WHERE IS ''TONFO DELLE BORSE''? I CAN'T FIND MY ''PANICO SUI MERCATI'' - LA BREXIT NON SPAVENTA PIÙ, GLI INVESTITORI L'HANNO METABOLIZZATA COME FATTO INEVITABILE: MILANO IN RIALZO, LONDRA +1,8%. SONO TROPPO ECCITATI DALLA DISTENSIONE TRUMP-CINA, CON LA TREGUA SUI DAZI E L'ATTEGGIAMENTO AMERICANO PRONTO A UN ACCORDO

-

Condividi questo articolo

BORIS JOHNSON 1 BORIS JOHNSON 1

 

BORSA: MILANO APRE IN RIALZO DOPO GB E DAZI(+1,38%)

 (ANSA) - La Borsa di Milano apre in rialzo, dopo l'esito del voto nel Regno Unito e il via libera di Donald Trump ad un accordo con la Cina sui dazi. L'indice Ftse Mib avanza dell'1,38% a 23.713 punti.

 

BORSA: EUROPA POSITIVA, ALLUNGA LONDRA (+1,8%)

 (ANSA) - Le Borse europee marciano ben intonate, con Londra (+1,7%) che allunga il passo dopo un avvio debole. Nel Regno Unito volano le utility (+7,5%), le auto (+4%) e le banche (+3,7%). Prosegue la corsa la sterlina che passa di mano a 1,3385 sul dollaro. I mercati apprezzano la decisione del presidente statunitense Donald Trump di dare il via libera all'accordo con la Cina sui dazi, con Pechino che si impegna chiudere la partita se sarà di "beneficio reciproco". Andamento positivo per Madrid (+1,5%), Francoforte (+1,3%) e Parigi (+1,2%). Tra i comparti azionari si mettono in mostra le auto (+2,5%), le utility (+2,1%), le banche (+2%) e l'hi-tech (+1,8%).

london stock exchange 3 london stock exchange 3

 

Condividi questo articolo

business

UNICREDIT, UNICAOS – SI PARTE DAL CONFLITTO TRA MICOSSI E PADOAN, SI CONTINUA CON IL CANDIDATO CEO ANDREA ORCEL, SPINTO DA CONSIGLIERE DIEGO DE GIORGI, SI PROSEGUE CON LA ROGNA DELLA FUSIONE CON MPS, CHE VEDE L’OPPOSIZIONE DEI 5STELLE E ORA ANCHE DI DEL VECCHIO - IL PATRON DI LUXOTTICA STA DIVENTANDO DAVVERO UN GROSSO PROBLEMA: SI È MESSO CONTRO NAGEL IN MEDIOBANCA, CONTRO DONNET IN GENERALI, CONTRO IL MEF SU MPS. IN QUESTO STALLO PERICOLOSO, BRILLA L’ASSORDANTE SILENZIO DI BANKITALIA

AZIONE “CATTOLICA” - DOMANI IL CDA STRAORDINARIO DI CATTOLICA, CONVOCATO IN FRETTA E FURIA DOPO LE ACCUSE FORMULATE DALL’IVASS E IL DURISSIMO RICHIAMO DELLA CONSOB ALLA GESTIONE BEDONI - MOLTI CONSIGLIERI PENSANO A DIMISSIONI IN BLOCCO PER FAR DECADERE L’INTERO CDA - L’ALTRA IPOTESI: CHIEDERE DIRETTAMENTE LA TESTA DI BEDONI - MA LA PARTITA RIGUARDA ANCHE “GENERALI” CHE DI CATTOLICA HA APPENA COMPRATO IL 25% - CHE FARÀ DONNET? O RINUNCIA A METTERE BECCO NELLA RIFORMULAZIONE DEL CDA OPPURE…