LA RESURREZIONE (FINANZIARIA) DI TRUMP – SULL'ORLO DEL FALLIMENTO PER LE SPESE GIUDIZIARIE, LE MULTE E LE CAUZIONI DA PAGARE, IL TYCOON QUOTA IN BORSA LA “TRUMP MEDIA & TECHNOLOGY GROUP”, CHE POSSIEDE IL SUO SOCIAL TRUTH – IL PREZZO DELLE AZIONI SCHIZZA IN ALTO DEL 30% E PORTA IL VALORE DELLA SOCIETÀ A 9 MILIARDI DI DOLLARI: LE QUOTE IN MANO ALL’EX PRESIDENTE VALGONO 5 MILIARDI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Massimo Gaggi per il “Corriere della Sera”

 

QUOTAZIONE IN BORSA DEL SOCIAL TRUTH DI DOANLD TRUMP QUOTAZIONE IN BORSA DEL SOCIAL TRUTH DI DOANLD TRUMP

Risorto politicamente (sconfitto da Biden e dopo l’assalto al Congresso dei suoi fan, nel 2021 Donald Trump sembrava ormai fuori da tutto) e anche sul piano giudiziario (le incriminazioni che potevano portarlo dietro le sbarre sono invece diventate carburante per la sua campagna elettorale), l’ex presidente tenta, per ora con successo, anche una resurrezione finanziaria con una mossa che ha dell’incredibile: The Donald quota in Borsa sé stesso.

 

Fino a qualche giorno fa l’uomo che si è sempre dichiarato enormemente ricco, salvo finire quattro volte in bancarotta, sembrava sul punto di portare i libri in tribunale per la quinta volta, non potendo pagare le fidejussioni relative alle sue condanne civili per danni. Ma ieri, con queste penalità appena drasticamente ridotte a livelli per lui assai più sostenibili, Donald John Trump si è quotato al Nasdaq, la borsa tecnologica Usa, con una società identificata nel listino con le sue iniziali: DJT. […]

 

il social network di donald trump truth 6 il social network di donald trump truth 6

Stavolta […] i sottoscrittori investono in una società il cui patrimonio è il seguito politico che un vasto popolo di seguaci garantisce all’ex presidente repubblicano.  

 

Azionisti che puntano, a valori molto elevati, su un suo ritorno alla Casa Bianca: la nuova azienda (Trump Media & Technology Group) creata dalla fusione tra la Digital World Acquisition (un veicolo finanziario senza valore intrinseco messo in piedi da amici di Trump) e la sua piattaforma di comunicazione Truth Social (che fin qui ha messo insieme appena 5 milioni di dollari di pubblicità e solo 8 milioni di utenti, con 10,6 milioni di perdite e debiti per 40 milioni) è stata offerta al mercato a un valore di 6,8 miliardi.

 

[…]

 

QUOTAZIONE IN BORSA DEL SOCIAL TRUTH DI DOANLD TRUMP QUOTAZIONE IN BORSA DEL SOCIAL TRUTH DI DOANLD TRUMP

Ma gli investitori-tifosi di The Donald hanno deciso che Trump vale di più: nelle prime contrattazioni il prezzo è salito del 30% portando il valore della società a 9 miliardi e la quota di spettanza dell’ex presidente (60%) a 5 miliardi. Certo, per ora è solo carta: se non verrà eletto, il valore della DJT potrebbe anche precipitare verso lo zero. E lui non può vendere le sue azioni per sei mesi. A meno di non essere autorizzato dal board. Che è composto di sette membri: il figlio Donald Jr. e altri suoi stretti collaboratori.

il social network di donald trump truth 5 il social network di donald trump truth 5 il social network di donald trump truth 2 il social network di donald trump truth 2 il social network di donald trump truth 1 il social network di donald trump truth 1 il social network di donald trump truth 3 il social network di donald trump truth 3 il social network di donald trump truth 4 il social network di donald trump truth 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)