LAPO ELKANN LITIGA CON GLI ACQUIRENTI SVIZZERI DI "GARAGE ITALIA CUSTOMS", LA SOCIETÀ DI CUSTOMIZZAZIONE AUTO E DA COLLEZIONE, E LASCIA "CON EFFETTO IMMEDIATO" IL CONSIGLIO E LA CARICA DI PRESIDENTE DELL'HUB CREATIVO DA LUI FONDATO NEL 2017 - LAPO AVEVA VENDUTO A LUGLIO IL 100% ALLA SVIZZERA YOUNGTIMERS PER 10 MILIONI DI FRANCHI SVIZZERI…

-

Condividi questo articolo


F.Mas. per il "Corriere della Sera"

 

lapo elkann garage customs lapo elkann garage customs

Lapo Elkann litiga con gli acquirenti svizzeri di Garage Italia Customs, la società di customizzazione di auto e da collezione, e lascia «con effetto immediato», ha annunciato ieri su Twitter, il consiglio e la carica di presidente dell'hub creativo da lui fondato nel 2017. L'imprenditore aveva venduto a luglio il 100% alla svizzera Youngtimers per 10 milioni di franchi svizzeri ed era entrato al 23% nella capogruppo quotata a Zurigo con un vincolo all'uscita fino al 2022. Più di recente Youngtimers si è impegnata con una put (da una non precisata controparte) a rilevare fino al 9% di Pininfarina tra l'1 e il 15 2022 a 1,05 euro per azione (per circa 7,5 milioni di euro).

Carlo Cracco e Lapo Elkann a Garage Italia Carlo Cracco e Lapo Elkann a Garage Italia lapo elkann garage lapo elkann garage

 

Condividi questo articolo

business

L’OPA GIUSTA AL MOMENTO GIUSTO - IL PROFESSOR CARLO ALBERTO CARNEVALE MAFFÉ: “L'OFFERTA DI KKR PER TIM È UNA PONDERATA MOSSA STRATEGICA. LASCIA INTENDERE UN DISEGNO CHE PORTERÀ A UNA PROFONDA EVOLUZIONE DELLO SCENARIO, INDUSTRIALE E ISTITUZIONALE, DELLE INFRASTRUTTURE DIGITALI DEL PAESE. NON C'ERA UN MOMENTO MIGLIORE PER UN FONDO D'INVESTIMENTO COME KKR. IL RISULTATO PIÙ PLAUSIBILE SARÀ LO SCORPORO DELLE ATTIVITÀ RETAIL E DEGLI ASSET BRASILIANI, LA CUI GOVERNANCE POTRÀ ESSERE A SUA VOLTA OGGETTO DI SCAMBIO CON VIVENDI…”

C'E' UN TASSELLO DA CONSIDERARE NELL'INCHIESTA SULLA JUVENTUS: LA BORSA - GLI EVENTUALI ILLECITI COMMESSI DA ANDREA AGNELLI, PAVEL NEDVED, FABIO PARATICI E GLI ALTRI INDAGATI (ANCHE PER EMISSIONE DI FATTURE PER OPERAZIONI INESISTENTI), ANDREBBERO A IMPATTARE SUGLI INTERESSI (E I PORTAFOGLI) DI MIGLIAIA DI AZIONISTI CHE HANNO FATTO LE LORO SCELTE DI INVESTIMENTO SULLA BASE DI INFORMAZIONI (BILANCI, REPORT PERIODICI, COMUNICATI STAMPA) RITENUTE VERE E CORRETTE. TANT'È CHE LA PENA PER LE FALSE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLE QUOTATE È DA TRE A OTTO ANNI INVECE CHE DA UNO A CINQUE…