IO SPERIAMO CHE ME LA CAVO – SI ALLUNGANO I TEMPI PER LA CESSIONE DELLA RETE DI TIM NETCO A KKR: L'ANTITRUST EUROPEO HA BOCCIATO LA RICHIESTA DI PROCEDURA BREVE AVANZATA DAL FONDO AMERICANO – ANZI, BRUXELLES HA INVIATO UNA SERIE DI DOMANDE SULL’OPERAZIONE A CUI VA DATA RISPOSTA – SOTTO LA LENTE C'È IL RUOLO DEL GOVERNO ITALIANO, UN NODO SU CUI VIVENDI HA SPEDITO UNA LETTERA ALL’UE PER CHIEDERE CONTROLLI – E ORA I FRANCESI, CHE SEMBRAVANO ORMAI SCONFITTI, TORNANO A ESSERE CRUCIALI PER…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Manuel Follis per “La Stampa”

 

TIM - RETE NETCO TIM - RETE NETCO

Per una partita di Tim che sembra andare per il verso giusto ce n'è un'altra che invece potrebbe complicarsi. Le buone notizie arrivano da Sparkle su cui il Mef ha finalmente fatto un'offerta, mentre la strada rischia di farsi più faticosa per la cessione della rete (Netco) a Kkr, visto che l'Antitrust europeo potrebbe dettare tempi più lunghi rispetto a quanto inizialmente previsto.

 

Il mercato per il momento apprezza il fatto che stia facendo passi avanti la valorizzazione di Sparkle, la società che si occupa di connettività internazionale che non rientra nel perimetro di Netco ed è considerata un asset strategico dal governo ai fini della sicurezza nazionale.

 

RETE TIM - FONDO KKR RETE TIM - FONDO KKR

Il compromesso ipotizzato dal Tesoro, assistito da Ubs come advisor, sarebbe quello di offrire una cifra inferiore a quanto chiesto da Tim, con la possibilità però per quest'ultima di mantenere una quota di minoranza e superare così le differenze di prezzo tra domanda e offerta. […]

 

Come detto, potrebbe invece complicarsi la partita riguardante l'Antitrust europeo. Secondo quanto risulta a La Stampa Kkr avrebbe inviato la documentazione a Bruxelles chiedendo di poter evitare la fase di pre notifica, ma avrebbe ricevuto risposta negativa. I tecnici della Ue non solo hanno chiesto di inviare il form previsto in questi casi, ma avrebbero (come di consueto) risposto con una serie di domande la cui risposta richiederà del tempo.

 

henry kravis henry kravis

Quanto? C'è chi è convinto poche settimane, come previsto, e chi invece stima che potrebbero volerci un paio di mesi. La tempistica complessiva però, sostengono fonti vicine alla società, non dovrebbe subire ritardi. Tutto questo ammettendo che Bruxelles non riscontri problemi.

 

Sotto la lente c'è il ruolo del governo nell'operazione, che secondo Vivendi, primo azionista di Tim con il 24%, avrebbe dovuto essere trattato come parte correlata, vista la sua presenza nell'azionariato della newco che rileverà la rete. Pochi giorni fa i francesi hanno inviato una lettera alla Ue proprio per chiedere di verificare la posizione del governo italiano nell'operazione Netco, mentre i principali operatori tlc italiani si sono rivolti alla Dg Comp per chiedere di valutare con attenzione il rischio di anticoncorrenzialità dell'operazione rete.

 

BOLLORE' VIVENDI BOLLORE' VIVENDI

I francesi che sembravano essere usciti di scena sconfitti dopo l'approvazione della vendita della rete da parte del board Tim, sono tornati di buon umore nelle ultime settimane, complice il rimpasto all'interno del governo francese, che ha portato il presidente Emmanuel Macron a stringere un patto con l'ex presidente Nicolas Sarkozy, storico alleato del magnate francese.

 

In ogni caso, in Italia Vivendi non fa mistero di non voler appoggiare la lista promossa dal cda che punta sulla riconferma dell'ad Pietro Labriola e continua a valutare di presentare una propria lista alternativa per il board. Motivo per cui molti sono convinti la situazione si sbloccherà davvero solo se e quando si riuscirà a trovare un accordo con i francesi.

FONDO KKR FONDO KKR vincent bollore vincent bollore PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA RETE TIM - NETCO RETE TIM - NETCO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È UN MUSCOLOIDE “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GONFIAVA I MUSCOLI E GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, DI FATTO, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE