GLI USA HANNO UN PROBLEMA: PECHINO SI FREGA LA LORO TECNOLOGIA – IL DIPARTIMENTO DI GIUSTIZIA AMERICANO ACCUSA UN EX INGEGNERE CINESE DELLA APPLE DI AVER RUBATO SEGRETI COMMERCIALI E DI ESSERE FUGGITO A GUANGZHOU. L'UOMO RISCHIA FINO A 10 ANNI DI CARCERE – IL CASO È UNO DEI MOLTI RESI PUBBLICI DALLA NUOVA TASK FORCE USA CHE SI OCCUPA DI PROTEGGERE LE “TECNOLOGIE CRITICHE” DAI GOVERNI STRANIERI – IL “FINANCIAL TIMES”: “SONO EMERSI ANCHE CASI DI APPARTENENTI ALLA ‘RETE SERNIYA’, UNA CELLULA CHE LAVORAVA PER CONTO DEI SERVIZI SEGRETI RUSSI...

-

Condividi questo articolo


Articolo del “Financial Times” - dalla rassegna stampa estere di “Epr comunicazione”

 

APPLE CINA APPLE CINA

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha accusato un cittadino cinese di aver rubato segreti commerciali ad Apple, tra cui informazioni sulla tecnologia delle auto senza conducente, in uno dei cinque casi presentati da una nuova task force che si occupa di proteggere le tecnologie critiche dai governi stranieri. Scrive il Financial Times.

 

Martedì un tribunale federale ha reso pubblico un atto d'accusa che accusa Weibao Wang, ex ingegnere software di Apple, di aver sottratto migliaia di documenti, tra cui la ricerca e lo sviluppo di tecnologie per sistemi autonomi utilizzati nelle auto a guida autonoma.

 

Matt Olsen - capo della divisione sicurezza del dipartimento di giustizia usa Matt Olsen - capo della divisione sicurezza del dipartimento di giustizia usa

Il DoJ sostiene che mentre l'ingegnere lavorava a un progetto segreto per Apple, ha iniziato a lavorare anche per una filiale statunitense di un'azienda con sede in Cina, che a suo dire stava sviluppando auto a guida autonoma.

 

Le forze dell'ordine hanno trovato grandi volumi di dati sottratti ad Apple quando hanno perquisito la sua residenza in California nel 2018. Quella sera è volato a Guangzhou, in Cina, nonostante avesse detto agli agenti che non aveva intenzione di viaggiare, secondo i pubblici ministeri.

 

spionaggio usa spionaggio usa

Se riconosciuto colpevole, rischia fino a 10 anni di carcere per ciascuno dei sei capi d'accusa presentati contro di lui, oltre a multe. Apple ha rifiutato di commentare e Wang non è stato raggiungibile per un commento.

 

Il caso fa parte di una serie di cause intentate martedì da cinque diversi uffici di procura degli Stati Uniti per presunti reati, tra cui violazioni delle esportazioni, contrabbando e furto di segreti commerciali.

 

Si tratta dei primi casi di accuse penali mosse da una task force del Dipartimento di Giustizia e del Dipartimento del Commercio lanciata a febbraio con l'obiettivo di proteggere la tecnologia statunitense da attori governativi ostili.

 

Matt Olsen - capo della divisione sicurezza del dipartimento di giustizia usa Matt Olsen - capo della divisione sicurezza del dipartimento di giustizia usa

"Queste accuse dimostrano l'impegno del Dipartimento di Giustizia nell'impedire che la tecnologia sensibile cada nelle mani di avversari stranieri, tra cui Russia, Cina e Iran", ha dichiarato Matthew Olsen, assistente del procuratore generale per la sicurezza nazionale presso il Dipartimento di Giustizia.

 

In un caso separato annunciato martedì, un altro ingegnere informatico è stato arrestato all'inizio del mese per il presunto furto di segreti commerciali da due aziende californiane, tra cui il codice sorgente di un software utilizzato nella produzione "intelligente". È stato accusato di aver cercato di vendere la tecnologia a diverse aziende cinesi.

 

project titan - progetto dell'auto di apple project titan - progetto dell'auto di apple

Un altro cittadino cinese è stato accusato in un altro caso di aver partecipato a uno schema volto a fornire all'Iran materiali utilizzati per la produzione di armi di distruzione di massa e missili balistici attraverso una società cinese sottoposta a sanzioni. I pagamenti dello schema sono stati effettuati attraverso il sistema finanziario statunitense, secondo i pubblici ministeri.

 

Altri due casi svelati dalle autorità statunitensi avevano legami con la Russia e sono stati arrestati all'inizio del mese. Un cittadino greco, Nikolaos "Nikos" Bogonikolos, è stato arrestato a Parigi e deve affrontare le procedure di estradizione dopo aver presumibilmente acquisito tecnologie sensibili per conto di Mosca.

 

la sede del Project Titan di Apple la sede del Project Titan di Apple

Secondo l'accusa, ha lavorato con aziende che facevano parte di quella che gli Stati Uniti hanno definito la "Rete Serniya", una cellula di approvvigionamento illecito che lavorava per conto dei servizi segreti russi.

 

All'inizio del mese, il Financial Times ha riferito che l'anno scorso le società collegate alla Rete Serniya hanno continuato ad acquistare prodotti dall'UE nonostante fossero oggetto di sanzioni da parte degli Stati Uniti.

 

Secondo gli Stati Uniti, la rete lavora per conto dell'agenzia di spionaggio russa FSB, anche per conto della sua Direzione per l'intelligence scientifica e tecnologica, comunemente nota come "Direzione T", per procurarsi tecnologia sottoposta a sanzioni.

 

project titan - progetto dell'auto di apple project titan - progetto dell'auto di apple

Tra gli altri clienti figurano i servizi segreti esteri del Cremlino, noti come SVR, il conglomerato statale della difesa Rostec, il Ministero della Difesa russo e Rosatom, l'azienda statale dell'energia atomica responsabile dell'arsenale nucleare del Paese.

 

Bogonikolos non è stato raggiungibile per un commento. "Il nostro ufficio ha intensificato le indagini e le azioni penali relative alle sanzioni e alle violazioni delle esportazioni alla luce dell'aggressione della Russia in Ucraina", ha dichiarato Breon Peace, procuratore degli Stati Uniti per il distretto orientale di New York, che ha intentato la causa contro l'imputato greco.

 

XI JINPING E JOE BIDEN GIOCANO A SCACCHI - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY XI JINPING E JOE BIDEN GIOCANO A SCACCHI - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY

Separatamente, due cittadini russi sono stati arrestati negli Stati Uniti per aver tentato di acquistare parti di aerei che, secondo i pubblici ministeri, dovevano essere inviate alle compagnie aeree russe, in violazione dei controlli sulle esportazioni e delle leggi sul riciclaggio di denaro.

xi jinping joe biden al g20 di bali 3 xi jinping joe biden al g20 di bali 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...