SCIACQUARE I MOCASSINI IN ARNAULT – IERI C’È STATO UN NUOVO BALZO DEL TITOLO DI TOD’S IN BORSA: +13,31%, MA DALL’INIZIO DELL’ANNO LE AZIONI DELLA SOCIETÀ DI DELLA VALLE SONO CRESCIUTE DEL 128% - IL MOTIVO? PRIMA C’È STATO L’INGRESSO NEL CDA DELLA FERRAGNI, POI IL RAFFORZAMENTO DI LVMH, CHE È SALITO AL 10%. E IL MERCATO SI È MESSO A GALOPPARE NELLA CONVINZIONE CHE PRIMA O POI ARNAULT LANCI L’OPA…

-

Condividi questo articolo


Nino Sunseri per “Libero quotidiano”

DIEGO DELLA VALLE CHIARAR FERRAGNI DIEGO DELLA VALLE CHIARAR FERRAGNI

 

I ricchi non piangono e anzi continuano a spendere. Un atteggiamento che alla Borsa piace molto. Per questa ragione non si ferma la corsa dei titoli legati al lusso. Il settore, nel complesso, è tra quelli che meno sono stati impattati dalla crisi del Covid-19. La pandemia ha solamente spostato una parte degli affari sull' e-commerce e sui mercati locali.

 

Non stupiscono pertanto le performance ad altissimo gradimento che trovano in Tod' s l' espressione più sfavillante. Ieri il titolo ha chiuso a 63,85 euro con un rialzo del 13,31% che riporta la quotazione sui livelli di aprile 2018. Per capire fino in fondo l' ampiezza del movimento basterà ricordare due dati: rispetto all' inizio dell' anno il miglioramento è pari al 128%. Ma ancora ad aprile il titolo valeva 30 euro che comunque rappresentava un livello di tutto rispetto considerando che a novembre, in piena pandemia era precipitato a 18 euro.

 

bernard arnault bernard arnault

Poi la rinascita che solo marginalmente è frutto dei commenti rilasciati dagli analisti di Ubs a margine di una conferenza in cui il famoso marchio di calzature era presente. In realtà nessuno si aspettava un recupero così ampio in un arco di tempo tanto stretto. Tod' s ha cominciato a crescere in maniera sensibile a partire dall' inizio di aprile con l' annuncio dell' ingresso in consiglio d' amministrazione di Chiara Ferragni. Da qui il primo strappo del 14% in una sola settimana che aveva aggiunto 130 milioni di capitalizzazione al gruppo guidato da Diego della Valle. Per la prima volta da molti anni il valore di Borsa era tornato a superare il miliardo di euro. Pochi giorni dopo, l' annuncio che il colosso francese Lvmh era salito al 10%.

 

tod's 1 tod's 1

L' operazione era stata accompagnata da uno scambio reciproco di dichiarazioni di amicizia dei due mag giori azionisti. Uno scambio di cortesie che per Piazza Affari è stato come suonare la tromba della carica. Il titolo Tod' s si è messo a galoppare nella convinzione che, prima o poi, la maison parigina lancerà l' Opa per aggiungere anche le scarpe con i pallini alla ricca collezione di marchi italiani che già possiede. Vale a dire Fendi, Bulgari, Loro Piana, Acqua di Parma la casa di profumi che, tanto per non dimenticare, era stata fondata da Diego Della Valle insieme a Luca Montezemolo, amico e socio d' affari da anni.

LA CRESCITA DEL TITOLO TOD'S IN BORSA NEL 2021 LA CRESCITA DEL TITOLO TOD'S IN BORSA NEL 2021

 

L' ipotesi di una unione è alimentata da diversi fattori. Per esempio il fatto che i figli di Diego non hanno ancora preso confidenza con l' azienda.

Poi c' è la differenza di valore: Lvmh vale alla Borsa di Parigi 450 miliardi.

Tod' s, nonostante il fortissimo rimbalzo di questi mesi raggiunge appena i due miliardi. Una sproporzione che probabilmente non rende giustizia all' effettivo valore del gruppo, ma certamente agevola l' eventuale acquisizione da parte di Bernard Arnault.

Certo se l' intenzione è davvero di arrivare ad un matrimonio tanto valeva celebrarlo quando Tod' s quotava meno della metà di adesso.

diego della valle diego della valle

Però è diffusa l' opinione che sarà un matrimonio non una violenza.

Non stupisce quindi che il venditore guardi con molta soddisfazione al rialzo del titolo. Vuol dire che i francesi, per arrivare all' altare dovranni pagare un prezzo più alto.

tod's 7 tod's 7 diego della valle 2 diego della valle 2 tod's 5 tod's 5 tod's 2 tod's 2 tod's 4 tod's 4 tod's 6 tod's 6 tod's 3 tod's 3

 

Condividi questo articolo

business

LA SINISTRA RIPARTA DA MARGHERITA AGNELLI – “IL FATTO”: “ORMAI VA DETTO. LA MADRE DI JOHN, LAPO E GINEVRA ELKANN VA ANNOVERATA TRA LE EROINE DEL SOCIALISMO ITALIANO, TIPO ANNA KULISCIOFF O MARIA GOIA. A DIFFERENZA DELLE MADRINE DEL MOVIMENTO, MARGHERITA LAVORA DIETRO LE LINEE NEMICHE, DOVE, CON INCISIVE AZIONI DI SABOTAGGIO, PROVA A MOSTRARE AL PROLETARIATO DI CHE LACRIME GRONDI E DI CHE SANGUE IL POTERE CHE LO OPPRIME E QUALI SIANO I SENTIMENTI E LA MORALITÀ DI CUI SI NUTRONO LE BELLE FAMIGLIE DEL CAPITALISMO ITALIANO…”

VIVENDI E LASCIA VIVERE – È DAVVERO PACE TRA BERLUSCONI E BOLLORE’: FIRMATO L’ACCORDO CHE METTE FINE ALLE CONTROVERSIE TRA MEDIASET E VIVENDI – FININVEST ACQUISISCE LA METÀ DELLE QUOTE DEI FRANCESI (IL 5%) E TORNA SOPRA IL 50% DEL BISCIONE - ORA ORA CHE MEDIASET È FUORI DALLO STALLO PUÒ RIPARTIRE DAL PROGETTO MFE.  IL PROSSIMO PASSO SARÀ IL TRASFERIMENTO AD AMSTERDAM, CHE CHIUSI GLI ADEMPIMENTI BUROCRATICI DOVREBBE REALIZZARSI NELLA SECONDA METÀ DI SETTEMBRE. E POI…