PRONTI A TRIVELLARE? – IL SOTTOSUOLO ITALIANO E' RICCO DI LITIO, UN METALLO (DA 80 EURO AL CHILO) NECESSARIO PER COSTRUIRE LE BATTERIE DEI VEICOLI ELETTRICI – LE ZONE PIÙ PROMETTENTI PER LE ESTRAZIONI SONO TOSCANA, LAZIO E CAMPANIA MA PER QUANTIFICARE ESATTAMENTE IL TESORETTO SERVIREBBERO ESPLORAZIONI E FINANZIAMENTI - PER ESTRARLO PERÒ NON È DETTO CHE SI DEBBANO SCAVARE ENORMI CAVE MA...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Azzurra Giorgi per “la Repubblica”

 

giacimenti di litio in italia giacimenti di litio in italia

Potrebbe esserci un tesoro sotto i piedi degli italiani. Nelle rocce e nelle acque in profondità, dove le temperature arrivano fino a 300 gradi. E potrebbe giocare un ruolo cruciale per il futuro. Si tratta del litio, metallo di cui l'Italia, secondo uno studio pubblicato nei mesi scorsi da quattro ricercatori del Cnr, è potenzialmente ricca. Servirebbe per la farmaceutica, ma soprattutto per le batterie di veicoli elettrici, per l'energia rinnovabile. E si potrebbe estrarlo grazie ai fluidi geotermici.

 

Le zone più promettenti sono Toscana, Lazio, Campania, la fascia al di là della catena appenninica (da Alessandria a Pescara, lungo la direttiva termale Salsomaggiore-Tolentino), e non è escluso ve ne siano altre perché «ci sono zone inesplorate, come Sardegna e Calabria, anche del crinale oltre l'Appennino, fino all'Adriatico dove ci sono i giacimenti di idrocarburi, si sa poco» spiega Andrea Dini, ricercatore dell'istituto di Geoscienze e georisorse del Cnr di Pisa, che con Pierfranco Lattanzi, Giovanni Ruggieri ed Eugenio Trumpy ha condotto lo studio, basato sull'analisi di dati disponibili e nuovi campioni di roccia. [...]

 

miniere di litio miniere di litio

Per scoprirlo servono esplorazioni, che richiedono ricerca e investimenti a lungo termine, e non tutte le zone, poi, sono uguali. In Lazio e Campania, ad esempio, i fluidi ricchi di litio sono più caldi di quelli sul versante adriatico, mentre in Toscana il metallo è nelle rocce. L'isola d'Elba, ad esempio, ne è piena, e Dini, che si occupa del tema da trent' anni, dice che possono contenere anche «3.000 mg/kg di litio».

 

miniere di litio 3 miniere di litio 3

Per dare un'idea: se lì venisse aperta una cava di 500 metri per 500 e profonda 50, potrebbero essere prodotte circa 50mila tonnellate di carbonato di litio. Che ai prezzi attuali (ora sopra gli 80 dollari al chilo, dopo essere schizzato in alto negli ultimi due anni) significa un valore di circa 4 miliardi. «Ma è impensabile. Sono nell'Arcipelago toscano, una zona bellissima, protetta, dove l'economia si basa sulla valorizzazione turistica del territorio» dice Dini.

miniere di litio 2 miniere di litio 2

 

litio litio miniere di litio 1 miniere di litio 1

Ma altrove, dunque, come potrebbe avvenire l'estrazione? Non con le cave, ma grazie ai fluidi geotermici. «Dovremmo intercettarli e portarli in superficie con una tubazione, che passerebbe attraverso un impianto che estrae il litio in maniera diretta. Il fluido resterebbe caldo, ci si potrebbe produrre energia elettrica e teleriscaldamento, poi verrebbe reiniettato a tremila metri di profondità. Non andrebbe mai a contatto con l'ambiente esterno. Nel caso della Toscana che, come a Larderello, ha rocce in profondità in contatto con le acque geotermiche, bisognerà capire se possiamo "aiutare" il fluido a prendere il litio dalle rocce, senza toccarle, così poi da estrarlo in maniera diretta». […]

 

Condividi questo articolo

business

DIFFIDATE SEMPRE DA QUELLI CHE SEMBRANO TROPPO BUONI – CON UNA LUNGA INCHIESTA, “BLOOMBERG BUSINESSWEEK” SPUTTANA “CORE”, LA ONG FONDATA DA SEAN PENN, ACCUSATA DI INEFFICIENZE E GESTIONE SGANGHERATA DEI FONDI – NON SI SA CHE FINE ABBIANO FATTO 1,6 MILIONI DI DOLLARI RACCOLTI LO SCORSO ANNO, DURANTE UNA SERATA A MIAMI, E DESTINATI ALL'EMERGENZA COVID IN BRASILE – I VERTICI DELL'ORGANIZZAZIONE NO PROFIT AVREBBERO ANCHE IGNORATO E INSABBIATO UN CASO DI MOLESTIA SESSUALE