ENEL NEL MIRINO - BENE, A QUANTO PARE BUONA PARTE DELL’ESTABLISHMENT INTERNAZIONALE NON HA GRADITO LA NOMINA DI PAOLINO SCARONI (QUOTA BERLUSCONI) ALLA PRESIDENZA DELL’ENEL. COSÌ, PER LA PRIMA VOLTA DUE FONDI INTERNAZIONALI (COVALIS E MONDRIAN) SONO IN PISTA PER CONQUISTARE I TRE POSTI CHE SPETTANO ALLE LISTE DI MINORANZA ALL’INTERNO DEL CDA. VASTO PROGRAMMA. MA SE DOVESSE SUCCEDERE PER IL DUPLEX SCARONI-CATTANEO I SOGNI DI GLORIA POTREBBERO TRASFORMARSI IN INCUBI…

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

PAOLO SCARONI FLAVIO CATTANEO PAOLO SCARONI FLAVIO CATTANEO

Bene, a quanto pare buona parte dell’establishment internazionale non ha gradito la nomina di Paolino Scaroni (quota Berlusconi) alla presidenza dell’Enel.

 

La sua rete di rapporti, relazioni, conoscenze in campo politico-finanziario, ben radicata in decenni di gestione di potere, prima all’Enel, poi soprattutto all’Eni, potrebbe influenzare l’operazione di riduzione del debito accumulato (70/80 miliardi) da Starace nel corso dei suoi tre mandati.

ZACH MECELIS ZACH MECELIS

 

E visto che è stato deus ex machina del Cane a sei zampe, potrebbe intralciare i piani del suo ex sottoposto Claudio Descalzi.

 

Aggrottano la fronte davanti al nome Scaroni anche ambienti politico-finanziari oltre Atlantico. Scrive “La Stampa”: ‘’….rincorso dalle inchieste giudiziarie per tutta la carriera, nel 1992 fu arrestato dai magistrati di Mani Pulite per tangenti al Partito socialista. Allora era a capo del colosso italo-argentino Techint, e i soldi servivano a vincere commesse di Enel. Nel 2006 aveva trasformato l’Eni nel primo partner mondiale della russa Gazprom, preceduto da un mai chiarito affare che coinvolse un imprenditore amico di Berlusconi (Bruno Mentasti) e altri soci russi”.

 

E’ invece molto meno urticante il giudizio sul nome di Flavio Cattaneo (quota Salvini), anche se alcuni addetti ai livori ben ricordano la liquidazione che lo ricoprì d’oro dopo appena 16 mesi alla guida di Telecom Italia: 25 milioni (in Terna, dopo 9 anni da amministratore delegato, aveva incassato 9,58 milioni di buonuscita).

 

Clive Gillmore Clive Gillmore

Ora due fondi internazionali hanno iniziato a rompere le uova nel paniere del governo ed hanno scodellato per il prossimo consiglio, per la gioia di Giorgetti, una seconda lista di minoranza, dopo quella di Asso-gestioni e quella di maggioranza del Mef.

 

flavio cattaneo foto di bacco flavio cattaneo foto di bacco

 In prima fila Covalis Capital (che ha in tasca l’1% in Enel), fondo specializzato in infrastrutture già azionista di Terna, a seguire Mondrian Investment Partners (che possiede l’1,7% di Enel), un’altra società di gestione degli investimenti che si è detta “estremamente delusa dalla totale mancanza di trasparenza nel processo e nei criteri di nomina” del nuovo consiglio di Enel.

PAOLO SCARONI ENEL PAOLO SCARONI ENEL

Clive Gillmore Clive Gillmore

 

L’obiettivo dei due fondi è, convincendo le società di “proxy”, di arrivare al 7% e portarsi a casa i tre posti spettano alle liste di minoranza all’interno del cda. Vasto programma, ma se dovesse succedere per il duplex Scaroni-Cattaneo i sogni di gloria potrebbero trasformarsi in incubi.

mondrian investment partners mondrian investment partners Covalis Capital Covalis Capital flavio cattaneo misura la temperatura foto di bacco flavio cattaneo misura la temperatura foto di bacco flavio cattaneo foto di bacco (3) flavio cattaneo foto di bacco (3) mondrian investment partners mondrian investment partners Covalis Capital Covalis Capital

PAOLO SCARONI - SILVIO BERLUSCONI - ALEXEY MILLER - VLADIMIR PUTIN PAOLO SCARONI - SILVIO BERLUSCONI - ALEXEY MILLER - VLADIMIR PUTIN PAOLO SCARONI ENI PAOLO SCARONI ENI FULVIO CONTI PAOLO SCARONI FULVIO CONTI PAOLO SCARONI PAOLO SCARONI PAOLO SCARONI Paolo Scaroni Paolo Scaroni PAOLO SCARONI PAOLO SCARONI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...