SPEZZATINO ALLA SVIZZERA – LA SITUAZIONE DEL CREDIT SUISSE RIMANE PREOCCUPANTE, NONOSTANTE L’INTERVENTO DELLA SWISS NATIONAL BANK: PER RILEVARE L’ISTITUTO È IN PISTA L’ALTRO COLOSSO ELVETICO, UBS. I SAUDITI, PRIMI AZIONISTI DEL CREDIT SUISSE, STANNO PROVANDO A CONVINCERE LA BCE A INTERVENIRE, AMMORBIDENDO LA NORMATIVA CHE LIMITA LA PARTECIPAZIONE STRANIERA AL 10%. MA NON È ESCLUSO UNO SPACCHETTAMENTO IN TRE SOGGETTI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Rosario Dimito per “il Messaggero”

 

credit suisse crollo del titolo in borsa credit suisse crollo del titolo in borsa

Il Credit Suisse deve essere salvato già nel fine settimana. Per rilevarlo, tutto o in parte, in pole position c'è l'altro colosso elvetico, Ubs. […] Non è […] bastato l'intervento della banca centrale di Berna che giovedì ha messo a disposizione del Credit Suisse 50 miliardi di franchi svizzeri per far fronte alla fuga dei depositi. Anzi, è possibile che sia in arrivo una nuova importante iniezione. L'obiettivo prioritario però resta il nuovo assetto dell'istituto.

 

TERAPIA D'URTO

MEME SUL CROLLO IN BORSA DI CREDIT SUISSE MEME SUL CROLLO IN BORSA DI CREDIT SUISSE

Va detto che il termine di lunedì potrebbe non essere rispettato in quanto ci sono troppi ostacoli sul percorso: uno dei principali potrebbe essere la posizione della Saudi National Bank di Gedda, primo azionista con il 10% del Credit Suisse.

 

Qualche giorno fa il suo passo indietro a partecipare a un eventuale aumento di capitale ha provocato il crollo del titolo fino al massimo del 40%; tuttavia, i colloqui serrati tra la Bce e il vertice della banca araba intercorsi per tutta la giornata di ieri, avrebbero fatto emergere la disponibilità dell'azionista a non tirarsi completamente indietro, perché Francoforte si sarebbe impegnata a intervenire sulle autorità bancarie svizzere per ammorbidire la norma che vede nel 10% il limite alle partecipazione di soggetti esteri che non intendono adeguarsi alla stringente normativa locale.

 

Ammar al-Khudairy Ammar al-Khudairy

In cambio, la più grande banca commerciale saudita […] avrebbe chiesto alla Bce di intervenire su Berna affinché insista con la terapia d'urto praticando un secondo prestito di 50 miliardi onde mettere il Credit nelle condizioni di meglio rassicurare il mercato in attesa che ritrovi la stabilità.

 

[…] Da ieri sera, sul tavolo del Supervisory board di Francoforte ci sarebbe anche lo spacchettamento di Credit Suisse in tre soggetti: 1) il core business domestico pari a meno di un terzo dell'attivo, comprendente gli asset commerciali e la banca private rimarrebbero come legal entity quotata con l'attuale marchio; 2) la parte private banking internazionale (circa 400 miliardi di asset) verrebbe messa in vendita in blocco: gli acquirenti potrebbero essere Ubs (che secondo il Financial Times potrebbe anche rilevare l'intero gruppo, con la benedizione delle autorità svizzere), Morgan Stanley, JpMorgan.

 

AXEL LEHMANN CREDIT SUISSE AXEL LEHMANN CREDIT SUISSE

L'alternativa sarebbe una cessione per regioni: Europa, Medio Oriente, Africa, e in tal caso potrebbero partecipare all'asta molti pretendenti, anche europei. Infine, 3) costituirebbe unità a sé l'investment bank, ribattezzata First Boston da quotare a Wall Street. […]

HOTEL CREDIT SUISSE ZURIGO HOTEL CREDIT SUISSE ZURIGO CREDIT SUISSE CREDIT SUISSE CREDIT SUISSE CREDIT SUISSE Credit Suisse Credit Suisse Credit Suisse Credit Suisse CAMPUS CREDIT SUISSE CAMPUS CREDIT SUISSE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

PER ROMA È LA FINE DI UN’ERA: CHIUDE I BATTENTI “IL BOLOGNESE” (MA NON PER SEMPRE) – ALFREDO TOMASELLI E SUO FIGLIO ETTORE VENDONO LO STORICO RISTORANTE DI PIAZZA DEL POPOLO, DOVE IN OLTRE 60 ANNI SI SONO ATTOVAGLIATE CELEBRITÀ D'OGNI SORTA, CAPI DI STATO E STARLETTE, BOIARDI DELLA PRIMA REPUBBLICA E ASPIRANTI VIP ACCORSI SPERANZOSI DI FARSI VEDERE DALLA PIÙ REMOTA PROVINCIA – I TOMASELLI PASSANO LA MANO MA LA GLORIOSA INSEGNA RESTERÀ AI NUOVI PROPRIETARI: “RESISTERE AL DEGRADO DEL CENTRO DI ROMA ERA DIVENTATO TROPPO FATICOSO” – QUELLA VOLTA CHE GHEDDAFI TEMETTE DI ESSERE AVVELENATO…

FLASH! – CONFLITTO TOTALE: SALVINI ACCUSA GIORGETTI DI ESSERE LO ZERBINO DELLA DUCETTA E FIAMMA CANTANTE (ARIANNA, SCURTI, FAZZOLARI) - DAL SUPERBONUS RETROATTIVO AL PONTE SULLO STRETTO, DAL MES A DRAGHI A BRUXELLES, DALLA CANDIDATURA VANNACCI ALLE NOMINE IN CDP, I CONTRASTI NON SI CONTANO PIÙ - IL LEADER DELLA LEGA, SEMPRE PIU’ IN AFFANNO PER LA CRESCENTE DISAFFEZIONE DEGLI ELETTORI DEL CARROCCIO, COL SORPASSO DI FORZA ITALIA SUL COLLO, SI SPARA UN CONDONO AL GIORNO MANDANDO ALL’ARIA LE CORONARIE E LE CASSE VUOTE DEL MINISTRO DELL’ECONOMIA…

FLASH! – A BRUXELLES SI CHIEDONO BASITI: PERCHE’ LE BANCHE ITALIANE (DA INTESA A UNICREDIT) NON FANNO PRESSIONE SUL GOVERNO MELONI PER LA RATIFICA DELLA RIFORMA DEL MES? (L’ITALIA DELLA DUCETTA E’ L’UNICO PAESE SU 27 CHE L’HA RIFIUTATO) - IN FIN DEI CONTI, AGGIUNGONO I PARTNER EUROPEI, E’ UNA RIFORMA CHE TOCCA DA VICINO LE ISTITUZIONI CREDITIZIE PERCHE’, IN CASO DI UN EVENTUALE CRACK BANCARIO, DEVE SERVIRE AD EVITARE CHE I GOVERNI NAZIONALI SIANO COSTRETTI A METTERE LA MANO AL PORTAFOGLIO DEI CITTADINI…

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…