INTESA POUR HOMME – L’ASSEMBLEA DI INTESA SANPAOLO CONFERMA GROS-PIETRO PRESIDENTE E SANCISCE DI FATTO LA SCONFITTA DI GUZZETTI E LA VITTORIA DI MESSINA, CHE HA NEGATO ALL'ARZILLO VECCHIETTO IL CANDIDATO ALLA PRESIDENZA – CONFERMATO ANCHE IL VICE PAOLO ANDREA COLOMBO E ELETTO IL NUOVO CDA – IL PESO DELLE FONDAZIONI CALA, QUELLO DEGLI INVESTITORI INTERNAZIONALI AUMENTA

-

Condividi questo articolo

INTESA SANPAOLO: GROS-PIETRO CONFERMATO PRESIDENTE 

 

gian maria gros pietro gian maria gros pietro

(ANSA) - Gian Maria Gros-Pietro è stato confermato presidente di Intesa Sanpaolo per il periodo 2019-2021 con il 95,7%. Confermato anche il vicepresidente Paolo Andrea Colombo. Lo hanno deliberato gli azionisti della banca, che hanno applaudito Gros-Pietro al secondo mandato. "M'impegno a corrispondere la vostra fiducia", ha detto Gros-Pietro. I soci hanno anche eletto il nuovo consiglio di amministrazione composto da 19 consiglieri, 14 della lista di maggioranza (votata dal 63,1%) e 5 di quella di minoranza Il consenso raccolto in assemblea dalla lista di maggioranza per il nuovo consiglio è aumentato di due punti percentuali rispetto a tre anni fa, passando dal 61 al 63,12%, nonostante il minore peso delle fondazioni (dal 23 al 17%). E' aumentato quindi il consenso degli investitori internazionali. Sono stati nominati consiglieri, oltre a Gros-Pietro e Colombo, Carlo Messina, Franco Ceruti, Giovanni Gorno Tempini, Rossella Locatelli, Luciano Nebbia, Bruno Picca, Livia Pomodoro, Maria Alessandra Stefanelli, Guglielmo Weber, Daniele Zamboni, Maria Mazzarella, Anna Gatti, Fabrizio Mosca, Milena Teresa Motta, Maria Cristina Zoppo, Alberto Maria Pisani e Corrado Gatti. Fanno parte del Comitato per il controllo sulla gestione Mosca, Motta, Zoppo, Pisani e Corrado Gatti.

carlo messina carlo messina

 

 

Camilla Conti per “il Giornale”

 

Intesa Sanpaolo passerà oggi a Torino il test dell' assemblea sulla nomina del nuovo cda senza traumi. Le fondazioni azioniste (Compagnia San Paolo, Cariplo, Cariparo, Carisbo e CrFirenze), che radunano il 16,5% del capitale, hanno depositato a marzo la lista unica dei candidati per il nuovo board al 2021 confermando l' attuale vertice della banca che vede Gian Maria Gros-Pietro nel ruolo di presidente e Carlo Messina come amministratore delegato.

 

GUZZETTI GUZZETTI

La scelta degli enti è stata fatta all' insegna della continuità. Era stato proprio il cda uscente, con l' approvazione di un apposito documento, a indicare la strada agli azionisti per le 19 poltrone di cui 14 saranno espressione delle fondazioni mentre gli altri 5 saranno eletti dalle liste di minoranza e da Assogestioni. Il ticket già rodato Messina-Gros-Pietro sarà affiancato dal vicepresidente Paolo Andrea Colombo.

 

I soci oggi dovranno anche approvare il bilancio 2018 chiuso con un utile a 4,05 miliardi (+6% rispetto al 2017) che ha portato gli azionisti ad avere un ritorno sul dividendo del 42% dal 2014 e un monte cedole salito a quasi 3,5 miliardi sui risultati del 2018.

 

Paolo Andrea Colombo Paolo Andrea Colombo

Nel frattempo, in attesa della trimestrale che sarà comunicata al mercato il prossimo 7 maggio, il gruppo guidato da Messina ha svelato ieri i numeri del Fondo di Beneficenza ed opere di carattere sociale e culturale: nel 2019 verranno erogate risorse per 13,5 milioni dopo i 12 dello scorso anno a sostegno di 908 progetti realizzati da enti non profit.

gian maria gros pietro gian maria gros pietro

 

Quasi il 30% dei fondi è stato destinato a Mezzogiorno e isole. «Nel 2018 il solo «contributo caritatevole» di Intesa alla comunità, di cui il Fondo rappresenta il 20%, è stato di circa 62 milioni, cui si aggiungono i dividendi distribuiti alle Fondazioni azioniste pari a 625 milioni nel 2019», ha spiegato il presidente Gros Pietro.

gian maria gros pietro carlo messina giovanni bazoli gian maria gros pietro carlo messina giovanni bazoli BAZOLI GROS PIETRO MESSINA BAZOLI GROS PIETRO MESSINA carlo messina carlo messina CARLO MESSINA CARLO MESSINA CARLO MESSINA A DAVOS CARLO MESSINA A DAVOS giuseppe guzzetti giuseppe guzzetti

 

Condividi questo articolo

business

BOOM! MARCHIONNE ERA MORTO DA GIORNI QUANDO FCA DIEDE L'ANNUNCIO. LA PROVA? LA LETTERA DI GRANDE STEVENS INVIATA AL ''CORRIERE'' TRE GIORNI PRIMA DELLA DATA UFFICIALE. CHE SCATENÒ UNA LITE TRA ELKANN E LO STORICO AVVOCATO DI FAMIGLIA - ELKANN PRONTO A TUTTO PUR DI VENDERE FCA. IL GOVERNO FRANCESE HA IMPOSTO A SENARD DI ABBANDONARE LA FUSIONE PARITARIA: PARIGI DEVE ESSERE DOMINANTE - LA FAMIGLIA AGNELLI FURIOSA CON JOHN PER ESSERE STATA ESTROMESSA DALLA DECISIONE E JOHN FURIOSO CON L'AD MANTLEY PER AVER VENDUTO LE SUE AZIONI FCA