L’ECO-TRUFFA "LEGALE" (E MULTI MILIARDARIA) DELLE GRANDI AZIENDE CHE PRODUCONO ACCIAIO, CEMENTO, PETROLIO E ALLUMINIO – NEL 2005 L’UE HA CREATO UN SISTEMA DI QUOTE DI EMISSIONE DI CO2 GRATUITE PER CONVINCERE LE IMPRESE A INQUINARE MENO. A OGNUNA VENIVA DATO UN NUMERO DI TONNELLATE DI GAS DA EMETTERE CHE CON IL TEMPO DOVEVA ESSERE RIDOTTO – IL SISTEMA È DIVENTATO UN MERCIMONIO: LE AZIENDE CHE INQUINAVANO MENO DEL PREVISTO METTEVANO ALL'INCANTO LE QUOTE RIMANENTI GUADAGNANDOCI SOPRA. SI STIMA CHE ABBIANO INTASCATO 98,5 MILIARDI DI EURO...

-

Condividi questo articolo


Articolo di “Le Monde” – dalla rassegna stampa estera di “Epr Comunicazione”

 

incidenza inquinamento sui tumori in europa incidenza inquinamento sui tumori in europa

"Diritti di inquinare". In un momento in cui l'Unione europea sta intensificando gli obiettivi di decarbonizzazione per il 2030, le aziende produttrici di cemento e acciaio hanno sfruttato il sistema di sostegno dell'UE per gonfiare i loro profitti – leggiamo nella prima parte dell’inchiesta dei giornalisti di Le Monde

 

È una storia trentennale che vale miliardi di euro. Trenta lunghi anni che non passeranno negli annali dell'Unione Europea (UE) come i più gloriosi nella lotta al riscaldamento globale. Tre decenni durante i quali le industrie più inquinanti del Vecchio Continente - acciaio, cemento, petrolio, alluminio e altre - hanno ricevuto quote di emissione di CO2 gratuite, una sorta di "diritto a inquinare" che avrebbe dovuto essere ridotto nel tempo, per incoraggiarle a ridurre le loro emissioni di gas serra.

 

bambini e inquinamento8 bambini e inquinamento8

Tuttavia, il sistema è stato rapidamente deviato dal suo scopo originario e trasformato in uno strumento finanziario che consente ai beneficiari di aumentare i loro profitti rivendendo tali quote. Solo tra il 2013 e il 2021, secondo le stime del World Wildlife Fund, le maggiori industrie emettitrici hanno intascato 98,5 miliardi di euro, e solo un quarto di questa somma (25 miliardi di euro) è stato destinato all'azione per il clima.

 

Il sistema di quote gratuite, lanciato il 1° gennaio 2005 e tuttora in vigore, è destinato a scomparire nel 2034. Il 18 aprile, il Parlamento europeo ha adottato un nuovo piano climatico che prevede la sua graduale sostituzione con un "meccanismo di aggiustamento del carbonio alle frontiere dell'UE", questa volta con l'obiettivo di rendere più ecologiche le importazioni dai settori che emettono più CO2. Optando per un meccanismo più semplice, l'UE non ha fatto ufficialmente il suo mea culpa. Ma è di questo che si tratta.

 

bambini e inquinamento7 bambini e inquinamento7

Come abbiamo rivelato dopo otto mesi di indagini, con il sostegno finanziario del fondo Investigative Journalism for Europe (IJ4EU), questo sistema, che doveva essere benevolo nei confronti dell'industria, è stato dirottato dal suo scopo originario. Abbiamo esaminato le industrie dell'acciaio e del cemento in Francia e Spagna, due dei maggiori beneficiari.

 

Un'analisi approfondita delle transazioni finanziarie registrate da questi attori nel sistema di scambio di quote di emissione (SEQE-EU-ETS) conferma ciò che alcuni sospettavano da tempo: le aziende hanno rivenduto alcune delle loro quote gratuite per centinaia di milioni di euro, a volte miliardi. Ma a differenza dell'enorme frode sull'IVA che ha scosso il sistema nei suoi primi giorni, costando ai Paesi dell'UE 6 miliardi di euro e portando a condanne giudiziarie anni dopo, la diversione in questione è legale.

 

La storia è iniziata al Vertice di Rio del 1992. In quell'occasione nacque l'idea di una carbon tax per le industrie dei Paesi sviluppati, per rendere l'economia più rispettosa dell'ambiente. L'iniziativa non ottenne il sostegno unanime degli Stati membri, in particolare la Francia bloccò la decisione. Nel 1997, il Protocollo di Kyoto ha riportato la questione sul tavolo.

 

inquinamento olfattivo 3 inquinamento olfattivo 3

Al Gore, vicepresidente degli Stati Uniti, trovò l'idea interessante, ma temeva che questo approccio non sarebbe stato approvato dal Congresso americano. Era quindi necessario elaborare un sistema più compatibile con il modello capitalistico, in vista di un possibile riavvicinamento dei mercati transatlantici in futuro.

 

Il Vecchio Continente ha quindi creato un mercato europeo del carbonio, in cui i produttori potevano acquistare e vendere quote per regolare le loro emissioni di CO2. "L'UE ha creato da zero un mercato che non era mai esistito prima. È la prima volta nella storia dell'umanità", sottolinea Thomas Pellerin-Carlin, direttore del programma Europa dell'Institut de l'économie pour le climat. Oggi questo mercato è il principale centro finanziario del suo genere al mondo, anche se altri stanno emergendo, ad esempio in Cina.

 

inquinamento olfattivo 2 inquinamento olfattivo 2

"Fin dall'inizio sono state sollevate alcune questioni fondamentali. Quale modello dovrebbe essere utilizzato per assegnare le quote che le aziende scambieranno tra loro? Dovrebbero essere cedute gratuitamente o vendute? Chi sarà coperto dal meccanismo? Le aziende potranno conservare le quote da un anno all'altro?", afferma Julien Hanoteau, professore di economia e sviluppo sostenibile presso la Kedge Business School di Aix-Marseille.

 

Un modello sta rapidamente prendendo forma, anche se non gode di un sostegno unanime. Ogni anno, l'Unione Europea decide di assegnare quote gratuite di CO2 alle aziende industriali, in base ai gas serra che si stima emetteranno nei dodici mesi successivi. Una quota equivale a una tonnellata di CO2.

influencer inquinamento influencer inquinamento

  

Dopo un anno, gli impianti industriali devono restituire un numero di quote equivalente alle loro emissioni effettive di CO2. Se hanno emesso più CO2 del previsto, possono acquistare quote aggiuntive dalle aziende che non hanno utilizzato tutte le loro, secondo il principio "chi inquina paga" ideato dai creatori di questo mercato.

 

Al contrario, se hanno emesso meno CO2 del previsto, possono rivendere le quote in eccesso che detengono. Le quote non hanno una data di scadenza. E quando sono in eccedenza, diventano azioni sotto forma di semplici attività finanziarie che le aziende possono vendere a piacimento, senza alcun corrispettivo, o integrare acquistandone altre sul mercato, se il prezzo del carbonio è sceso.

 

scarico auto 4 scarico auto 4

Nel suo rapporto annuale del 2022, ArcelorMittal dichiara di detenere 154 milioni di euro in "attività finanziarie immateriali" relative alle quote di CO2 al 31 dicembre 2021 e 691 milioni di euro al 31 dicembre 2022, secondo l'associazione internazionale di giornalisti Finance Uncovered con sede a Londra, contattata per la nostra ricerca. Secondo l'azienda, questo è il risultato di acquisti che sono "giunti a scadenza", consentendole di rafforzare il lato attivo del suo bilancio per importi considerevoli.

 

La fase pilota del programma europeo di quote gratuite è iniziata vent'anni fa, nel 2003. La distribuzione è iniziata timidamente nel 2005, per raggiungere la velocità di crociera nel 2008. La logica iniziale è sorprendente a posteriori. Più CO2 un impianto industriale prevede di emettere, più diritti di inquinare riceve.

 

inquinamento 2019 inquinamento 2019

Dal 2008 al 2012, le quote vengono assegnate sulla base degli anni di produzione precedenti alla crisi economica. Di conseguenza, i produttori ricevono molte più quote di quelle che effettivamente emettono. Alcuni produttori stessi hanno subito espresso riserve sui metodi del sistema SEQE, come il produttore di cemento spagnolo Cementos Tudela Veguin e quello francese Vicat.

 

"Ci siamo detti che eravamo su una china scivolosa, che potenzialmente avremmo dovuto restituire le scorte concesse in eccesso. Eravamo consapevoli che non poteva durare, che qualcuno avrebbe chiamato la fine del gioco a un certo punto", commenta Eric Bourdon, vicedirettore generale del produttore francese di cemento, che da parte sua ha scelto di non toccare le quote in eccesso che gli erano state distribuite, una strategia in contrasto con quella dei suoi concorrenti. "Abbiamo venduto un po' all'inizio, ma ci siamo fermati molto rapidamente. Ora abbiamo 4,5 milioni di tonnellate di quote di CO2. Dovremo decidere come utilizzarle al meglio", continua.

inquinamento inquinamento

 

È vero che le regole di assegnazione sono state modificate nel 2012 e di nuovo nel 2018. Ma gli abusi sono continuati, come dimostra l'ultimo rapporto sullo stato del sistema ETS dell'UE, pubblicato nel 2022 dalla Tavola rotonda europea sui cambiamenti climatici e la transizione sostenibile. L'eccedenza accumulata di quote gratuite si è stabilizzata solo nel 2013, e anche allora a un livello molto alto, l'equivalente di 1,3 miliardi di tonnellate di CO2 all'anno. E solo nel 2017 le emissioni di CO2 in tutti i settori hanno iniziato a diminuire in modo significativo.

 

Per l'eurodeputato Yannick Jadot (Europe Ecologie-Les Verts), che da anni chiede l'abolizione delle quote gratuite, la situazione è amara. "Le autorità pubbliche hanno creato un mercato dal nulla, accettando fin dall'inizio tutti gli intollerabili eccessi della finanziarizzazione dell'economia", afferma l'ex candidato dei Verdi alle elezioni presidenziali del 2022. "Il governo avrebbe potuto benissimo recuperare il denaro generato dalla vendita delle quote per compensare le attività inquinanti in modo ecologico, abbassare l'IVA o ridurre l'imposta sul reddito. Ma questa non è stata la scelta fatta, lasciando invece le aziende libere di operare", aggiunge Hanoteau.

 

inquinamento londra1 inquinamento londra1

Le quote vengono messe all'asta ogni mattina alle 11.00. All'inizio, le transazioni rappresentavano un piccolo milione di tonnellate di CO2 al giorno. Da allora, il mercato è diventato più sofisticato. Oggi copre quasi 18.000 impianti e le aziende industriali, attraverso banche, fondi di investimento, broker e una dozzina di società di trading, scambiano ogni giorno da 20 a 30 milioni di tonnellate di CO2, anticipando le future variazioni del prezzo del carbonio.

 

"Il mercato è diventato molto interessante per gli investitori. Il prezzo del carbonio era inizialmente di 7 euro per tonnellata, è salito a 24 euro nell'agosto 2008 e ora si aggira intorno ai 100 euro. Alcuni prevedono che raggiungerà i 150 euro nel 2030 e, nel frattempo, più dell'80% delle transazioni sono speculative piuttosto che legate a questioni ambientali", afferma Ismael Romeo, direttore di SendeCO2, una società di trading con sede a Barcellona.

 

inquinamento londra2 inquinamento londra2

Ivan Pavlovic, specialista della transizione energetica presso Natixis (filiale del gruppo Banque Populaire Caisse d'Epargne), conferma: "Anche se per il momento sono ancora una minoranza, i fondi di investimento speculativi specializzati nei mercati del carbonio, che scommettono su queste quote, ora esistono". Secondo la società di analisi finanziaria britannica Refinitiv, nel 2021 sono stati scambiati sul mercato quasi 11 miliardi di tonnellate di CO2, per un valore di 683 miliardi di euro.

 

Il sistema si è presto rivelato difettoso. Le transazioni sono difficili da tracciare, anche per gli esperti del settore. "Il sistema è piuttosto esoterico. A tutti i livelli, compresa la Commissione europea, nessuno ha una visione globale e unanime. È una scatola nera. Solo i direttori finanziari o industriali delle aziende interessate sanno esattamente cosa si fa con queste quote", ammette il responsabile di una società di scambio di quote di CO2.

inquinamento atmosferico inquinamento atmosferico

 

A volte, le transazioni non sono giustificate solo da ragioni finanziarie. "Possono anche essere ispirate da eventi climatici o politici. Le società energetiche, escluse dal sistema di quote gratuite nel 2013 perché le utilizzavano per aumentare il prezzo dell'elettricità, sono ora obbligate ad acquistare le quote a proprie spese. Possono rivenderne alcune alla fine dell'inverno, se la temperatura è stata più alta del previsto e le loro emissioni di CO2 sono state quindi inferiori. Lo stesso vale in caso di inflazione dei prezzi dell'energia, come nell'estate del 2022, quando i prezzi del gas sono saliti alle stelle", sottolinea Gregory Idil, trader di Vertis Environmental Finance, una società con sede a Bruxelles.

 

inquinamento delle acque inquinamento delle acque

Comunque sia, le aziende sono riluttanti a divulgare queste informazioni, che considerano sensibili per la loro competitività industriale. "Le transazioni sono il riflesso dell'attività economica. Se un'azienda dice di aver venduto quote, potenzialmente sta riconoscendo che la sua produzione è diminuita", spiega il trader Ismael Romeo, con sede a Barcellona. Inoltre, non tutti sono uguali quando si tratta di diritti di inquinamento. British Steel lo ha imparato a sue spese. Dopo essersi liberata delle sue quote gratuite per compensare le perdite finanziarie, ha dovuto riacquistare i diritti di inquinamento per poter continuare le sue attività ed essere autorizzata a emettere CO2. Solo che nel frattempo il prezzo del carbonio è salito alle stelle. Alla fine l'azienda si è sovraindebitata e, vittima delle sue speculazioni, ha finito per fallire nel 2019.

 

Opacità

 

inquinamento inquinamento

La vendita di quote è soggetta al sigillo del "segreto commerciale". Questo argomento è stato addotto da diverse aziende che abbiamo intervistato per commentare le informazioni contenute nel nostro database. In Spagna, i produttori di cemento ci hanno indirizzato alla loro federazione dei datori di lavoro, Oficemen, per ottenere dati consolidati sul settore. Tuttavia, la federazione ha rifiutato. "Oficemen non ha alcun dato. Queste domande riguardano i problemi specifici delle aziende e saranno loro a rispondervi", ha risposto un portavoce. Nessuna di loro lo ha fatto.

 

fiume inquinato fiume inquinato

Un'altra difficoltà è rappresentata dal fatto che le transazioni finanziarie effettuate da ciascuno dei 18.000 siti industriali che hanno beneficiato di quote gratuite vengono pubblicate retrospettivamente dall'UE con un ritardo di tre anni. Attualmente, mentre le assegnazioni di quote gratuite sono note fino al 2022, le ultime cifre disponibili per le rivendite si riferiscono al 2019. Anche così, non raccontano l'intera storia. Poiché alcuni impianti sono passati di mano, è impossibile ricostruire la storia delle transazioni sito per sito. I registri delle transazioni dell'Unione europea (EUTL), su cui abbiamo lavorato con l'aiuto del database sul sito web EUETS. info, ci permettono di tracciare, per data e ora, gli scambi di quote tra operatori. Tuttavia, non mostrano i cambiamenti di proprietà degli impianti industriali che possono essersi verificati nel periodo studiato (2005-2019), il che contribuisce all'opacità di questo mercato.

 

lo scioglimento di un ghiacciaio a svalbard, norvegia lo scioglimento di un ghiacciaio a svalbard, norvegia

Il produttore svizzero di cemento Holcim si rifiuta di commentare le cifre, sostenendo che il suo ambito è cambiato dopo la fusione con Lafarge nel 2015, che ha portato alla vendita di cementerie da parte della nuova entità. Lo stesso vale per la tedesca Heidelberg Materials (ex HeidelbergCement), che ha apportato importanti modifiche alla sua rete di cementerie in Europa, dopo l'acquisizione nel 2016 dell'italiana Italcementi e della sua filiale francese Ciments Calcia.

 

La spagnola Cementos Portland Valderrivas è diventata leader nella penisola iberica quando ha assunto il controllo di Uniland nel 2006, ma ha riacquistato la piena proprietà dell'azienda solo nel 2013, dopo aver venduto la sua controllata Cementos Lemona all'irlandese CRH. Il suo concorrente, Cementos Molins, sottolinea che nel 2013 ha acquisito un impianto dalla messicana Cemex a Barcellona, che secondo lui "distorce" il suo equilibrio commerciale delle quote. La collega brasiliana Votorantim Cimentos si trova nella stessa situazione, essendo entrata nel mercato iberico solo nel 2012 rilevando i siti della portoghese Cimpor.

 

Aziende "in eccesso"

 

inquinamento da pfas in veneto inquinamento da pfas in veneto

Una cosa è certa: un gruppo come ArcelorMittal ha sempre ricevuto più quote gratuite di quelle emesse in CO2. E questo vale anche oggi. Il gigante dell'acciaio ha venduto grandi quantità di quote nel 2008 e ancora nel 2011 e 2012. Tuttavia, per ragioni di ottimizzazione finanziaria, ne ha anche riacquistate alcune in alcuni anni, quando il prezzo del carbonio era in calo. In totale, secondo i registri dell'EUTL, tra il 2005 e il 2019 il gigante dell'acciaio ha venduto 3,7 miliardi di euro di quote e ne ha acquistate 1,8 miliardi, generando un margine di 1,9 miliardi di euro. Contattata da Le Monde, ArcelorMittal France non ha potuto confermare queste cifre.

 

Sempre secondo i registri EUTL, Holcim ha avuto un'eccedenza di diritti di inquinamento fino al 2017. Ha venduto molte quote tra il 2008 e il 2012, prima della fusione con Lafarge, che ha venduto anch'essa molte quote. In totale, le due società che si sono fuse avrebbero venduto 1,3 miliardi di euro e acquistato 339 milioni di euro fino ad oggi, con un saldo positivo di 986 milioni di euro. Gli importi sono sepolti nei conti del gruppo e sono impossibili da trovare come tali nelle relazioni annuali. "I dati sulle transazioni sono dati aziendali che non divulghiamo", afferma Lafarge France.

inquinamento 1 inquinamento 1

 

Il loro concorrente, Heidelberg Materials, è stato in attivo fino al 2016. Questo importante attore dell'industria europea del cemento, presente in Francia con il marchio Ciments Calcia e in Spagna con le cementerie Sociedad Financiera y Minera, avrebbe anche smaltito una quantità significativa di quote dopo la crisi finanziaria del 2008, per un totale di 732 milioni di euro, ma ha interrotto questa pratica nel 2016 e ha anche acquistato 364 milioni di euro di valore, realizzando un profitto di 368 milioni di euro. Secondo un portavoce, l'azienda tedesca "purtroppo non dispone di queste informazioni".

 

inquinamento 2 inquinamento 2

In Spagna, Cementos Portland Valderrivas, una filiale del gigante dei lavori pubblici FCC, è uno dei maggiori responsabili delle emissioni di CO2. Dal 2008 al 2012, ha ricevuto ogni anno un volume spropositato di diritti a inquinare, molto sproporzionato rispetto alle sue emissioni effettive. L'eccedenza è terminata solo nel 2021. Si dice che abbia venduto alcuni di questi diritti, intascando 288 milioni di euro, e ne abbia acquistati 11 milioni, con un profitto di 277 milioni. L'azienda rifiuta di commentare queste cifre. "La nostra politica è di non partecipare alle indagini giornalistiche", ci hanno detto. [...]

inquinamento plastica inquinamento plastica

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE