GENERALI ALLA GUERRA - L’ANNUNCIO DELL’OPA SU CATTOLICA ERA INIZIALMENTE PREVISTO PIÙ AVANTI DI QUALCHE GIORNO, MA DEL VECCHIO E CALTAGIRONE HANNO DATO LA SPINTA DECISIVA PER ACCORCIARE I TEMPI (ANCHE PERCHÉ I PREZZI COMINCIAVANO A SALIRE) - L’OFFERTA CHE PUNTA AL DELISTING DELLA COMPAGNIA ASSICURATIVA VERONESE SCATTA AD APPENA DUE MESI DALLA TRASFORMAZIONE IN SPA. L’ACQUISIZIONE PERMETTEREBBE A GENERALI DI SUPERARE UNIPOL NEL MERCATO DANNI - RIMANGONO SOLO DA CONVINCERE I GRANDI SOCI, COME WARREN BUFFETT…

-

Condividi questo articolo


Francesco Spini per “La Stampa”

 

PHILIPPE DONNET GENERALI PHILIPPE DONNET GENERALI

Le Generali muovono su Cattolica Assicurazioni e lanciano un' offerta pubblica d' acquisto totalitaria a 6,75 euro per azione. L' operazione vale 1,18 miliardi di euro. La mossa era nell' aria da tempo, almeno da quando, un anno fa, il Leone ha deciso di entrare nella compagnia veronese col 23,7%, sottoscrivendo la prima tranche da 300 milioni di aumento di capitale. Ma rispetto alle frizioni - di metodo più che di merito - che hanno accompagnato la prima fase, l' opportunità di muovere il passo decisivo su Cattolica ha visto il voto compatto e unanime del consiglio.

francesco gaetano caltagirone philippe donnet francesco gaetano caltagirone philippe donnet

 

Anzi: pare che l' annuncio dell' Opa fosse inizialmente previsto più avanti di qualche giorno. Ma i soci «privati» come Francesco Gaetano Caltagirone, che del Leone è secondo azionista e vicepresidente vicario, e Leonardo Del Vecchio, rappresentato in consiglio dall' ad di Delfin Romolo Bardin, avrebbero concordato con il management di accorciare i tempi di un' operazione giudicata di interesse per la compagnia. I prezzi, del resto, cominciavano a salire.

CATTOLICA ASSICURAZIONE CATTOLICA ASSICURAZIONE

 

In Borsa la notizia dell' Opa di Generali, lanciata con un premio del 40,5% rispetto alla media aritmetica del prezzo degli ultimi sei mesi e del 15,3% sulla chiusura di venerdì scorso, è stata accolta con un balzo del 15,11%, col titolo Cattolica già finito sopra il prezzo d' offerta, a 6,97 euro.

 

carlo ferraresi carlo ferraresi

Ma i rialzi più significativi, quando c' è di mezzo una scalata, sono sempre quelli che precedono l' annuncio. E gli «sceriffi» della Consob - come avviene in questi casi - stanno rileggendo sotto una diversa prospettiva il +14,9% che venerdì è seguito ai pur ottimi risultati trimestrali della società.

 

L' Opa - nata con la consulenza di Rothschild, Bofa e Mediobanca - scatta ad appena due mesi dalla trasformazione in Spa di Cattolica, quando sono cadute le accuse che puntavano a gettare ombre sull' assemblea della svolta, e mentre il gruppo marcia con una nuova governance con al vertice l' ad Carlo Ferraresi.

 

ASSICURAZIONI CATTOLICA ASSICURAZIONI CATTOLICA

Da un punto di vista industriale, per come è stato illustrato nel cda mattutino dall' ad di Generali Philippe Donnet, l' offerta ha l' obiettivo di consolidare la posizione del Leone nel mercato assicurativo italiano. L' acquisizione, si sottolinea nel comunicato d' offerta, permetterebbe a Trieste di «diventare il primo gruppo nel mercato danni», sorpassando dunque Unipol, «e di rafforzare la propria presenza nel mercato vita». Ci sarà un «incremento della scala dimensionale di Generali in Europa», un modo per alzare le difese.

 

warren buffett warren buffett

Le sinergie in termini di minori costi e maggiori ricavi sono stimate «superiori a 80 milioni di euro ante imposte per anno» a fronte di costi di integrazione per 150-200 milioni di euro. Ora saranno da convincere i grandi soci, a cominciare da Warren Buffett, che con la sua Berkshire Hathaway dopo l' ingresso di Generali dal 9% s' è diluito al 6,9% circa. A suo tempo entrò pagando le azioni 7,35 euro. L' offerta da 6,75 euro appare svantaggiosa anche se, coi dividendi incassati, l' incasso totale si innalzerebbe a 7,5 euro. La Borsa - e c' è da scommettere pure Buffett -, punta però su un rialzo. Donnet, invece, mentre annuncia anche il completamento dell' acquisizione delle attività di Axa in Grecia, conta di aver segnato un punto a favore per una sua riconferma come ad.

 

cattolica banco bpm ferraresi castagna cattolica banco bpm ferraresi castagna

Presto si aprirà il confronto sulla «lista del cda» in vista del rinnovo dei vertici. Il nome del capoazienda e il relativo assetto di governance (con le questioni poste da Caltagirone: la presenza di un dg o di un comitato esecutivo) saranno i primi nodi. E il cda farà la sua scelta prima di votare il piano che Donnet ha già messo in cantiere, senza avere la certezza che sarà lui a portarlo a termine.

PHILIPPE DONNET ALBERTO NAGEL PHILIPPE DONNET ALBERTO NAGEL philippe donnet philippe donnet

 

 

 

Condividi questo articolo

business

OH, CHE BEL CASELLO! - CON IL PASSAGGIO DI ASPI DALLA GALASSIA BENETTON A CDP CON I FONDI ESTERI BLACKSTONE E MACQUARIE, CI SARÀ UNA RIVOLUZIONE SIA IN TERMINI INFRASTRUTTURALI, SIA FINANZIARI: SULLE AUTOSTRADE PIOVERANNO INVESTIMENTI PER 26 MILIARDI MENTRE I FONDI ESTERI VOGLIONO RENDERE LA SOCIETA’ PROFITTEVOLE CON UN RITORNO ATTESO IPOTIZZATO DEL 7-8% -  NEL TEMPO CDP POTREBBE GRADUALMENTE RIDIMENSIONARE LA PARTECIPAZIONE DEL 51% IN FAVORE DI CASSE DI PREVIDENZA E ASSICURAZIONI ITALIANE…

QUELLA TESTIMONIANZA NON S’HA DA FARE! – CASO SANTANDER-ORCEL: IL TRIBUNALE DI MADRID BLOCCA DI NUOVO TUTTO E RINVIA L'UDIENZA IN CUI GLI EX VERTICI DI UBS AXEL WEBER E MAX  SHELTON AVREBBERO DOVUTO CONFERMARE CHE SAREBBE TOCCATO ALLA BANCA GUIDATA DA ANA BOTIN PAGARE I BONUS DIFFERITI DEL NEO-BOSS DI UNICREDIT - POTERE DEL SANTANDER, CHE IN SPAGNA CONTA PIÙ DEL GOVERNO. MA PRIMA O POI WEBER E SHELTON DOVRANNO SEDERSI DAVANTI A UN GIUDICE E CONFERMARE CHE AVEVANO AVVISATO LA BOTIN. E ALLORA LA BANCA SPAGNOLA VIVRÀ LA PRIMA SCONFITTA IN TRIBUNALE DELLA SUA STORIA…