EVERGRANDE NON È TROPPO GRANDE PER FALLIRE – IL TRIBUNALE DI HONG KONG HA DISPOSTO L’ORDINE DI LIQUIDAZIONE DEL COLOSSO CINESE DELL’IMMOBILIARE: È L’EFFETTO DEL MANCATO ACCORDO CON I CREDITORI PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO OFFSHORE. I TITOLI DELLA SOCIETÀ SONO STATI SOSPESI IN BORSA: IL DIRETTORE DI EVERGRANDE, SHAWN SIU, HA DEFINITO LA DECISIONE “MOLTO DEPLOREVOLE” (LO È ANCHE AVERE 330 MILIARDI DI DOLLARI DI DEBITO…)

-

Condividi questo articolo


evergrande cina evergrande cina

EVERGRANDE, ORDINE DI LIQUIDAZIONE DAL TRIBUNALE HONG KONG

(ANSA) - Il tribunale di Hong Kong ha disposto l'ordine di liquidazione di Evergrande come risultato del mancato accordo con i principali creditori dopo che la maratona negoziale del weekend si è conclusa con un nulla di fatto sulla ristrutturazione del debito offshore. Lo riferiscono i media dell'ex colonia britannica.

 

xi jinping al vertice brics di johannesburg xi jinping al vertice brics di johannesburg

L'udienza sulla liquidazione di Evergrande dinanzi all'Alta corte di Hong Kong è iniziata alle 9.30 locali (2.30 in Italia) e ha avuto una brevissima durata, con la giudice Linda Chan che ha preso atto del nulla di fatto dei negoziati sul piano di ristrutturazione e della inconsistenza degli sforzi profusi da Evergrande per averne uno potenzialmente funzionante.

 

"In base all'evidente mancanza di progressi da parte della società nel presentare una proposta di ristrutturazione realizzabile, ritengo opportuno che il tribunale emetta un ordine di liquidazione nei confronti della società e a tal proposito lo emetto", ha detto Chan. La giudice, inoltre, terrà nel primo pomeriggio (14.30 locali) una rara udienza su un possibile "ordine regolamentare", il cui scopo è quello di consentire al tribunale di regolare il processo di liquidazione, includendo la potenziale nomina di un liquidatore ad hoc.

 

IL CRAC EVERGRANDE - VIGNETTA BY GIANNELLI IL CRAC EVERGRANDE - VIGNETTA BY GIANNELLI

 

EVERGRANDE, STOP TITOLI IN BORSA DOPO ORDINE LIQUIDAZIONE

(ANSA) - titoli Evergande sono stati sospesi alla Borsa di Hong Kong dopo l'ordine di liquidazione del gruppo deciso dal tribunale dell'ex colonia britannica per effetto del mancato accordo con i principali creditori sul piano di ristrutturazione dei debiti offshore. Lo si legge in una nota.

 

Evergrande è stata sospesa dalle contrattazioni alla Borsa di Hong Kong quando perdeva il 20,87%, toccando i nuovi minimi storici di 0,16 dollari di Hk sull'ordine di liquidazione del gruppo deciso dall'Alta corte dell'ex colonia britannica. Lo stop alle negoziazioni è stato disposto anche per le azioni delle due controllate del gruppo di Shenzhen, l'ex colosso che sconta la profonda crisi del settore immobiliare cinese, attive rispettivamente nelle auto elettriche e nella gestione dei servizi immobiliari: Evergrande NEV (-18,21% a 0,23 dollari di Hk) e Evergrande Services (-2,50% a 0,39 dollari di Hk).

 

LE DIFFICOLTA ECONOMICHE DELLA CINA LE DIFFICOLTA ECONOMICHE DELLA CINA

EVERGRANDE, 'MOLTO DEPLOREVOLE L'ORDINE DI LIQUIDAZIONE'

(ANSA) - Il direttore esecutivo di Evergrande, Shawn Siu, ha definito "molto deplorevole" la decisione dell'Alta corte di Hong Kong di disporre la liquidazione del colosso di Shenzhen oberato da circa 330 miliardi di dollari di debiti. "La sentenza odierna è contraria alle nostre intenzioni originali", ha osservato il manager parlando con il quotidiano economico cinese 21st Century Business Herald, in quello è che il primo commento sugli sviluppi. "Possiamo solo dire che abbiamo fatto del nostro meglio ed è molto deplorevole", ha aggiunto, che il gruppo "affronterà le difficoltà e i problemi e adotterà tutte le misure legali del caso".

 

CINA - CRISI DEL MODELLO ECONOMICO CINA - CRISI DEL MODELLO ECONOMICO

Malgrado la liquidazione, contro cui è possibile la strada del ricorso in appello, il gruppo farà tutto il possibile "per portare avanti con costanza il funzionamento normale delle sue attività con la premessa di salvaguardare i diritti e gli interessi legittimi dei creditori nazionali ed esteri", ha osservato ancora il manager. Allo stesso tempo, Evergrande "comunicherà anche in modo proattivo con il liquidatore, coopererà in conformità con la legge nell'adempimento delle procedure pertinenti e seguirà le pratiche internazionali e le regole del mercato per promuovere il lavoro di liquidazione del debito e altri compiti chiave, tra cui garantire la consegna delle proprietà"

crac evergrande in cina 3 crac evergrande in cina 3 crac evergrande in cina 2 crac evergrande in cina 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…