LUFTHANSA È IN ANSIA: LA COMPAGNIA TEDESCA CHIEDERÀ AL GOVERNO ITALIANO DI RIDISCUTERE L’ACCORDO PER L’ACQUISTO DEL 41% DI “ITA AIRWAYS” – IL MOTIVO? TEME CHE CENTINAIA DI EX DIPENDENTI DI ALITALIA DOVRANNO ESSERE RIASSUNTI IN ITA, QUESTO COSTEREBBE 200 MILIONI DI EURO – SE LE 1157 CAUSE VERRANNO VINTE, ITA, OLTRE A RIASSUMERE GLI EX DIPENDENTI DOVRÀ VERSARE I SALARI ARRETRATI - IN PIÙ LUFTHANSA TROVA PARADOSSALE CHE LO STATO CI GUADAGNI, PERCHÈ...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Aldo Fontanarosa per "La Repubblica"

 

lufthansa lufthansa

Lufthansa chiederà al governo italiano di ridiscutere l’accordo che porterà il 41% di Ita Airways tra le proprietà della compagnia aerea tedesca. E Lufthansa ha 200 milioni di motivi per fare pressione sul nostro ministero dell’Economia, che sta vendendo Ita.

 

La compagnia tedesca teme che centinaia di ex dipendenti di Alitalia matureranno il diritto a essere assunti in Ita. Sono persone - ora in cassa integrazione e prossime al licenziamento, a cassa esaurita che hanno avviato agguerrite cause di lavoro negli ultimi due anni (ben 1.147 tra Roma e Milano). Queste persone e i loro avvocati pensano che la nuova compagnia tricolore (Ita) non sia un’azienda “vergine”, nata dal nulla. 

 

ita airways 1 ita airways 1

Al contrario, sarebbe semplicemente la nuova Alitalia, come la prosecuzione del vettore ormai fallito. Per questo motivo, vogliono essere assunte da Ita, in ragione di una continuità tra la vecchia e la nuova compagnia. E due giudici del lavoro - sia a Roma e sia a Milano - in effetti hanno riconosciuto il diritto all’assunzione di 244 ricorrenti. Le due sentenze favorevoli ai cassintegrati di Alitalia allarmano Lufthansa, che aggiorna le sue proiezioni.

 

ita airways 2 ita airways 2

Nell’ipotesi che tutti gli ex Alitalia verranno ingaggiati da Ita, questo nuovo e fragile vettore dovrebbe farsi carico di una spesa pari ad almeno 200 milioni. Una mazzata che ricadrebbe sulle spalle del compratore tedesco, soprattutto se avrà acquisito intanto l’intero capitale di Ita (entro 2 anni).

 

Lufthansa fa anche un altro ragionamento, che di nuovo chiama in causa il nostro governo. Prendiamo il caso dei 70 ex Alitalia che hanno vinto la causa di lavoro a Roma. Queste persone sono state riassunte da Ita, con decorrenza 14 ottobre 2021 (giorno di esordio della nuova compagnia nei cieli). E Ita dovrà versare loro gli stipendi arretrati (da ottobre 2021) oltre ai contributi. Ita, insomma, paga.

 

ita alitalia 1 ita alitalia 1

Nello stesso tempo, queste stesse persone restituiranno la cassa integrazione che hanno incassato da ottobre 2021 fino al giorno dell’assunzione. Dunque lo Stato italiano, per ogni causa vinta dagli ex Alitalia, recupera dei soldi (la cassa, appunto). Lufthansa considera quasi paradossale questo meccanismo. Dunque, per dirla tutta, chiederà all’Italia di farsi carico di una buona parte dei 200 milioni di uscite che minacciano di derivare dalle cause di lavoro. […]

manifestazione dei lavoratori di alitalia a roma 12 manifestazione dei lavoratori di alitalia a roma 12 Ita Alitalia piloti 2 Ita Alitalia piloti 2 manifestazione dei lavoratori di alitalia a roma 10 manifestazione dei lavoratori di alitalia a roma 10 manifestazione dei lavoratori di alitalia a roma 13 manifestazione dei lavoratori di alitalia a roma 13

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MOLTO FRACASSO PER NULLA! QUANDO IL DIRETTORE HA PAURA, FA SOLO CASINO E RUMORE. IL "DON CARLO" DI CHAILLY È PAURA (SUA) E FRACASSO – IL DAGOREPORT SULLA PRIMA DELLA SCALA - "LO SPETTACOLO NON HA UNA DIREZIONE, NON RESTERÀ NELLA MEMORIA. TENERE VERDI IN UNA VISIONE UNITARIA, (DON CARLO, PIÙ DI OGNI ALTRO TITOLO), È IMPRESA TITANICA. IL TRIO LESCANO, MELI, PERTUSI, SALSI LE PRENDE DI SANTA RAGIONE DALLE DUE STRANIERE NETREBKO E GARANCA. DEI MASCHIETTI LO SVOCIATO PERTUSI È DI GRAN LUNGA È IL MIGLIORE, GLI ALTRI DUE HANNO LA PATATA IN BOCCA. PER UCCIDERE IL RITO, PRIMA DELL'INNO E DELL'OPERA È USCITO UN OMINO, IL SOPRINTENDENTE DOMINIQUE MEYER, CHE HA ROTTO LA SACRALITÀ DEL 7 DICEMBRE PER NON DIRE NULLA SE NON UNA… - VIDEO

DAGOREPORT - PER LE EUROPEE, LA ZELIG DI COLLE OPPIO HA GIÀ PRONTO UN PIANO PER AVERE LA MOGLIE DROGATA E LA SIRINGA PIENA: LASCIARE LIBERTÀ DI VOTO AGLI ULTRÀ DI ECR, GLI SPAGNOLI DI VOX E I POLACCHI DEL PIS, COSÌ SARÀ LIBERA DI TRASFORMARSI IN DEMOCRISTIANA E VOTARE PER LA “MAGGIORANZA URSULA” O PER LA NUOVA ARRIVATA ROBERTA METSOLA - CONTATI I VOTI (I FRATELLINI D’ITALIA SONO CERTI CHE SALVINI PRENDERÀ UNA BRUTTA BOTTA), LA MELONI SI RIMBOCCHERÀ LE MANICHE PER UN RIMPASTO DI GOVERNO: I PAPABILI A GIRARE I TACCHI SONO SANGIULIANO, ZANGRILLO E SANTANCHÉ (GIÀ SPINTA DA ARIANNA A DIMETTERSI DA COORDINATRICE FDI IN LOMBARDIA) - PER QUANTO RIGUARDA IGNAZIO LA RUSSA, LA DUCETTA SE LO TIENE FINCHE’ PUO’…

DAGOREPORT – ZELENSKY, T’HANNO RIMASTO SOLO: L’EX COMICO, CHE SI È AVVITATO SU UNA POSIZIONE DI TOTALE INTRANSIGENZA AI NEGOZIATI CON PUTIN, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON LA CHIUSURA DEI RUBINETTI DEGLI AIUTI DA PARTE DEGLI USA, MA ANCHE CON L’OPPOSIZIONE INTERNA. GLI UCRAINI SONO STANCHI DELLA GUERRA, COME DIMOSTRANO LE ACCUSE DEL SINDACO DI KIEV, VITALY KLITSCHKO – DI FRONTE AL FLOP DELLA CONTROFFENSIVA, INVECE DI TRATTARE CON PUTIN, ZELENSKY HA RISPOSTO CON LE PURGHE – BIDEN VUOLE LA PACE PRIMA DELLE ELEZIONI NEGLI USA: PER ASSENZA DI ALTERNATIVE, SI ARRIVERA' ALLA CESSIONE AI RUSSI DI CRIMEA E PARTE DEL DONBASS…