NON METTETE STRANIERI NEI NOSTRI CANNONI - LEONARDO VUOLE CEDERE LA EX “OTO MELARA” E LA “WASS”, CHE PRODUCONO RISPETTIVAMENTE CANNONI E SILURI, E FATTURANO PIÙ DI 550 MILIONI DI EURO - LE DUE AZIENDE FANNO GOLA A GRUPPI INGLESI, FRANCESI E TEDESCHI, CHE VOGLIONO PAPPARSI I NOSTRI DUE GIOIELLINI. MA IN BALLO (SU SPINTA DEL GOVERNO) C’È ANCHE FINCANTIERI, CHE POTREBBE SALVARE L’ITALIANITÀ DI UN SETTORE STRATEGICO…

-

Condividi questo articolo


Mariano Alberto Vignali per "la Stampa"

Alessandro Profumo Alessandro Profumo

 

Manovre in corso per il futuro della "Divisione sistemi difesa" di Leonardo, cioè per due aziende leder del settore armamenti: la ex Oto Melara (cannoni) e la Wass (siluri). Si tratta di aziende con un fatturato complessivo di oltre 550 milioni di euro.

 

Leonardo vuole cedere, senza troppi misteri: nella strategia dell'ad, Alessandro Profumo, c'è la scelta di concentrare il gruppo sulle nuove tecnologie, che per il comparto difesa vuol dire droni, armi spaziali e cyber war.

wass wass

 

La fase finale dell'acquisto della tedesca Hensoldt (elettronica, radar e sensori) ha inevitabilmente aperto le danze: Leonardo entro l'anno deve chiudere per rilevare il 25% e intende razionalizzare il gruppo. Da qui si sono aperte le trattative per aggiudicarsi i due gioielli dell'industria bellica nazionale.

oto melara. oto melara.

 

Nella partita ci sono, in ordine di interesse, i tedeschi di Rheinmetall, Fincantieri (che vuole cogliere l'occasione per creare un polo produttivo per navi militari a 360 gradi, con base a La Spezia e un mercato in ascesa) e, in secondo piano, gli inglesi di BaeE System.

knds knds

 

Ma anche il colosso franco-tedesco Knds (unione tra la francese Nexter e la tedesca Krauss-Maffei Wegmann), che deve produrre il nuovo carrarmato europeo e ha bisogno di un'azienda attiva che di cannoni se ne intenda. In questo caso, con la cessione a Knds, l'Italia potrebbe entrare nel progetto per il nuovo Eurotank.

 

oto melara oto melara

Tali e tanti interessi hanno generato tra i lavoratori lo spettro di uno spezzatino, di una cessione per rami d'azienda, anche in contrasto con la cessione a Fincantieri, sostenuta apertamente dalla politica italiana.

 

alessandro profumo hensoldt alessandro profumo hensoldt

Ne ha parlato ieri il sottosegretario alla Difesa Giorgio Mulé: «Fincantieri è in grado di rilevare l'ex Oto Melara ipotizzando anche l'intervento di Cassa depositi e prestiti: si può dare quella spinta che eviti a un'azienda strategica di finire in mano franco-tedesche, stimolando nello stesso tempo la nascita di un polo di interesse nazionale nel campo della difesa».

 

cannoni oto melara cannoni oto melara

Dello stesso tenore il presidente della Liguria, Giovanni Toti: «Non può essere l'ennesima dismissione di un'industria strategica nazionale. Tanta e delicata tecnologia nel settore della difesa deve restare saldamente in mani italiane. In Liguria, grazie alla presenza di tre cantieri navali di Fincantieri, c'è la possibilità di creare uno straordinario polo della difesa».

oto melara oto melara black shark wass black shark wass iveco oto melara iveco oto melara oto melara cannone oto melara cannone siluro wass siluro wass cannone otobreda 76:62 cannone otobreda 76:62

 

Condividi questo articolo

business

LA FUSIONE ILIAD-VODAFONE POTREBBE ESSERE UNA BUONA NOTIZIA PER TIM – UN EVENTUALE CONSOLIDAMENTO PORTEREBBE A UNA RIVALUTAZIONE DELLA PARTE RELATIVA AI SERVIZI DELL’EX MONOPOLISTA (QUELLA PIÙ DEBOLE NELLA FUTURA SCISSIONE), NEUTRALIZZANDO L’OPA DA 50 CENTESIMI AD AZIONE DI KKR, E AGEVOLANDO CDP NELLO SCAMBIO CON VIVENDI PER LA RETE – INTANTO IL NEO AD LABRIOLA, CON UN VIDEO AI DIPENDENTI, LA BUTTA SUL SENTIMENTALE E RACCONTA LA SUA STORIA FAMILIARE: “MIA MADRE HA LAVORATO PER ANNI COME OPERATRICE DEL CALL CENTER. PER ME È UN ONORE RICOPRIRE QUESTO INCARICO”

LE NOZZE ILIAD-VODAFONE PER SFIDARE TIM - SE L'AFFARE SARÀ FATTO, CHI COMANDERÀ? INSIEME ILIAD ITALIA E VODAFONE ITALIA CONTROLLEREBBERO UNA QUOTA DEL 36% DELLA TELEFONIA MOBILE, GENERANDO UN FATTURATO DI SEI MILIARDI DI EURO. NIEL, PADRE FONDATORE DI ILIAD FA PARTE DEL CDA DI KKR COME AMMINISTRATORE INDIPENDENTE. CON BOLLORÉ, CAPO DI VIVENDI AZIONISTA DI RIFERIMENTO DELLA TIM, SONO VICINI DI CASA. MA NON SI AMANO PER NULLA. NIEL È UN MACRONISTA, ANCHE SE NON LO VUOLE AMMETTERE, E BOLLORÉ È SOSTENITORE DI ERIC ZEMMOUR, ALL'ESTREMA DESTRA…

COL CAFFÈ SI FANNO AFFARI, A PARTE SE TE LO VUOI BERE AL BAR - L'ESPRESSO ATTRAE INVESTIMENTI INTERNAZIONALI: IL COLOSSO TEDESCO TCHIBO HA ACQUISTATO CAFFÈ MOLINARI DI MODENA ED È STATO FIRMATO L'ACCORDO TRA LO STORICO CAFFÈ VERGNANO DI TORINO E COCA COLA HBC - I GUAI SONO PER I CONSUMATORI, CON IL CARO TAZZINA CHE HA FATTO SALIRE IL PREZZO A 1,50: COLPA DELL’AUMENTO DEL COSTO DELLA MATERIA PRIMA PER IL MALTEMPO E LE GELATE NEGLI STATI BRASILIANI CHE HANNO ABBATTUTO I RACCOLTI...