LA FEDELTÀ PAGA: FRANCESCO MILLERI, IL MANAGER CHE HA AFFIANCATO PER 16 ANNI LEONARDO DEL VECCHIO, EREDITA LO 0,5% DELLE AZIONI DI ESSILUX, CHE VALGONO QUALCOSA COME 340 MILIONI DI EURO. IL PAPERONE DI AGORDO HA LASCIATO 22MILA AZIONI (3,5 MILIONI DI EURO) ALL’ALTRO BRACCIO DESTRO, ROMOLO BARDIN – LA VEDOVA, NICOLETTA ZAMPILLO, POTRÀ AVERE, O MEGLIO, RICOMPRARSI, LE VILLE....

-

Condividi questo articolo


Sara Bennewitz per “la Repubblica”

 

TESTAMENTO DI LEONARDO DEL VECCHIO TESTAMENTO DI LEONARDO DEL VECCHIO

Leonardo Del Vecchio, fondatore di Luxottica scomparso lo scorso 27 giugno, lascia lo 0,5% del colosso dell'occhialeria che ha fondato al suo delfino, Francesco Milleri, il manager che negli ultimi 16 anni lo ha affiancato al vertice dell'azienda di Agordo. Si tratta di una piccola quota, ma che sulla Borsa di Parigi ieri valeva poco meno di 340 milioni e che in automatico trasforma il manager in un imprenditore e socio importante del colosso di occhiali.

 

Per lasciare a Milleri questo pacchetto di azioni l'imprenditore ha scelto la forma del testamento olografo, scritto di proprio pugno, vergato con la sua bella calligrafia che gli ha fatto avere a 16 anni un lavoro da incisore avvicinandolo al mondo dell'occhialeria.

LEONARDO DEL VECCHIO FOTOGRAFATO DA RENE BURRI LEONARDO DEL VECCHIO FOTOGRAFATO DA RENE BURRI

 

Il primo testamento olografo è del 2017 depositato presso lo studio Znr del notaio Mario Notari, poi ritoccato altre due volte negli anni fino al 2021, ovvero quando grazie al lavoro di Milleri si perfeziona il sogno di Del Vecchio di unire il colosso degli occhaili di Agordo con quello delle lenti quotato a Parigi di cui il manager diventa ceo, su indicazione di Delfin.

 

FRANCESCO MILLERI LEONARDO DEL VECCHIO FRANCESCO MILLERI LEONARDO DEL VECCHIO

Milleri, che di Essilux è ora anche presidente, lo scorso primo luglio ha quindi ereditato 2,15 milioni di azioni che ieri valevano 338 milioni di euro. Germana Chiodi, dirigente di Esselunga, ex segretaria e collaboratrice di una vita di Bernardo Caprotti, aveva ricevuto dall'imprenditore scomparso nel 2017 circa 75 milioni di euro, ovvero «la metà dei risparmi di una vita ».

 

Nello stesso testamento olografo Del Vecchio lascia a Romolo Bardin, ceo della stessa Delfin e altro storico collaboratore dell'imprenditore, 22 mila azioni del colosso dell'occhialeria (pari a 3,5 milioni di euro, 100 volte in meno di quelle lasciate a Milleri).

 

IL PALAZZO DI LEONARDO DEL VECCHIO SU LUNGOTEVERE MARZIO, A ROMA IL PALAZZO DI LEONARDO DEL VECCHIO SU LUNGOTEVERE MARZIO, A ROMA

Con questa mossa Del Vecchio ha voluto coinvolgere economicamente oltre che personalmente i manager a lui più vicini nell'impresa della sua vita, la sua Essilux. Milleri e Bardin sono anche chiamati ad amministrare rispettivamente come presidente e ad la holding Delfin, che resta padrona del 32% del colosso dell'occhialeria, insieme ai suoi otto eredi.

 

nicoletta zampillo ai funerali di leonardo del vecchio nicoletta zampillo ai funerali di leonardo del vecchio

I figli dell'imprenditore Claudio, Marisa, Paola, Clemente, Luca e Leonardo Maria, insieme alla moglie Nicoletta Zampillo, e il figlio del primo matrimonio di quest' ultima, Rocco Basilico, hanno tutti ricevuto il 12,5% della finanziaria che ha un patrimonio stimato in oltre 30 miliardi di euro, di cui due terzi è rappresentato da Essilux e il resto dal 10% di Generali, dal 20% di Mediobanca, dal 26% di Covivio, dall'1,9% di Unicredit da immobili e altre partecipazioni minori.

 

Alla vedova l'imprenditore ha lasciato oltre a un ottavo della finanziaria anche il diritto ad avere - o meglio di ricomprarsi - gli immobili che i due abitavano insieme, con «gli arredi, gli oggetti d'arte e i beni mobili in queste contenuti» e della casa coniugale di Milano in Piazza San Fedele 2.

 

ROCCO BASILICO E LEONARDO MARIA DEL VECCHIO ROCCO BASILICO E LEONARDO MARIA DEL VECCHIO

Si tratta dell'intera «partecipazione da me detenuta in piena proprietà nella società Frangipiani Limited, con sede in 11 Old Parham Road, St. John's - Antigua West Indies, titolare della no stra villa in Antigua, il cui altro socio è mia moglie Nicoletta», oltre che «il diritto ad ottenere, direttamente o indirettamente, con oneri e spese a carico dell'eredità, la proprietà della palazzina in Roma, Lungotevere Marzio n. 14 e Via Monte Brianzo n. 16, attualmente di proprietà della società Partimmo s.r.l., interamente partecipata da Delfin, con l'onere di consentire a mia figlia Marisa, vita natural durante, l'utilizzo a titolo gratuito dell'appartamento che attualmente ella occupa in detta palazzina».

 

nicoletta zampillo leonardo del vecchio nicoletta zampillo leonardo del vecchio

E anche «il diritto ad ottenere, direttamente o indirettamente, con oneri e spese a carico dell'eredità, la proprietà della Villa La Leonina in Beaulieu- Sur-Mer». Dunque, Nicoletta Zampillo avrà la piena proprietà della villa di Antigua e potrà ricomprare dalla Delfin, di cui è azionista al 12,5% (ma insieme ai figli Leonardo Maria e Rocco Basilico arriva al 37,5%), la proprietà della casa di Milano, di quella di Roma e di quella in Costa Azzurra, liquidando i figli del primo matrimonio dell'imprenditore (Claudio, Marisa e Paola) e quelli avuti da Sabina Grossi (Luca e Clemente), nel caso in cui Delfin decida di venderle.

dynasty del vecchio dynasty del vecchio Leonardo del Vecchio Leonardo del Vecchio claudio del vecchio claudio del vecchio funerali leonardo del vecchio 33 funerali leonardo del vecchio 33 funerali leonardo del vecchio 1 funerali leonardo del vecchio 1 nicoletta zampillo ai funerali di leonardo del vecchio nicoletta zampillo ai funerali di leonardo del vecchio

 

Condividi questo articolo

business

BUTTI LA RETE (COMINCIAMO BENE...) – IL RESPONSABILE TELECOMUNICAZIONI DI FRATELLI D’ITALIA ALESSIO BUTTI SMENTISCE "IL FOGLIO" SULLA RETE UNICA - "SIAMO FORTEMENTE CONTRARI AL PIANO DI VENDITA DELLA RETE TIM. LA RETE UNICA DEVE RIMANERE IN CAPO A TIM. MA CON CONTROLLO E GESTIONE DI CDP" – CERASA (DIRETTORE DE "IL FOGLIO"): IL PIANO DI FRATELLI D’ITALIA E’ FAR COMPRARE OPEN FIBER A TIM E POI FAR COMPRARE TIM A CDP. MI PARE ISPIRATO AL MODELLO MADURO (NAZIONALIZZARE TUTTO)…

PREPARATEVI A UN AUTUNNO MOLTO CALDO – L’ULTIMO RAPPORTO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA È UNA DOCCIA FREDDA: NONOSTANTE I DATI POSITIVI DEL PIL, “L’ATTIVITÀ ECONOMICA STA RALLENTANDO”, COME HA SPECIFICATO ANCHE IERI DRAGHI – NEL FRATTEMPO LA BANCA D’INGHILTERRA AUMENTA ANCORA I TASSI, PORTANDOLI ALL’1,75% - I REINVESTIMENTI DELLA LAGARDE, SPACCIATI PER UNA BOCCATA D’OSSIGENO ALL’ITALIA, IN REALTÀ CI RENDONO SEMPRE PIÙ DIPENDENTI DA GERMANIA, OLANDA E FRANCIA…