QUI CROLLA TUTTO -  BORSA MILANO CHIUDE A -1,27%. IN EUROPA VA ANCORA PEGGIO - SPREAD FINO A 282 PUNTI BASE, POI RIPIEGA E CHIUDE A 267 - WALL STREET RIAPRE IN PROFONDO ROSSO POI PEGGIORA - IL PETROLIO CROLLA SOTTO I 25 DOLLARI AL BARILE – NUOVA GIORNATA DIFFICILE PER I LISTINI DI ASIA E PACIFICO - BCE , TRAMITE LA BANCA D'ITALIA, STA INTERVENENDO "PER ASSICURARE CONDIZIONI ORDINATE SUL MERCATO"

-

Condividi questo articolo


Ansa.it

 

BORSA MILANO BORSA MILANO

Giornata molto nervosa per Piazza Affari, che ha chiuso con l'indice Mib in calo dell'1,27% a 15.120 punti dopo aver provato nel pomeriggio anche una breve escursione in terreno positivo. Grazie soprattutto all'allentamento della tensione sui titoli di Stato italiani, è stata comunque una seduta meno pesante per Milano rispetto alle altre Borse europee, che stanno concludendo in forte ribasso.

 

BORSA MILANO BORSA MILANO

Fiammata dello spread tra i titoli di Stato italiani e tedeschi a due anni. Il differenziale di rendimento è salito fino a 282 punti base per poi ripiegare a 229 punti fino a chiudere a 267 punti base dai 279 della chiusura di ieri. Il tasso sul titolo decennale del Tesoro si attesta al 2,42%.

 

Wall Street riapre in profondo rosso poi peggiora. Il Dow Jones perde il 9,13% a 19.292,31 punti, il Nasdaq cede il 7,16% a 6.807,79 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno l'8,14% a 2.323,59 punti. Il petrolio affonda. Il Wti perde il 19,04% a 21,82 dollari al barile, il Brent crolla sotto i 25 dollari al barile.

il trader peter tuchman wall street il trader peter tuchman wall street

 

Bce pronta a nuove misure se necessario Il sistema europeo delle banche centrali, tramite la Banca d'Italia, sta intervenendo "per assicurare condizioni ordinate sul mercato". Lo riferiscono fonti di Bankitalia, precisando che "gli interventi sono flessibili sia nel timing che nei mercati di riferimento, e continueranno finché c'è ne sarà bisogno". L'azione chiarisce - dicono le fonti "se i mercati avessero ancora dubbi, la natura delle decisioni prese" dalla BCE.

 

l'esordio di christine lagarde alla guida della bce 8 l'esordio di christine lagarde alla guida della bce 8

Scattata dalla seduta di oggi il divieto annunciato ieri dalla Consob ad effettuare vendite allo scoperto su tutti i titoli di Piazza Affari per 3 mesi. Il provvedimento, che aveva interessato solo alcuni titoli nel corso delle sedute dello scorso 13 marzo e di ieri, riguarda tutte le cosiddette "posizioni corte", utilizzate per guadagnare in Borsa anche quando i listini scendono, tramite la compravendita di titoli presi a prestito.

 

PETROLIO PETROLIO

A questo si aggiunge l'introduzione di un regime di "trasparenza rafforzata" per i 48 titoli a maggior capitalizzazione e ad azionariato diffuso, che prevede la comunicazione di variazioni sull'azionariato a partire dall'1% per le società più grandi e dal 3% per le Pmi, in luogo rispettivamente del 3 e del 5%. Provvedimenti contro le vendite allo scoperto sono stati adottati anche dalle Autorità finanziarie in Spagna, Francia e Belgio.

 

DONALD TRUMP IRAN DONALD TRUMP IRAN

Nuova giornata difficile per i listini di Asia e Pacifico, ancora una volta legata agli effetti della diffusione del coronavirus. I listini orientali hanno scontato il calo delle esportazioni dalla Cina al Giappone, che in febbraio si sono dimezzate, bloccando di fatto le attività manifatturiere. Tokyo ha ceduto l'1,68%, Shanghai l'1,83% e Taiwan il 2,34%. Più pesanti Seul (-4,86%) e Sidney (-6,43%), legata al prezzo delle materie prime, che a parte l'oro e il minerale di fatto hanno segnato nuovamente il passo. Sotto pressione anche Hong Kong (-3,61%) e Mumbai (-3,94%), ancora aperte. Negativi i futures sull'Europa e su Wall Street, in attesa della bilancia commerciale italiana e dell'Ue e dei dati sulle nuove costruzioni di case negli Usa

 

 

 

 

Condividi questo articolo

business

COMMERZBANK, MPS O IL BANCO BPM? IL DILEMMA DI ORCEL - L’AD DI UNICREDIT TIRA FUORI DAL CASSETTO LA VECCHIA PARTITA DELLA FUSIONE DELLA CONTROLLATA HVP CON LA BANCA TEDESCA: A INIZIO ANNO, ORCEL AVREBBE PROGRAMMATO COLLOQUI INFORMALI CON IL SUO OMOLOGO DI COMMERZBANK, MANFRED KNOF. L’IDEA ERA DI PROGETTARE LA SECONDA BANCA IN GERMANIA - L’OPZIONE È POSSIBILE, MA COMPLICATA. LA STRADA PREDILETTA PER LUI ERA BANCO BPM, IPOTESI BRUCIATA DA UNA FUGA DI NOTIZIE QUANDO SEMBRAVA ESSERE ARRIVATO IL MOMENTO GIUSTO. E POI C’È SEMPRE IL MONTE DEI PASCHI…

GLI ARABI GONFI DI PETROLDOLLARI SI VOGLIONO PAPPARE LE AZIENDE ITALIANE, COME HA FATTO HUSSAIN SAJWANI, CHE HA COMPRATO ROBERTO CAVALLI, O LA FAMIGLIA DEGLI EMIRI AL THANI, CHE HA RILEVATO VALENTINO – ORA CHE LA GUERRA IN UCRAINA HA FATTO VACILLARE LE QUOTAZIONI DI TANTE AZIENDE OCCIDENTALI, I FONDI ARABI VOGLIONO FARE SHOPPING DI MADE IN ITALY IN SALDO - IN QUESTA FASE, A FARE GOLA SONO I SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA APPLICATA COME L'HEALTHCARE, L'AGRO-BUSINESS, LA MEDICINA, IN CUI IL NOSTRO PAESE È LEADER PER LA QUALITÀ DELLE IMPRESE…

SALUTI E BEZOS A BIDEN! - IL “WASHINGTON POST”, PROPRIETÀ DEL FONDATORE DI AMAZON, STRONCA “SLEEPY JOE”: “L’ECONOMIA STATUNITENSE POTREBBE ANDARE INCONTRO A UNA RECESSIONE IL PROSSIMO ANNO” - BANCHE E ISTITUZIONI FINANZIARIE SONO NEL PANICO, MENTRE ESCONO DATI HORROR NEI SETTORI PIÙ SENSIBILI ALLE POLITICHE FISCALI DELLA FED - JEFF BEZOS, COME GLI ALTRI MILIARDARI DEL WEB, DA SETTIMANE È IN ROTTA DI COLLISIONE CON LA CASA BIANCA, CHE VUOLE IMPORRE LIMITI, LACCI E LACCIUOLI A BIG TECH…