DICEVA MADRE TERESA DI CALCUTTA: LA VERITÀ È SEMPLICE. E SULLA RETE UNICA LA VERITÀ È IN QUESTE 10 RIGHE PUBBLICATE OGGI DA “MILANO FINANZA”: “IL CDA DI TIM HA FINALMENTE AGGIORNATO LE TEMPISTICHE RELATIVE AL MEMORANDUM PER LA RETE UNICA. LA NUOVA TIMELINE PREVEDE L'INVIO DI UNA PROPOSTA NON VINCOLANTE DA PARTE DI OPEN FIBER ENTRO IL 30 NOVEMBRE E SENZA PIÙ IL VINCOLO DI ESCLUSIVA NELLA TRATTATIVA. A QUESTO PUNTO LA PALLA PASSA AL GOVERNO CHE PRIMA O POI DOVRÀ APRIRE IL DOSSIER. DRAGHI AVEVA PREDISPOSTO UNO STEERING COMMITTEE. COME PROCEDERÀ ORA GIORGIA MELONI?”

-

Condividi questo articolo


Da “Milano Finanza”

 

DARIO SCANNAPIECO DARIO SCANNAPIECO

Il cda di Tim ha finalmente aggiornato le tempistiche relative al memorandum of understanding per arrivare alla creazione della rete unica. Come anticipato da MF-Milano Finanza, la nuova timeline prevede l'invio di una proposta non vincolante da parte di Open Fiber (il soggetto che dovrebbe rilevare gli asset infrastrutturali di Tim aggregati sotto NetCo) entro il 30 novembre e senza più il vincolo di esclusiva nella trattativa.

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

A questo punto la palla passa al governo che prima o poi dovrà aprire il dossier. L'esecutivo guidato da Mario Draghi aveva predisposto per le decisioni uno Steering Committee cui partecipavano oltre al premier e a Cdp (principale azionista di Open Fiber) anche i ministeri dell'Economia, dello Sviluppo Economico, della Transizione Digitale e anche l'Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica. Come procederà ora Giorgia Meloni?

giorgia meloni giorgia meloni GIORGIA MELONI E MARIO DRAGHI GIORGIA MELONI E MARIO DRAGHI giovanni gorno tempini e dario scannapieco foto di bacco 2 giovanni gorno tempini e dario scannapieco foto di bacco 2 giorgia meloni nel 2011 giorgia meloni nel 2011 PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI SERGIO MATTARELLA GIORGIA MELONI SERGIO MATTARELLA GIORGIA MELONI pietro labriola sul tetto della sede milanese di tim a via negri pietro labriola sul tetto della sede milanese di tim a via negri pietro labriola pietro labriola PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA dario scannapieco dario scannapieco

 

Condividi questo articolo

business

IL PIZZINO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D’ITALIA, IGNAZIO VISCO A CHRISTINE LAGARDE: “LE DECISIONI DELLA BCE SONO STATE VOLTE A CONTRASTARE IL PERICOLO DELL’INFLAZIONE. L’AZIONE DOVRÀ PROSEGUIRE RICERCANDO IL GIUSTO EQUILIBRIO TRA IL RISCHIO DI FARE TROPPO POCO, LASCIANDO L’INFLAZIONE ELEVATA, E QUELLO DI FARE TROPPO, PORTANDO A UNA CADUTA DEL REDDITO E DELL’OCCUPAZIONE E COMPROMETTENDO LA STABILITÀ FINANZIARIA” – FINALMENTE UNA BUONA NOTIZIA: “LE ASPETTATIVE DI INFLAZIONE A BREVE TERMINE SONO IN CALO” – LA CITAZIONE DI CIAMPI

ELON MUSK PUÒ CONTINUARE A “MANOVRARE” LA BORSA AMERICANA SENZA CONSEGUENZE – LO SVALVOLONE PATRON DI “TESLA” È STATO ASSOLTO DALL’ACCUSA DI FRODE PER I SUOI TWEET DEL 2018 IN CUI ANNUNCIAVA IL DELISTING DALLA BORSA DELLA SUA CASA AUTOMOBILISTICA PER 420 DOLLARI AD AZIONE (MAI AVVENUTO) – LE DICHIARAZIONI SCONCLUSIONATE AVEVANO FATTO PERDERE AGLI INVESTITORI UN MUCCHIO DI SOLDI E MUSK ERA STATO PORTATO IN TRIBUNALE – PER IL GIUDICE MR TESLA AVEVA AGITO IN MODO FUORVIANTE MA...