NON FACCIAMOCI PRENDERE PER IL C...ALICE – NON È LA PRIMA VOLTA CHE I NOSTRI PRODOTTI D’ECCELLENZA VENGONO MESSI SOTTO TIRO: PRIMA DEL PROSECCO MINACCIATO DAL CROATO "PROSEK" ERA TOCCATO AL TOCAI, IL CUI NOME FU DICHIARATO DALL’UE UNA COPIA DELL’UNGHERESE “TOKAJI”, NONOSTANTE NUMEROSI DOCUMENTI DIMOSTRASSERO L’ORIGINE STORICA IN FRIULI – E ORA...

-

Condividi questo articolo


tocai 1 tocai 1

Gian Antonio Stella per il "Corriere della Sera"

 

«300 vitti di Toccai». C'era anche questo nella dote che Aurora, figlia del nobiluomo Carlo Formentini, consigliere e ciambellano dell'imperatore Ferdinando II e di Anne Marie Von Rohrbach, dama di corte di Cecilia Renata d'Austria, portò come dono di nozze al conte ungherese Adam Batthyany. C'erano pure 10.000 «fiorini allemanni», «pezzi» di tendaggi e di damaschi e «Battisele, Atrezzi et Robbe» e perfino «un Servidore et due Contadini». La dote più interessante, però, erano quei trecento vitigni di Tocai. 

 

tokaji 2 tokaji 2

Prova provata, grazie a quel contratto di matrimonio firmato il 3 febbraio 1632 e ripreso nel libro Il Vigneto Friuli dall'arrivo dei Romani alla "partenza" del Tocai , di Claudio Fabbro, che già 389 anni fa, quando la peste manzoniana imperversava in Toscana dopo aver devastato il nord, il nostro Tocai non solo era già presente nell'area goriziana e dintorni da chissà quando («il Senato Romano, narra Tito Livio, inviò ad Aquileia una colonia, allo scopo di diffondere la viticoltura e la cittadina divenne uno dei massimi empori vitivinicoli») ma era così rinomato da spinger la famiglia dello sposo a chiederne in quantità. 

 

Non bastasse, un brindisi composto nel 1765 da Giorgio Polcenigo per il matrimonio del marchese Ridolfo di Colloredo con la contessa Claudia di Maniago conferma un secolo e mezzo dopo quanto quel vino fosse amato: «Se la dama di Duino / vin mi porge peregrino/ cento volte a lei la mano / bacerò per l'atto umano / Se la sposa dà Toccai / canterò con l'aurea lira / ciò che tanto in lei s' ammira / lo splendor dei dolci rai». 

tocai 2 tocai 2

 

Tutto questo, altri documenti e la differenza netta tra il nostro e il Tokaji ungherese (che negli spot si vanta di essere «il primo vino muffato mai prodotto dall'uomo, un nettare dolce come ambrosia»), non servirono a niente, una trentina d'anni fa, davanti alla commissione Ue, quando il nostro Tocai fu «espulso». 

 

prosecco prosecco

Se stavolta fosse spartito coi croati il nome Proek (un liquore tipo passito) che ad ogni orecchio straniero scippa la fama mondiale del prosecco, sarebbe davvero il colmo. Tanto più con la motivazione che «i produttori ritengono che Proek sia un marchio riconosciuto dai consumatori e che il nome solo Proek possa contribuire al posizionamento favorevole di questo prodotto sul mercato». E lo dicono pure...

tocai 4 tocai 4 tocai 3 tocai 3 tokaji 3 tokaji 3 prosek 4 prosek 4 prosek 3 prosek 3 prosek 2 prosek 2 prosek 1 prosek 1 prosecco prosecco prosecco prosecco PROSECCO PROSECCO PROSECCO PROSECCO tokaji 1 tokaji 1 tokaji 4 tokaji 4

 

Condividi questo articolo

business

MARINA NEL VASO DI "PANDORA" - NELLE CARTE DEI “PANDORA PAPERS” C’È ANCHE IL NOME DELLA FIGLIA DI SILVIO BERLUSCONI, REGISTRATA COME TITOLARE DI UNA SOCIETÀ DELLE BRITISH VIRGIN ISLANDS, CHIAMATA "BRIDGESTONE PROPERTIES LIMITED", CHE HA ACQUISTATO DAL GRUPPO FININVEST UNO YACHT E UNA VILLA ALLE BERMUDA PER 12,2 MILIONI DI EURO – LA NOTA DELL'AVVOCATO GHEDINI: "?NON ESISTE ALCUN BENEFICIO FISCALE O DI ALTRO TIPO" LO SCUDO FISCALE DI ANGELUCCI, LE CASSAFORTI DI ALESSANDRO FALCIAI E IL TRUST CREATO DALLA MOGLIE DI DE MICHELIS: GLI AFFARI OFFSHORE DEGLI ITALIANI “ESPOSTI POLITICAMENTE”