UNICREDIT, CHE FARE? - DOMANI E MARTEDÌ SARANNO RESE NOTE LE RISPOSTE AI QUESITI DEI SOCI ALL'ASSEMBLEA DEL 15 APRILE, CHIAMATA A RINNOVARE L'INTERO CDA, COMPRESI I CANDIDATI ALLA PRESIDENZA, PIER CARLO PADOAN, E ALLA CARICA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, ANDREA ORCEL, OLTRE CHE A VOTARE IL SUO CONTESTATO MAXI-STIPENDIO…

-

Condividi questo articolo


L. Ram. per “il Messaggero”

 

Andrea Orcel Andrea Orcel

Saranno rese note domani e martedì le risposte ai quesiti dei soci all'assemblea del 15 aprile, chiamata a rinnovare l'intero cda, compresi i candidati alla presidenza, Pier Carlo Padoan, e alla carica di amministratore delegato, Andrea Orcel, oltre che a votare la contestata maxi-remunerazione destinata proprio a quest' ultimo.

 

Come accade da quando le assemblee societarie si tengono a distanza, causa covid, le risposte della banca alle domande degli azionisti verranno pubblicate sul sito di Unicredit. In questo caso avverrà in due battute: domani si troveranno le risposte alle domande dei soci italiani e il giorno successivo in inglese a quelle arrivate dall'estero. Per l'esito del voto, che sarà espresso per conto della variegata platea dei soci del gruppo bancario da un unico legale rappresentante, bisognerà invece attendere l'esito dell'assise di giovedì.

PIER CARLO PADOAN PIER CARLO PADOAN

 

E lo stesso giorno il nuovo board si riunirà, sempre da remoto, per attribuire le cariche al vertice e definire i comitati interni. «Auspico che l'assemblea di Unicredit, che sono certo riconoscerà con ampio consenso il valore del nuovo ad, comprenda anche l'opportunità di politiche di remunerazione adeguate agli standard internazionali e alle sfide globali che Unicredit dovrà affrontare.

 

andrea orcel andrea orcel

In sostanza, la ritengo una polemica innescata per ragioni che nulla hanno a che vedere con il bene della banca e del Paese», ha detto Fabrizio Palenzona, per anni vicepresidente di Unicredit, in una intervista a Milano Finanza, a proposito del caso sullo stipendio dell'ad Orcel e sull'invito di votare no alla sua remunerazione milionaria arrivato dai proxy advisor in vista dell'assemblea.

 

Condividi questo articolo

business

VODAFONE CHIAMA ITALIA – NICK READ, AMMINISTRATORE DELEGATO DEL COLOSSO DELLA TELEFONIA BRITANNICO, SI È DIMESSO LASCIANDO LE SUE DELEGHE A MARGHERITA DELLA VALLE. 57 ANNI, ATTUALE CFO DEL GRUPPO, DELLA VALLE PER ANNI È STATA BRACCIO DESTRO DI VITTORIO COLAO – BOCCONIANA, LAVORA IN VODAFONE DAL 1994, QUANDO FU TRA LE PRIME 25 PERSONE ASSUNTE DA OMNITEL. DOVRÀ SISTEMARE I CONTI DEL GRUPPO E TROVARE UN ACCORDO CON XAVIER NIEL, IL PATRON DI ILIAD CHE IN PRIMAVERA AVEVA PROVATO A RILEVARE LE ATTIVITÀ ITALIANE DI VODAFONE

CARI COMMERCIANTI, METTETE IL POS E SMETTETE DI ROMPERE I COGLIONI! – LA STORIELLA DEI COSTI DI COMMISSIONE TROPPO ALTI È VERA FINO A UN CERTO PUNTO: SUL MERCATO SI TROVANO DISPOSITIVI CHE COSTANO 30 EURO E ANCHE MENO E MOLTE BANCHE APPLICANO CONDIZIONI CHE ANNULLANO I PRELIEVI SUGLI ACQUISTI PIÙ BASSI. SENZA CONSIDERARE SATISPAY, LA APP ITALIANA CHE AZZERA DI DEFAULT TUTTE I COSTI DI SERVIZIO FINO A 10 EURO, E OLTRE QUESTA SOGLIA, INDIPENDENTEMENTE DALL’IMPORTO, HA UNA COMMISSIONE FISSA DI 20 CENTESIMI…

ULTIMA CHIAMATA PER TIM – GIORGIA MELONI RINVIA IL TAVOLO PERVISTO PER OGGI PER TROVARE UNA QUADRA SULLA RETE PUBBLICA: DOPO AVER STRACCIATO IL MEMORANDUM DI MAGGIO TRA CDP E OPEN FIBER, LE IPOTESI FIOCCANO, SEMPRE TENENDO APERTO UN CANALE CON BRUXELLES. SCARTATA L’OPA TOTALITARIA SU TUTTA TIM (DI CUI ERA UN GRANDE FAUTORE IL SOTTOSEGRETARIO BUTTI, CON IL SUO “PIANO MINERVA”), ORA SI PENSA A UN’OFFERTA PARZIALE CHE PORTI ALLO SPIN-OFF PROPORZIONALE DELLA RETE, CON GLI STESSI AZIONISTI. A LANCIARLA DOVRÀ ESSERE UN SOGGETTO PUBBLICO…