LE NOZZE ILIAD-VODAFONE PER SFIDARE TIM - SE L'AFFARE SARÀ FATTO, CHI COMANDERÀ? INSIEME ILIAD ITALIA E VODAFONE ITALIA CONTROLLEREBBERO UNA QUOTA DEL 36% DELLA TELEFONIA MOBILE, GENERANDO UN FATTURATO DI SEI MILIARDI DI EURO. NIEL, PADRE FONDATORE DI ILIAD FA PARTE DEL CDA DI KKR COME AMMINISTRATORE INDIPENDENTE. CON BOLLORÉ, CAPO DI VIVENDI AZIONISTA DI RIFERIMENTO DELLA TIM, SONO VICINI DI CASA. MA NON SI AMANO PER NULLA. NIEL È UN MACRONISTA, ANCHE SE NON LO VUOLE AMMETTERE, E BOLLORÉ È SOSTENITORE DI ERIC ZEMMOUR, ALL'ESTREMA DESTRA…

-

Condividi questo articolo


Leonardo Martinelli per "La Stampa"

 

iliad vodafone 1 iliad vodafone 1

Matrimonio in vista tra Iliad e Vodafone in Italia? Le voci corrono intorno alle trattative tra i due colossi, il primo con sede a Londra, sotto la guida di Nick Read, e il secondo a Parigi, nelle mani del padre-fondatore Xavier Niel. Il negoziato (che da parte sua il miliardario francese ha affidato alla banca d'affari Lazard) è stato confermato da fonti vicine al dossier ieri all'agenzia Reuters. Le società non commentano, ma un'operazione del genere andrebbe nel senso (logico) di un consolidamento del settore, necessario in Italia come in gran parte dell'Europa. Da noi, gli operatori esistenti (oltre alle filiali dei due colossi, ci sono Telecom Italia Mobile, WindTre, Fastweb e altre realtà più piccole) sembrano troppi. 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

 

Per Iliad e Vodafone significherebbe vantaggiose sinergie, in un settore dove, a causa dei grossi investimenti, necessari soprattutto per la fibra, i margini sono sempre più risicati. Se l'affare sarà fatto, chi comanderà? Insieme Iliad Italia (sotto la guida di Benedetto Levi) e Vodafone Italia (l'amministratore delegato è Aldo Bisio) controllerebbero una quota del 36% della telefonia mobile, generando un fatturato di sei miliardi di euro. 

 

vodafone vodafone

Ma al momento attuale Iliad nel nostro Paese arriva solo al 10%, Vodafone è molto più grossa. D'altra parte, il marchio francese vive uno slancio particolare. Sbarcato in Italia appena tre anni e mezzo fa, già può contare su più di 8,5 milioni di abbonati per i cellulari e martedì debutta nella banda larga fissa (con un'offerta double play, cellulare e fisso, che potrebbe partire da solo 17 euro). 

 

Nel primo semestre 2021 Iliad ha iniziato già a macinare profitti in Italia, prima del previsto. Da noi l'arrivo dell'operatore aveva scatenato una battaglia delle tariffe (come già era successo in Francia). Inglobando le attività di Iliad e Vodafone quelle ostilità potrebbero riprendere ancora di più al ribasso. Da sottolineare: si sapeva che Niel (che ieri non ha risposto alle sollecitazioni de La Stampa per avere conferma delle trattative) stesse pensando a nuove operazioni.

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

La scorsa estate aveva lanciato un'Opa per recuperare il controllo dell'intero capitale della sua società. Così, sborsando la bellezza di 3,1 miliardi, era riuscito a salire da una quota del 70,6% a oltre il 96%, centrando quello che era il suo obiettivo: spingere Iliad fuori dalla Borsa di Parigi e avere finalmente le mani libere, soprattutto all'internazionale (dopo l'Italia, dal 2020 Iliad si è radicata anche in Polonia, prendendo il controllo dell'operatore Play e di quello via cavo Upc), senza dover strappare necessariamente il via libera degli investitori.

iliad vodafone iliad vodafone

 

Niel, nel frattempo, ha pure ripreso concretamente la gestione diretta del suo gruppo, senza più delegare. E i risultati si sono visti già nel primo semestre del 2021, con una crescita dell'Ebitda del 59,5% a 1,4 miliardi. La possibile fusione Iliad-Vodafone interviene mentre Vodafone ha riaperto nel Regno Unito il dossier Three Uk, la compagnia telefonica inglese controllata da Ck Hutchinson, dopo il tentativo fallito dell'anno scorso. Nick Read, lo scorso 17 novembre aveva affermato che il consolidamento è necessario in Europa, in particolare in Italia, Spagna e Portogallo, dove «tutti i giocatori stanno soffrendo».

 

PIETRO LABRIOLA 2 PIETRO LABRIOLA 2

In Italia di sicuro soffre Tim, che ha appena nominato un nuovo ad, Pietro Labriola. Lì il fondo americano Kkr ha proposto 10,8 miliardi di euro per prendere il controllo del gruppo (che ha come azionista di riferimento Vivendi, controllata da un altro magnate francese, Vincent Bolloré). A proposito, Niel fa parte del Cda di Kkr come amministratore indipendente. Con Bolloré sono vicini di casa, in un compound di ricchi al centro di Parigi. Ma non si amano per nulla. Niel è un macronista, anche se non lo vuole ammettere, e Bolloré è sostenitore di Eric Zemmour, all'estrema destra, anche se pure lui non lo riconosce. Mentre le presidenziali si avvicinano. La loro rivalità va oltre le telecom.

vodafone iliad 2 vodafone iliad 2 Pietro Labriola DI TIM Pietro Labriola DI TIM vodafone iliad vodafone iliad

 

Condividi questo articolo

business

“L'ALTERNATIVA NON È TRA PACE E CONDIZIONATORI MA FRA PACE E COSA MANGIAMO” - IL “BANCHIERE DI SISTEMA” CARLO MESSINA AVVERTE CHI VUOLE INSEGUIRE BIDEN SULLE SANZIONI A OLTRANZA A PUTIN: “SENZA IL GAS RUSSO ANDREMMO VERSO UNA RECESSIONE CERTA CON UNA PERDITA DI POSTI DI LAVORO SIGNIFICATIVA. UNO SCENARIO DEL GENERE CI VEDREBBE IN SOFFERENZA PER QUALCHE ANNO. PURTROPPO L'AREA DELLA POVERTÀ SI ALLARGHERÀ GIÀ OGGI. DOBBIAMO GUARDARE CON ATTENZIONE A CHI OGGI HA UN REDDITO TRA I 1.500 E I 2.500 EURO AL MESE” - LA BLINDATURA DI DRAGHI A PALAZZO CHIGI: “QUESTO GOVERNO DEVE CONTINUARE NEL SUO LAVORO PERCHÉ STA FACENDO BENE” - LA STILETTATA A COTTARELLI CHE HA INVOCATO LE ELEZIONI IN AUTUNNO: “UNA FESSERIA IL VOTO ANTICIPATO"  

ATTENZIONE ALL’INFLAZIONE! - IL GOVERNATORE DELLA BANCA D’INGHILTERRA, ANDREW BAILEY, LA TOCCA PIANO E PREVEDE AUMENTI “APOCALITTICI” DEI PREZZI DEI GENERI ALIMENTARI: “L’INFLAZIONE RAGGIUNGERÀ IL PICCO DEL 10,25% NELL’ULTIMO TRIMESTRE DEL 2022” - “IL PRINCIPALE MOTORE DELL'INFLAZIONE È IL GRANDISSIMO SHOCK DEL REDDITO REALE CHE PROVIENE DA FORZE ESTERNE E, IN PARTICOLARE, DAI PREZZI DELL'ENERGIA E DAI PREZZI GLOBALI DEI BENI. CIÒ AVRÀ UN IMPATTO SULLA DOMANDA INTERNA E SMORZERÀ L'ATTIVITÀ E TEMO CHE AUMENTERÀ LA DISOCCUPAZIONE. SCUSATE SE SONO APOCALITTICO MA…"

MA CHE DAVERO? L’UOMO PIÙ RICCO DEL MONDO C’HA IL BRACCINO CORTO E VUOLE LO SCONTO - ELON MUSK TORNA A METTERE IN DUBBIO L’ACCORDO CON TWITTER, MA È SOLO UN MODO PER DOVER SGANCIARE MENO SOLDI: “NON PUÒ ANDARE AVANTI FINO A QUANDO NON SARÀ PROVATO CHE GLI ACCOUNT FAKE SONO INFERIORI AL 5%” - PROBLEMA: I DATI SUI BOT SONO NOTI DA TEMPO. IL FONDATORE DI TESLA STA CERCANDO UN MODO PER SALVARE LA FACCIA: SI DEVE ESSERE ACCORTO CHE IL SOCIAL È UN CETRIOLONE CHE COSTA TANTO E NON PORTA PROFITTI - IL TITOLO CROLLA IN BORSA