POVERA ITALIA – IL REDDITO MEDIO DEGLI ITALIANI È PIÙ BASSO DI TRENT’ANNI FA DI ALMENO 150 EURO. E CON LE TASCHE VUOTE, LE PERSONE NON SPENDONO – IL PRESIDENTE DI CONFCOMMERCIO, SANGALLI: “IL RISPARMIO STA ESAURENDO IL SOSTEGNO AI CONSUMI E L’INCERTEZZA PER L’INFLAZIONE COMPRIME LE INTENZIONI DI ACQUISTO, NONOSTANTE LA FIDUCIA SIA ALTA. È FONDAMENTALE ACCELERARE LE RIFORME…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Gian Maria De Francesco per “il Giornale”

 

POVERTA' IN ITALIA POVERTA' IN ITALIA

Il reddito medio disponibile degli italiani è «addirittura sotto di 150 euro in termini reali rispetto al 1995, quasi trent’anni fa (21.081 euro contro 21.235 euro). Questa dinamica molto negativa, registrata dall’indagine Confcommercio-Censis, tiene inoltre conto del progredire dell’inflazione: i valori sono infatti espressi in euro del 2022, una scelta che fa risaltare il 53,2% medio di crescita dei prezzi al consumo negli ultimi 28 anni.

 

[…] «Il risparmio sta esaurendo il sostegno ai consumi e l’incertezza per l’inflazione e il rialzo dei tassi di interesse comprimono le intenzioni di acquisto», ha commentato il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, presentando il rapporto. «Si rischia di rallentare la ripresa, nonostante la fiducia delle famiglie sia alta. È fondamentale accelerare le riforme, in particolare quella fiscale, e utilizzare al meglio le risorse del Pnrr», ha aggiunto. […]

 

carlo sangalli 2 carlo sangalli 2

[…] Questi dati non si possono comprendere se non si guarda al sistema Paese nella sua interezza. Nel ventennio 2002-2021 l’Italia ha registrato un calo medio annuo dello 0,3% della produttività contro una media Ocse del +0,3 per cento. Che cosa significa? Se misuriamo la produttività come Pil per ora lavorata e, considerando che nel periodo il tasso di disoccupazione è rimasto invariate e così pure quello di occupazione, questo vuol dire che si è puntato alla salvaguardia degli occupati senza che questi tuttavia portassero reale valore aggiunto.

 

GIORGIA MELONI CARLO SANGALLI GIORGIA MELONI CARLO SANGALLI

[…] Questo stato di cose comporta che i salari restino sostanzialmente bloccati in quanto il sistema produttivo nel suo complesso (cioè includendo anche il terziario) punta sulla quantità e non sulla qualità. L’Italia è il Paese europeo con il maggior numero di lavoratori che permangono nel proprio impiego per oltre 10 anni. Dunque poca qualità, poca mobilità, poco sviluppo. Non si potrà cambiare tutto e subito ma proprio le riforme invocate da Sangalli avranno un ruolo decisivo.

working poor working poor povertà povertà coronavirus e poverta' 7 coronavirus e poverta' 7

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP