LAPO ELKANN LITIGA CON GLI ACQUIRENTI SVIZZERI DI "GARAGE ITALIA CUSTOMS", LA SOCIETÀ DI CUSTOMIZZAZIONE AUTO E DA COLLEZIONE, E LASCIA "CON EFFETTO IMMEDIATO" IL CONSIGLIO E LA CARICA DI PRESIDENTE DELL'HUB CREATIVO DA LUI FONDATO NEL 2017 - LAPO AVEVA VENDUTO A LUGLIO IL 100% ALLA SVIZZERA YOUNGTIMERS PER 10 MILIONI DI FRANCHI SVIZZERI…

-

Condividi questo articolo


F.Mas. per il "Corriere della Sera"

 

lapo elkann garage customs lapo elkann garage customs

Lapo Elkann litiga con gli acquirenti svizzeri di Garage Italia Customs, la società di customizzazione di auto e da collezione, e lascia «con effetto immediato», ha annunciato ieri su Twitter, il consiglio e la carica di presidente dell'hub creativo da lui fondato nel 2017. L'imprenditore aveva venduto a luglio il 100% alla svizzera Youngtimers per 10 milioni di franchi svizzeri ed era entrato al 23% nella capogruppo quotata a Zurigo con un vincolo all'uscita fino al 2022. Più di recente Youngtimers si è impegnata con una put (da una non precisata controparte) a rilevare fino al 9% di Pininfarina tra l'1 e il 15 2022 a 1,05 euro per azione (per circa 7,5 milioni di euro).

Carlo Cracco e Lapo Elkann a Garage Italia Carlo Cracco e Lapo Elkann a Garage Italia lapo elkann garage lapo elkann garage

 

Condividi questo articolo

business

IL FONDO NON DIMENTICA - BLACKSTONE METTE IL VETO SUL COINVOLGIMENTO DELL’AVVOCATO SERGIO EREDE NELL’OPERAZIONE ATLANTIA: “CON LUI NON LAVORIAMO” - PER L’OPA (CON SUCCESSIVO DELISTING PER EVITARE L’ASSALTO DI FLORENTINO PEREZ) I BENETTON SI SONO AFFIDATI AL NOTO AVVOCATO MA IL FONDO AMERICANO SI E’ MESSO DI TRAVERSO - MOTIVO? NON HA DIMENTICATO IL RUOLO DI EREDE, AL FIANCO DI URBANO CAIRO, NELLA BATTAGLIA CONTRO BLACKSTONE (CON TANTO DI ACCUSE DI “USURA”) PER LA CONTESTATA VENDITA DELLA SEDE DEL “CORRIERE” DI VIA SOLFERINO

IL “MR. WOLF” DEGLI OLIGARCHI RUSSI – BABAK DASTMALTSCHI È IL CAPO DEL DESK RUSSIA DI CREDIT SUISSE: È A LUI CHE SI RIVOLGONO I MILIARDARI DI MOSCA PER PORTARE LE PROPRIE RICCHEZZE IN SVIZZERA, MA ANCHE PER FACILITARE I LORO AFFARI – E LA BANCA SVIZZERA RINGRAZIA: È ARRIVATA A GESTIRE FINO A 60 MILIARDI DI DOLLARI DI PATRIMONI RUSSI, CHE HANNO FRUTTATO ALLE CASSE DELL’ISTITUTO 5-600 MILIONI ALL’ANNO – USMANOV, ABRAMOVICH, DERIPASKA: CHI SONO GLI OLIGARCHI CHE HANNO RICHIESTO I SUOI SERVIGI…

MOSCA A UN PASSO DAL DEFAULT – GLI STATI UNITI NON HANNO RINNOVATO UNA LICENZA CHE PERMETTEVA ALLA RUSSIA DI ONORARE IL PROPRIO DEBITO, NONOSTANTE LE SANZIONI: ORA IL CRAC È INEVITABILE. E I CREDITORI SI ATTACCANO! – IL CREMLINO PARLA DI DEFAULT “ARTIFICIALE” E FA FINTA CHE VADA TUTTO BENE, MA LA BANCA CENTRALE SI MUOVE E TAGLIA I TASSI DAL 14 ALL'11% – IL MINISTRO DELLE FINANZE, SILUANOV: "PAGHEREMO IN RUBLI - CHE JE FREGA, CONTINUANO A INCASSARE UN MILIARDO DI DOLLARI AL GIORNO DA GAS E PETROLIO, E IL TOTALE DEL DEBITO ESTERO IN SCADENZA È DI 20 MILIARDI…