MACRON TE LE SUONA COL BASTON – IL PRESIDENTE FRANCESE SI ACCORGE UN PO’ IN RITARDO DEL MAXI STIPENDIO DI 19,15 MILIONI DI EURO PERCEPITO NEL 2021 DALL'AD DI STELLANTIS, CARLOS TAVARES: LO STATO FRANCESE, A DIFFERENZA DI QUELLO ITALIANO, È AZIONISTA DI STELLANTIS, ATTRAVERSO BPIFRANCE, CON IL 6,2% – ANOMALO CHE IL TOY BOY DELL’ELISEO SE NE SIA ACCORTO IN CORSA PER IL BALLOTTAGGIO E DOPO LE DICHIARAZIONI DI LE PEN…

-

Condividi questo articolo


Pierluigi Bonora per "Il Giornale"

 

CARLOS TAVARES EMMANUEL MACRON CARLOS TAVARES EMMANUEL MACRON

La corsa all'Eliseo, in vista del ballottaggio del 24 aprile, ha preso di mira il maxi-compenso di 19,15 milioni percepito nel 2021 dall'ad di Stellantis, Carlos Tavares. Prima la candidata Marine Le Pen, e ora il presidente uscente, Emmanuel Macron, giudicano esagerata la cifra.

Parere analogo era stato espresso anche dal ministro delle Finanze, Bruno Le Maire, subito dopo che il 52,12% degli azionisti di Stellantis aveva bocciato, in assemblea, la politica di remunerazione per il Cda.

 

EMMANUEL MACRON CARLOS TAVARES EMMANUEL MACRON CARLOS TAVARES

A dare più peso all'affermazione di Macron sul compenso («scioccante, eccessivo, astronomico: bisogna condurre la battaglia a livello europeo perché ci siano remunerazioni che non possano essere esagerate») è il fatto che lo Stato francese, a differenza di quello italiano, è azionista di Stellantis, attraverso Bpifrance, con il 6,2%; il terzo, dopo Exor (14,4%) e i Peugeot (7,2%). È comunque singolare che, visto il coinvolgimento diretto nel gruppo, solo ora l'Eliseo si accorga di quanto Tavares guadagna.

carlos tavares carlos tavares

«Bisogna darsi dei plafond - la proposta di Macron - e avere una governance per l'Europa che renda le cose accettabili. La gente non può avere problemi di potere d'acquisto e vedere poi queste cifre. Dobbiamo poter mettere un tetto».

L'idea di Marine Le Pen, che ha però riconosciuto a Tavares «i buoni risultati ottenuti, in un contesto difficile per il settore», è di far entrare i dipendenti come azionisti «per attenuare queste remunerazioni sproporzionate rispetto alla vita economica».

 

emmanuel macron dopo il primo turno. emmanuel macron dopo il primo turno.

In una nota, la reazione di Stellantis: «Per principio, un'azienda non si esprime in campo politico. Si ricorda, però, che sotto la guida di Tavares, in meno di 8 anni, Groupe Psa è passato da una situazione di quasi fallimento al rango di azienda leader nel suo settore su scala mondiale con Stellantis, di cui ha portato avanti il progetto. E Stellantis è oggi la terza Casa automobilistica di maggior successo al mondo, che È la quota detenuta in Stellantis dallo Stato francese. Exor ha il 14,4% e la famiglia Peugeot il 7,2% ha permesso di ridistribuire 1,9 miliardi ai dipendenti, o addirittura agli azionisti. La remunerazione di Tavares, variabile al 90% a seconda dei risultati e basata su criteri di performance, è di 19,1 milioni, inferiore a quella di Gm o Ford, e dovrebbe essere considerata in base alle dimensioni e alle prestazioni dell'azienda che sta guidando».

CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS

 

In Italia, intanto, la levata di scudi è del neo segretario generale Fiom, Michele De Palma, che sul caso Tavares chiede l'intervento del governo: «Lo Stato italiano lascia soli i lavoratori, che continuano a essere in cassa integrazione nell'incertezza del futuro, mentre Stellantis remunera con 19,15 milioni il suo ad, con 28,8 milioni il Cda e distribuisce cedole per 3,3 miliardi». Nessun intervento da parte di Fim e Uilm, mentre Roberto Di Maulo (Fismic) dice di essere «per il merito, sperando che il merito arrivi a premiare anche tecnici, quadri e operai».

carlos tavares 3 carlos tavares 3 emmanuel macron dopo il primo turno 2022 2 emmanuel macron dopo il primo turno 2022 2 il discorso di macron alla defense arena il discorso di macron alla defense arena carlos tavares 1 carlos tavares 1

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


business

CHE SUCCEDE CON L’INGRESSO DI ROCCO BASILICO IN DELFIN? – IL FIGLIASTRO DI DEL VECCHIO AVRÀ IL 12,5% DELLA HOLDING DEL PAPERONE DI AGORDO: COME I SEI FIGLI DEL FONDATORE DI LUXOTTICA (E SUA MOGLIE NICOLETTA ZAMPILLO) – GLI OTTO EREDI LITIGHERANNO SULLE STRATEGIE DI GESTIONE DELLE MOLTE PARTECIPAZIONI? SÌ, MA POTRANNO FARE POCO: LA REGOLA DELL’88% DEI VOTI IMPONE L’UNANIMITÀ PER OGNI DECISIONE IMPORTANTE. CON IL RISCHIO, EVIDENTE, CHE LA SOCIETÀ RIMANGA INGESSATA DAI VETI

POI UNO SI CHIEDE PERCHÉ GLI ITALIANI EMIGRANO: DOPO I NO-VAX, ORA ARRIVANO I NO-POS! – DA IERI I COMMERCIANTI CHE NON PERMETTONO AI CLIENTI DI PAGARE CON LA CARTA POTRANNO BECCARSI UNA MULTA, MA LORO SE NE FREGANO BELLAMENTE. LA SCUSA È SEMPRE LA STESSA: LE COMMISSIONI TROPPO ALTE, SOPRATTUTTO PER I MICRO-PAGAMENTI. MA È DAVVERO COSÌ OPPURE VOGLIONO SOLO CONTINUARE A EVADERE? COMUNQUE, IN MOLTI HANNO GIÀ TROVATO UN TRUCCHETTO PER AGGIRARE EVENTUALI CONTROLLI: BASTA DIRE CHE IL POS NON FUNZIONA…

L’INFLAZIONE AUMENTA, IL PORTAFOGLIO SI RESTRINGE – I SALARI RESTANO FERMI MENTRE I PREZZI SCHIZZANO IN ALTO: NEL PRIMO SEMESTRE DEL 2022 UNA FAMIGLIA TIPO È ARRIVATA A PERDERE 2400 EURO DI POTERE D’ACQUISTO. LA SOLUZIONE? PRODOTTI DI BASSA QUALITÀ E/O RIDUZIONE DEI CONSUMI – COTTARELLI TWEET: “NEL 92 IL GOVERNO PRELEVÒ LO 0,6% DEI DEPOSITI, UNA PATRIMONIALE. ANCORA CE LO RICORDIAMO. OGGI, CON TASSI ZERO DEI DEPOSITI, L’INFLAZIONE ALL’8% SIGNIFICA UNA PATRIMONIALE DELL’8%. E NESSUNO SI LAMENTA. MISTERO!”