafogli assicurativi di questa rete di sportelli, ha rilanciato le ambizioni del polo emiliano che pure sta digerendo Unipol Banca. Sembrava che il prossimo passo potesse essere Mps, invece la direzione sarebbe il nord-ovest dove Bper sta inglobando la casse di Bra e Savigliano.

 

Condividi questo articolo

business

IN MEDIOBANCA STAT GENERALI - PAOLO MADRON: “LA RICHIESTA ALLA BCE DA PARTE DI DEL VECCHIO SAREBBE STATA PRESENTATA VENERDÌ SERA, POCHI GIORNO DOPO IL PRIMO ROUND DELL’ARBITRATO TRA RCS DI URBANO CAIRO E GLI AMERICANI DI BLACKSTONE SU VIA SOLFERINO. E POI SIA RCS CHE DEL VECCHIO SONO ASSISTITI DALL’AVVOCATO SERGIO EREDE. NON MI SORPRENDEREI CHE, ANCHE GRAZIE A QUESTO TRAIT D’UNION, CAIRO E IL PATRON DI LUXOTTICA SI STIANO PREPARANDO A RISPONDERE ALL’ASSE DOMINANTE RAPPRESENTATO DA MEDIOBANCA E INTESA SAN PAOLO” – INSOMMA, SE MESSINA-NAGEL-CIMBRI CONQUISTANO UBI, POI TOCCA AL “CORRIERE”...