UNICREDIT, CERCASI PRESIDENTE - NEI PROSSIMI GIORNI SI RIUNIRÀ IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PER LA NOMINA DEL PRESIDENTE CHE PRENDERÀ IL POSTO DEL COMPIANTO SACCOMANNI. L’AD MUSTIER, ATTRAVERSO L’IMMARCESCIBILE MAURIZIO BERETTA, HA PROPOSTO AI CONSIGLIERI LA NOMINA DEL SUO VICE CESARE BISONI. LA PROPOSTA NON HA RACCOLTO GRANDI CONSENSI, ANZI PARECCHI MUGUGNI PER IL METODO USATO…

-

Condividi questo articolo

JEAN PIERRE MUSTIER JEAN PIERRE MUSTIER

DAGOREPORT

Nei prossimi giorni si riunirà il consiglio di amministrazione di Unicredit. All’ordine del giorno la nomina del presidente che prenderà il posto del compianto Saccomanni. Nelle ultime settimane, la nuova passione dell’Ad Mustier è l’immarcescibile Maurizio Beretta, responsabile della comunicazione del gruppo. Il suo compito è stato quello di proporre a tutti i consiglieri di amministrazione la nomina del commercialista di Modena e attuale vicepresidente vicario Cesare Bisoni – un dirigente perfetto per Mustier perché non gli ha mai fatto ombra.

maurizio beretta maurizio beretta

 

La proposta non ha raccolto grandi consensi, anzi parecchi mugugni per il metodo usato, in quanto è risaputo che la BCE affida al ruolo di presidente più importanza rispetto al passato e soprattutto non può essere deciso dal’Ad. Per questa volta è molto probabile che passi Bisoni visto che resterà in carica solo per un anno e mezzo fino al prossimo rinnovo del CDA. A Mustier viene altresì contestato la selezione dei futuri consiglieri attraverso la società di “cacciatori di teste” Egon Zhender.

 

Condividi questo articolo

business

DAGO-RETROSCENA CRUDELE MA VERO: L'ITALIANITÀ DI MEDIOBANCA E GENERALI DURERÀ QUANTO CAMPA DEL VECCHIO - È BRUTTO DA DIRSI, MA L'85ENNE REUCCIO DEGLI OCCHIALI NON È MAI RIUSCITO A TENERSI UN EREDE, TANTO DA FAR FUORI 3 MANAGER IN 3 ANNI PER POI FONDERE LUXOTTICA CON I FRANCESI. ALLORA PERCHÉ BANKITALIA HA DATO L'OK ALLA SUA SCALATA FINO AL 20% DI MEDIOBANCA (DUNQUE GENERALI) IN VIRTÙ DELL'ITALIANITÀ DELL'OPERAZIONE? - SE INVECE VINCE IL TRIO NAGEL-CIMBRI-MESSINA…LE PROSSIME TAPPE DELLO SCONTRO

''COCAINA DI STATO'' - LUFTHANSA POTREBBE RIEMERGERE SIN TROPPO RINVIGORITA DALLA CRISI DA CORONAVIRUS? L'AZIENDA ANNUNCIA 2,1 MILIARDI DI PERDITE NEL PRIMO TRIMESTRE MA IN CASSA HA ANCORA 4 MILIARDI DI LIQUIDITÀ E IL GOVERNO NE HA STANZIATI 9. PER QUESTO L'ANTITRUST EUROPEO HA IMPOSTO DEI LIMITI (VENDITA DI SLOT) E IL RIVALE O'LEARY (RYANAIR) TUONA DA SETTIMANE CONTRO LA ''COCAINA DI STATO'' PER LA COMPAGNIA PARZIALMENTE RINAZIONALIZZATA CHE POTREBBE TRASFORMARLA IN UN CONCORRENTE IMBATTIBILE