DATORE DI LAVORO, ADDIO! - NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2022, 1,7 MILIONI DI PERSONE HANNO PRESENTATO LE DIMISSIONI E LA STRAGRANDE MAGGIORANZA LO HA FATTO PER UN ALTRO POSTO - CHI CAMBIA, LO FA PER CERCARE BENEFICI ECONOMICI (46%), OPPORTUNITÀ DI CARRIERA (35%), PER UNA MAGGIORE SALUTE FISICA O MENTALE (24%), PER INSEGUIRE LE PROPRIE PASSIONI PERSONALI (18%) O UNA MAGGIORE FLESSIBILITÀ DELL'ORARIO DI LAVORO (18%)…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Giuliano Balestreri per “la Stampa”

 

grandi dimissioni in italia 7 grandi dimissioni in italia 7

Da un lato c'è la voglia di un lavoro più in linea con le proprie aspettative; dall'altro un mercato finalmente dinamico. […] dei quasi 1,7 milioni di lavoratori che nei primi nove mesi dell'anno scorso hanno lasciato l'impiego, la stragrande maggioranza lo ha fatto per un altro lavoro. […] Nei primi nove mesi del 2021, le dimissioni erano state 1,3 milioni; il 22% in meno. […] E tra le cause di cessazione dei rapporti di lavoro le dimissioni costituiscono, dopo la scadenza dei contratti a termine, la quota più alta. Guardando il solo terzo trimestre dell'anno scorso, le dimissioni sono state 562mila, in crescita del 6,6% (pari a +35mila) sul terzo trimestre 2021. […]

 

grandi dimissioni in italia 8 grandi dimissioni in italia 8

nell'ultimo anno il tasso di turnover sia aumentato per il 73% delle aziende con il 45% degli occupati che dichiara di aver cambiato lavoro nell'ultimo anno o di avere intenzione di farlo da qui a 18 mesi. Numeri che crescono per i giovani (18-30 anni), per determinati settori (ICT, Servizi e Finance) e per alcuni profili (professionalità digitali). […]

 

grandi dimissioni in italia 6 grandi dimissioni in italia 6

tra le persone che hanno lasciato il proprio impiego, 4 su 10 lo hanno fatto senza un'altra offerta di lavoro al momento delle dimissioni. Chi cambia, quindi, lo fa principalmente per cercare benefici economici (46%), opportunità di carriera (35%), per una maggiore salute fisica o mentale (24%) o per inseguire le proprie passioni personali (18%) o una maggiore flessibilità dell'orario di lavoro (18%).

 

Ma le cifre indicano anche come risalga il numero dei licenziamenti, dopo la fine del blocco deciso con la crisi pandemica: tra gennaio e settembre 2022, infatti, sono stati circa 557mila i rapporti interrotti per decisione del datore di lavoro contro i 379mila nei primi nove mesi del 2021, con un aumento del 47% […]

 

grandi dimissioni in italia 5 grandi dimissioni in italia 5

[…] «L'aumento delle dimissioni - spiega Tania Scacchetti della Cgil - può avere spiegazioni molto differenti: da un lato può positivamente essere legata alla volontà, dopo la pandemia, di scommettere su un posto di lavoro più soddisfacente o più 'agile', dall'altro però, soprattutto per chi non ha già un altro lavoro verso il quale transitare, potrebbe essere legato a una crescita del malessere dovuta anche ad uno scarso coinvolgimento e ad una scarsa valorizzazione professionale da parte delle imprese». […]

 

Condividi questo articolo

business

UN GOVERNO DI POSTINI – PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO “POLIS” DI POSTE ITALIANE, C’ERA SCHIERATO PRATICAMENTE TUTTO IL GOVERNO, OLTRE A MATTARELLA E LA RUSSA. SU TUTTI BRILLAVA IL BOSS DELLA RAI BRUNO VESPA, SVOCIATO DOPO LA PERFOMANCE D'UGOLA AL CAFONAL-PARTY DI SANDRA CARRARO DELLA SERA PRIMA - MATTEO DEL FANTE PUNTA MOLTO SUL PIANO "POLIS", IN CUI VERRÀ INVESTITO 1,2 MILIARDI DI EURO, PER LA RICONFERMA COME AD (IL GRAN VALZER DELLE NOMINE DELLE AZIENDE DI STATO  INIZIERA' A "BALLARE" DOPO L'ESITO DEL VOTO DELLE REGIONALI...)