JEFF BEZOS HA VISTO SFUMARE 20,5 MILIARDI DI DOLLARI DELLA SUA FORTUNA, DOPO CHE I RISULTATI DI AMAZON HANNO DELUSO GLI INVESTITORI - LE AZIONI DELLA SOCIETÀ DI E-COMMERCE SONO SCESE DEL 14% VENERDÌ DOPO AVER REGISTRATO UNA PERDITA TRIMESTRALE E LA CRESCITA DELLE VENDITE PIÙ LENTA DAL 2001 - IL PATRIMONIO NETTO DI BEZOS È SCESO A 148,4 MILIARDI DI DOLLARI (HA PERSO 44 MILIARDI DALL'INIZIO DEL 2022)

-

Condividi questo articolo


Jeff Bezos Jeff Bezos

Dagotraduzione da Bloomberg

 

Jeff Bezos ha visto sfumare 20,5 miliardi di dollari della sua fortuna dopo che i risultati di Amazon hanno lasciato gli investitori delusi, contribuendo ad alimentare il mese peggiore per i titoli tecnologici degli ultimi anni. Le azioni della società di e-commerce sono scese del 14% venerdì dopo aver registrato una perdita trimestrale e la crescita delle vendite più lenta dal 2001. Il patrimonio netto di Bezos è sceso a 148,4 miliardi di dollari, secondo Bloomberg Billion

jeff bezos e laura sanchez a st. barts jeff bezos e laura sanchez a st. barts

 

Bezos, 58 anni, la persona più ricca del mondo dopo Elon Musk, è ora il terzo nella classifica di chi ha perso più ricchezza quest'anno: la sua fortuna è diminuita di quasi 44 miliardi di dollari dal primo gennaio. Amazon è alle prese con l’aumento dei costi di manodopera a seguito dell’infornata di assunzioni durante la pandemia e un aumento dell'inflazione che potrebbe frenare le vendite. La società ha registrato una perdita netta di 3,8 miliardi di dollari nel trimestre terminato il 31 marzo, rispetto a un utile di 8,1 miliardi di dollari nello stesso periodo dell'anno scorso.

jeff bezos jeff bezos

 

 

Condividi questo articolo

business

CHE SENSO HA FARE L’AMAZON ITALIANA SE C’È GIÀ QUELLA ORIGINALE, CHE FUNZIONA MEGLIO? – SE LO DOVEVA CHIEDERE CHI HA BUTTATO UNA MAREA DI SOLDI IN “EPRICE”: PAOLO AINIO DI BANZAI, MATTEO ARPE, PIETRO BOROLI E ALTRI FINANZIERI E IMPRENDITORI, CHE SOGNAVANO DI CREARE UN SITO DI E-COMMERCE PARAGONABILE AL COLOSSO DI BEZOS. E INVECE, DOPO LA QUOTAZIONE E TANTE SPERANZE, IL SITO È AL COLLASSO: IL PATRIMONIO È AZZERATO E L’UNICA ANCORA DI SALVEZZA SONO GLI EMIRATINI DI “NEGMA”, CHE HANNO PROMESSO 20 MILIONI DI LIQUIDITÀ

NUVOLA NERA – CHE STA SUCCEDENDO NELLA BATTAGLIA PER IL CLOUD NAZIONALE? LA CORDATA TIM-LEONARDO-CDP-SOGEI HA GIÀ ANNUNCIATO CHE FARÀ UN RILANCIO PER PAREGGIARE L’OFFERTA, DA 2,68 MILIARDI, DI ARUBA E FASTWEB. TUTTO BENE? MICA TANTO: LE DUE AZIENDE,  CHE SI SONO AGGIUDICATE LA GARA IN PRIMA BATTUTA, VOGLIONO FARE RICORSO. ARUBA E FASTWEB SOSTENGONO INFATTI CHE LA POSSIBILITÀ DI RILANCIARE VENGA DATA ALLA CORDATA “PUBBLICA” PER FAVORIRLA, IN PIENA VIOLAZIONE DELLE LEGGI EUROPEE…