MA PERCHÉ NON DIAMO ALITALIA A EFROMOVICH? – L’ECCENTRICO IMPRENDITORE SUDAMERICANO-POLACCO CON QUATTRO PASSAPORTI METTE SUL PIATTO 1 MILIARDO PER LA DISASTRATA COMPAGNIA AEREA, MA NESSUNO SE LO CALCOLA. TE CREDO, AL GOVERNO SONO TROPPO IMPEGNATI A SISTEMARE LE POLTRONE DELLA NEWCO PUBBLICA. COME AD POTREBBE ARRIVARE L’EX MANAGER FCA ALFREDO ALTAVILLA O CATTANEO, GRADITO A RENZI…

-

Condividi questo articolo

Luca Monticelli per “la Stampa”

 

german efromovich 6 german efromovich 6

Il vulcanico settantenne German Efromovich prova a riprendersi la scena e rilancia ancora sul dossier Alitalia. Imprenditore sudamericano di origini polacche dai quattro passaporti, due giorni fa ha mandato una lettera al ministro Stefano Patuanelli e al commissario Giuseppe Leogrande per riproporre l' acquisto della compagnia. Ieri, in una conferenza online alla quale ha partecipato anche La Stampa, ha illustrato il suo progetto.

 

AEREO ALITALIA AEREO ALITALIA

«Non serve affatto l' esorcista per Alitalia», come disse qualcuno tempo fa, ma tanto lavoro e «io sono un workaholic», ha detto. L' interesse di Efromovich è palese da più di un anno, quando venne scartato dall' advisor Mediobanca insieme ad altri due potenziali acquirenti che erano Toto e Lotito. Lui, che è stato proprietario del vettore colombiano Avianca, dice che ridurre Alitalia a una compagnia «domestica e regionale è un grave errore perché è un diamante del trasporto aereo». Perciò l' attività principale deve essere quella del lungo raggio: «Assicurare collegamenti con America, Asia e connettere tutta Europa».

 

ALITALIA ALITALIA

L' imprenditore, collegato dal Brasile dove ha sede la sua holding, giudica i tre miliardi stanziati dal governo nel decreto Rilancio eccessivi per la nuova Alitalia pubblica, ma non scopre le sue carte. Se l' estate scorsa aveva ipotizzato un investimento di 5-600 milioni di euro ora Efromovich lascia intendere che potrebbe arrivare a un miliardo perché è pronto a mettere «i soldi che servono per farla funzionare».

 

german efromovich 7 german efromovich 7

Il problema è che nessuno dell' esecutivo giallorosso l' ha chiamato. Lui, comunque, sostiene di gestire le aziende secondo la sua visione e senza interferenze politiche. Altri dettagli non ne rivela, anche perché prima vorrebbe consultare i conti della compagnia di bandiera.

alitalia alitalia

 

Fabrizio Cuscito segretario nazionale Filt Cgil racconta: «Efromovich l' abbiamo incontrato un mese fa, è stato molto vago e non ci ha fornito dettagli sul piano industriale».A Fiumicino restano piuttosto indifferenti a quella che sembra l' ultima mano di poker del numero uno di Synergy Group. Qui i tecnici sono al lavoro su tutt' altro tavolo: la newco pubblica che dovrebbe partire il 1° giugno, ma che a questo punto sembra destinata a slittare di qualche settimana.

alfredo altavilla alfredo altavilla FABIO LAZZERINI EMIRATES FABIO LAZZERINI EMIRATES

 

Fabrizio Cuscito Fabrizio Cuscito

Nei Palazzi romani, invece, comincia a girare una rosa di nomi per il prossimo amministratore delegato: Alfredo Altavilla, ex manager Fca, è molto stimato al Tesoro; al Mit invece il riferimento è Fabio Lazzerini, attuale chief business officer e uomo vicino al precedente commissario, Luigi Gubitosi. Un' altra soluzione interna potrebbe essere rappresentata dal dg Giancarlo Zeni mentre salgono le quote di Flavio Cattaneo che si trova al vertice di Italo.

 

FLAVIO CATTANEO LUCA CORDERO DI MONTEZEMOLO FLAVIO CATTANEO LUCA CORDERO DI MONTEZEMOLO

Uomo abituato a trattare con la politica e con una lunga esperienza in aziende come Rai, Terna, Telecom e Generali. Nomina che, secondo una fonte, sarebbe gradita a Matteo Renzi e potrebbe rientrare buona nell' ambito della prossima tornata, sebbene Italia Viva abbia sempre tenuto un atteggiamento molto critico sul salvataggio pubblico della società. «Ci interessa sapere il piano, non il capo azienda», sottolinea il deputato renziano, Luciano Nobili.

 

flavio cattaneo flavio cattaneo

Chi invece crede fortemente nella nuova Alitalia nazionalizzata è la Cgil. Secondo il segretario generale Maurizio Landini questa è la volta buona per rilanciarla e farla diventare «un ambasciatore in giro per il mondo». Il leader della Filt, Stefano Malorgio, parla di «progetto credibile e occasione unica e irripetibile per prevedere investimenti in aeromobili e preservare l' unità aziendale».

luca cordero di montezemolo carlo calenda flavio cattaneo luca cordero di montezemolo carlo calenda flavio cattaneo SABRINA FERILLI E FLAVIO CATTANEO SABRINA FERILLI E FLAVIO CATTANEO CARLO TAVECCHIO E ALFREDO ALTAVILLA CARLO TAVECCHIO E ALFREDO ALTAVILLA Fabrizio Cuscito 1 Fabrizio Cuscito 1 sabrina ferilli e flavio cattaneo sabrina ferilli e flavio cattaneo sabrina ferilli flavio cattaneo sabrina ferilli flavio cattaneo alfredo altavilla alfredo altavilla german efromovich 1 german efromovich 1

 

Condividi questo articolo

business

CAIRO-BLACKSTONE 1 A 0 – IL COLLEGIO ARBITRALE DI MILANO HA EMANATO UN PRIMO PARERE SULLA VENDITA DELLA SEDE DI VIA SOLFERINO – HA “ESCLUSO L’INVALIDITÀ DEI CONTRATTI CON CUI È STATA CONCLUSA L’OPERAZIONE” MA CONTESTUALMENTE “HA RILEVATO CHE IL COMPORTAMENTO DELL’ACQUIRENTE POTREBBE DARE LUOGO AL RISARCIMENTO DEL DANNO IN FAVORE DI RCS” – IN PIÙ, HA CONFERMATO CHE L’ITALIA È LA SEDE COMPETENTE DOVE DECIDERE LA CONTROVERSIA (DIVERSAMENTE DA QUANTO SOSTIENE BLACKSTONE)