“ALIBABA” E I QUARANTA SOLDONI – GIOVEDÌ LA SOCIETÀ CINESE QUOTA IL SUO BRACCIO FINANZIARIO, “ANT GROUP”: CON 37,4 MILIARDI SARÀ L’IPO PIÙ RICCA DELLA STORIA, PIÙ GRANDE DI QUELLA DI SAUDI ARAMCO – JACK MA SI È PREPENSIONATO, MA STAPPERÀ COMUNQUE: HA IN TASCA L’8,8%. E FA FELICI SEI DONNE, CHE DIVENTERANNO MILIARDARIE…

-

Condividi questo articolo

LUCY PENG LUCY PENG

Guido Santevecchi per il “Corriere della Sera”

 

È la più grande vendita di azioni nella storia. La Ipo della cinese Ant Group, braccio fintech di Alibaba, il 5 novembre alle Borse di Shanghai e Hong Kong raccoglierà 37,4 miliardi di dollari. Surclassando la saudita Aramco (petrolio) che a dicembre aveva incassato 29,4 miliardi.

 

JACK MA CON LE COPPIE SPOSATE DI DIPENDENTI ALIBABA 1 JACK MA CON LE COPPIE SPOSATE DI DIPENDENTI ALIBABA 1

Un super-successo annunciato dalla frenetica richiesta di prenotazioni: si sono fatti avanti un milione e mezzo di investitori tra piccoli e «istituzionali», con richieste per 2.800 miliardi in titoli, 870 volte il valore dell'offerta pubblica iniziale di acquisto.

 

ant group 2 ant group 2

C'è un versante epocale sul fronte economico e uno spettacolare: gli uomini e le donne dietro questo boom. La finanza in Cina finora era stata dominata da mastodonti statali, come la ICBC, Industrial and Commercial Bank of China. Poi ha fatto irruzione sulla scena Alipay, che in pochi anni ha cambiato (in meglio) il modo in cui consumatori e piccoli imprenditori cinesi pagano, prendono denaro in prestito e investono.

 

alibaba alibaba

Alipay fa capo a Ant Group, che a sua volta è spinoff di Alibaba, e ha inventato una società dei consumi senza più denaro contante in tasca, almeno nelle grandi città, dove risiede il 60% della popolazione cinese. Ogni mese usano la app Alipay di Ant 700 milioni di cinesi, tra consumatori, commercianti e piccoli imprenditori. Il 5 novembre Ant Group, che detiene il primato mondiale dei portafogli elettronici e in Cina è sfidata solo da WeChat, varrà 316 miliardi di dollari, quasi il doppio di ICBC, più del Pil della Finlandia.

 

ant group alibaba ant group alibaba

Il genio all'origine di questo prodigio è sempre lui, Jack Ma, ex professore di inglese di Hangzhou, che quando cercava il primo impiego fu rifiutato da decine di aziende e decise di mettersi in proprio con amici nel 1999, contando su 60 mila dollari prestati da familiari e conoscenti generosi.

 

JACK MA ALIBABA JACK MA ALIBABA

Dal 2018 Ma, 56 anni, è anche un prepensionato, per scelta di vita: «Non voglio morire in ufficio ma sotto un ombrellone». Ha deciso di lasciare le sue cariche per dedicarsi alla filantropia, ispirandosi a Bill Gates.

 

LUCY PENG LUCY PENG

Ma ha mantenuto il suo bel pacchetto azionario di Alibaba, possiede l'8,8% di Ant Group (cifra magica, studiata perché 8 è il numero della fortuna in Cina e lui è un po' superstizioso) e tra questa Ipo e la continua ascesa della sua prima creatura, nei due anni di «riposo» non proprio in spiaggia ha guadagnato altri 20 miliardi.

 

Oggi ne ha in tasca 71 (61 miliardi in euro) che secondo Bloomberg lo fanno l'11° uomo più ricco del mondo; quando ha lasciato il timone delle sue aziende era «solo» il 19°. Può essere contenta anche l'ex cofondatrice Lucy Peng, anni 49, partita come direttrice delle risorse umane di Alibaba e oggi presidentessa esecutiva di Lazata, piattaforma di e-commerce dedicata al Sudest asiatico.

 

ANT GROUP - ALIPAY ANT GROUP - ALIPAY

Peng ha una partecipazione dell'1,7% in Ant: varrà 5 miliardi di dollari. Parla poco in pubblico, a differenza di Jack, è poco conosciuta fuori dalla Cina, ma è stata lei il cervello dell'ascesa della cassaforte cashless del gruppo. Jack Ma ha sempre voluto molte donne al vertice delle sue imprese: sono il 40% del nucleo di élite che fa le scelte strategiche. Con Lucy Peng, altre sei signore di Alibaba il 5 novembre entreranno nel club dei miliardari.

 

 

 

Condividi questo articolo

business

PALADINO DEGLI AFFARI – DITE A MATTIA FELTRI CHE LA FIDANZATA DEL PREMIER NON È UNA “MOGLIE" E "FIGLIA DI” QUALUNQUE, MA POSSIEDE IL 47,5% DELLA “AGRICOLA MONASTERO SANTO STEFANO VECCHIO”. LA SOCIETÀ CONTROLLA IL GRAND HOTEL PLAZA E LA IMMOBILIARE SPLENDIDO, A CUI SONO INTESTATI VARI EDIFICI E NEGOZI DI LUSSO E SETTE IMMOBILI A VIA DI FONTANELLA BORGHESE. LA STESSA DEL SUPERMERCATO DOVE SI È RIFUGIATA CON IL BORSONE DELLA PALESTRA – I DETTAGLI CHE NON TORNANO NELLA STORIA DELLA SCORTA

FANTAFINANZA A MISURA DUOMO - NEL CASO IN CUI ALBERTO NAGEL VENGA NOMINATO A CAPO DI UNICREDIT, COL COMPITO DI PRENDERSI IN CARICO LA SALMA SENESE, DOVE ANDRÀ MEDIOBANCA: VERSO BANCA INTESA O VERSO UNICREDIT? OVVIAMENTE, UNA VOLTA METABOLIZZATA LA BANCA SENESE, NULLA VIETEREBBE A NAGEL DI RIPRENDERSI IL SUO ISTITUTO DEL CUORE E CREARE UN POLO BANCARIO TROPPO GROSSO ANCHE PER I DENTI AGUZZI DI DEL VECCHIO - CERTO, PER UNA FUSIONE CI VOGLIONO ALMENO SEI MESI E OTTENERE I SEMAFORI VERDI DELLA BCE. E NEL FRATTEMPO DEL VECCHIO, UNA VOLTA RAGGIUNTO IL 20% DI MEDIOBANCA, INIZIERÀ A FAR VEDERE I SORCI VERDI A NAGEL E PAGLIARO...