CAFONALINO FINCHE' C’È VITA C’È “SPERANZA” – ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ROBERTO SPERANZA, VA IN SCENA L’ENNESIMO SIPARIETTO TRA CONTE E SCHLEIN – PEPPINIELLO APPULO RIFILA UNA SBERLA ALLA SEGRETARIA MULTIGENDER: “HO VISTO UN PD BELLICISTA CHE NON MI ASPETTAVO”. MA ELLY NON REAGISCE E RILANCIA: “CI SONO SICURAMENTE DELLE FERITE DA RICUCIRE CON PAZIENZA” – IN PLATEA MASSIMO D'ALEMA E DARIO FRANCESCHINI SEDUTI VICINI VICINI E PIERLUIGI BERSANI… – FOTO BY DI BACCO

-

Condividi questo articolo


Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

Estratto dell’articolo di Niccolò Carratelli per “la Stampa”

 

giuseppe conte elly schlein roberto speranza foto di bacco giuseppe conte elly schlein roberto speranza foto di bacco

L'alternativa a sinistra ci dovrà essere, ma nella Sala della Regina di Montecitorio ancora non si vede. Elly Schlein e Giuseppe Conte sono seduti vicini, a meno di un metro di distanza, ma non sono sintonizzati: lei si sforza di essere dialogante, lui non trattiene frecciate velenose. Li ha portati sullo stesso palco l'ex ministro della Salute, Roberto Speranza, per presentare il suo libro sulla lezione che l'Italia dovrebbe trarre dagli anni della pandemia.

 

La segretaria Pd e il presidente M5s si salutano con un bacetto, sorridono in posa davanti ai fotografi, fingono di non aver appena litigato sulla lottizzazione politica della Rai, che Conte non abbia definito il Pd «ipocrita» per aver convocato un sit-in davanti alla sede della tv pubblica e che dal fronte dem non abbiano dedotto che «a lui piace "TeleMeloni"».

 

pierluigi bersani foto di bacco pierluigi bersani foto di bacco

Platea affollata, molti non esattamente interessati al libro di Speranza, ma ansiosi di godersi un eventuale duello tra i due leader del campo progressista. «Sono sei mesi che non vi vedete», li provoca Lucia Annunziata, chiamata a moderare il dibattito. «Non è così, ci vediamo e ci sentiamo, solo che non lo diciamo ai giornali. Vero?», risponde Conte rivolgendo la domanda a Schlein, che annuisce perplessa.

 

In prima fila ci sono le vecchie glorie del Covid, dal viceministro Pierpaolo Sileri al coordinatore del primo Cts, Agostino Miozzo. Poi mezzo Pd (tra gli altri Provenzano, Orlando, Zingaretti, Cuperlo, Braga) e una piccola rappresentanza di 5 stelle, dal capogruppo al Senato Patuanelli all'ex ministro Sergio Costa.

 

giuseppe conte foto di bacco (7) giuseppe conte foto di bacco (7)

Ci sono anche Massimo D'Alema, seduto a fianco a Dario Franceschini, e Pierluigi Bersani, che auspica un chiarimento, «perché se uno sta a dire che noi lottizzavamo e l'altro sta a dire che lui ci faceva il "vaffa", non ce la caviamo mai più – spiega l'ex segretario –. Qui c'è la destra, bisogna darsi da fare. Non è che possiamo stare a pettinare le bambole».

 

Speranza, suo discepolo, sa che non si può nemmeno stare tutta la sera a parlare di mascherine e vaccini, così piazza subito un assist, ricordando l'esperienza del secondo governo Conte: «Insieme abbiamo affrontato il Covid e fatto molte cose, un'alternativa alla destra c'è già stata – avverte – come sulla sanità, ci sono molte cose su cui possiamo unirci e lavorare bene, bisogna avere il coraggio di farlo». Senza nascondersi le diversità, perché «voglio bene a Giuseppe, ma quando l'ho sentito in tv su Biden e Trump mi si sono rizzati i capelli».

 

roberto speranza elly schlein foto di bacco roberto speranza elly schlein foto di bacco

L'ex premier serra la mascella e aspetta il suo momento, poi precisa: «Non ho mai detto che Biden e Trump sono sullo stesso piano, ma che bisogna avere buone relazioni con chiunque sarà il presidente americano, per tutelare l'interesse nazionale – è la spiegazione –. Sul piano ideologico abbiamo affinità con Biden». Sembra un tentativo di ricucire, non lo è. «Ho visto, però, il Pd che ha rinnegato la transizione ecologica e ci ha messo un dito nell'occhio con gli inceneritori. E ho visto un Pd bellicista, che non mi aspettavo – attacca il leader M5s – anche a me si drizzano i capelli».

 

pierluigi bersani foto di bacco (2) pierluigi bersani foto di bacco (2)

Schlein si agita sulla sedia, ma resta quasi impassibile, occhi sul foglio su cui sta prendendo appunti: è passata un'ora dall'inizio della presentazione e, nel ping pong tra Speranza e Conte, ancora non le è stata data la parola. Tanto che l'autore del libro se ne accorge: «Non vorrei isolare Elly», ci mancherebbe altro.

 

[…] «Ci sono sicuramente delle ferite da ricucire – ragiona Schlein – dobbiamo costruire con pazienza delle convergenze sui temi, fare opposizione insieme sulle questioni concrete». Conte ha lo sguardo perso in un punto indefinito della sala e, interpellato, prova a svicolare: «A me interessa la traiettoria, abbiamo tempo per definire affinità su temi e programmi – avverte – meglio discutere adesso sulle cose che ci dividono, perché non costruiremo un cartello elettorale senza una visione per il Paese. Noi a gestire il potere non siamo bravi».

 

Altra frustata alla sua vicina di posto, che continua a glissare. A quando un'alleanza nelle Regioni dove non c'è ancora un candidato comune? «The sooner, the better», risponde lei secca. «Quindi dipende da lei, Conte», traduce Annunziata. «Non credo abbia detto quello in inglese – si schermisce l'ex premier – comunque da parte nostra non c'è un atteggiamento pregiudiziale, ma spesso ci sono ostacoli da rimuovere».

 

massimo d alema dario franceschini foto di bacco massimo d alema dario franceschini foto di bacco

Sipario, Speranza li saluta con una proposta un po' ingenua: «Dovremmo fare un'iniziativa insieme…». I due leader lasciano cadere il discorso e se ne vanno ognuno per conto proprio. «Allora ci rivediamo tra sei mesi», scherza Conte. Dall'altra parte della sala D'Alema sta dribblando i giornalisti per guadagnare l'uscita.

 

Alla terza domanda si ferma sulle scale: «Allora il Conte 2 può essere il modello dell'alternativa a sinistra?». «Modello è una parola che non appartiene alla politica. Però…». Però? «Però è un paradosso che le forze che hanno governato insieme non si siano poi presentate insieme alle elezioni. Mentre gli altri, la destra, da divisi che erano sono andati uniti. E hanno vinto». Senza troppe convergenze o traiettorie.

giuseppe conte foto di bacco giuseppe conte foto di bacco elly schlein roberto speranza foto di bacco (2) elly schlein roberto speranza foto di bacco (2) lucia annunziata foto di bacco lucia annunziata foto di bacco arturo scotto susanna camusso foto di bacco arturo scotto susanna camusso foto di bacco stefano patuanelli foto di bacco stefano patuanelli foto di bacco giuseppe conte foto di bacco (3) giuseppe conte foto di bacco (3) giuseppe conte foto di bacco giuseppe conte foto di bacco susanna camusso foto di bacco susanna camusso foto di bacco elly schlein roberto speranza foto di bacco elly schlein roberto speranza foto di bacco elly schlein roberto speranza foto di bacco elly schlein roberto speranza foto di bacco elly schlein foto di bacco elly schlein foto di bacco giuseppe conte foto di bacco (6) giuseppe conte foto di bacco (6) alessandro zan foto di bacco alessandro zan foto di bacco elly schlein giuseppe conte foto di bacco elly schlein giuseppe conte foto di bacco giuseppe conte elly schlein roberto speranza foto di bacco giuseppe conte elly schlein roberto speranza foto di bacco laura boldrini foto di bacco laura boldrini foto di bacco ignazio visco foto di bacco ignazio visco foto di bacco laura boldrini foto di bacco (2) laura boldrini foto di bacco (2) anna ascani foto di bacco anna ascani foto di bacco giuseppe conte elly schlein roberto speranza foto di bacco giuseppe conte elly schlein roberto speranza foto di bacco lucia annunziata foto di bacco (2) lucia annunziata foto di bacco (2) elly schlein foto di bacco elly schlein foto di bacco agostino miozzo giuseppe ippolito agostino miozzo giuseppe ippolito agostino miozzo giuseppe ippolito roberto speranza agostino miozzo giuseppe ippolito roberto speranza giuseppe conte foto di bacco (5) giuseppe conte foto di bacco (5) marina sereni giuseppe provenzano carmelo barbagallo foto di bacco marina sereni giuseppe provenzano carmelo barbagallo foto di bacco nino cartabellotta foto di bacco nino cartabellotta foto di bacco stefano graziano foto di bacco stefano graziano foto di bacco giuseppe conte foto di bacco (2) giuseppe conte foto di bacco (2) giuseppe conte elly schlein foto di bacco (2) giuseppe conte elly schlein foto di bacco (2)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SALVINI-MELONI. DUELLO IN AUTOSTRADA – IL LEADER DELLA LEGA ANNUNCIA: ‘’STO LAVORANDO A UN'INTERA REVISIONE DEL SISTEMA DELLE CONCESSIONI ENTRO IL 2024" – DAGOREPORT: IL NOCCIOLO DELLA RIFORMA: I PEDAGGI ANDREBBERO DIRETTAMENTE NELLE CASSE DELLO STATO. I CONCESSIONARI SI TRASFORMEREBBERO IN SEMPLICI GESTORI DELLA RETE, PAGATI DALLO STATO PER EROGARE I SERVIZI DI VIABILITÀ E PER EFFETTUARE LA MANUTENZIONE – DIVERSA E CONTRARIA L’IDEA DELLA MELONA: MAXI FUSIONE TRA AUTOSTRADE PER L’ITALIA – OGGI CONTROLLATA DA CDP INSIEME AI FONDI BLACKSTONE E MACQUARIE – E LA FAMIGLIA GAVIO…

FLASH! – QUELLA IMMAGINIFICA TESTA DI FAZIO, INTERVISTANDO (SI FA PER DIRE) LA FRIGNANTE FERRAGNI, SI E’ BEN GUARDATO DAL CITARE DAGOSPIA, CHE HA RIVELATO LA ROTTURA MATRIMONIALE DEI FERRAGNEZ, DA UNA PARTE. DALL’ALTRA, CON LA SCUSA DI MOSTRARE LE COPERTINE DEI SETTIMANALI DEDICATE ALLA FINE DELLA PREMIATA DITTA PANDORO & MALEFICENZA, FABIOSTRAZIO, AGITANDO IL SUO INQUIETANTE DOPPIOMENTO, SI E’ SPARATO UNA TONANTE MARCHETTA IN GLORIA DI “OGGI”, RIVISTA CON CUI COLLABORA… - VIDEO

COME TI SMONTO IL MUSEO DI BRERA – IL NEODIRETTORE DEL PIÙ IMPORTANTE MUSEO MILANESE, ANGELO CRESPI, È UN TIPINO BEN DOTATO DI ENTRAMBE LE CARATTERISTICHE CHE IL GOVERNO MELONI RICHIEDE AI SUOI FUNZIONARI: È MOLTO FEDELE (A LA RUSSA) MA SOPRATTUTTO È MOLTO INCOMPETENTE – L’INIZIO È DEI PIÙ PROMETTENTI: LICENZIATI I PROFESSIONISTI CHE DA ANNI LAVORANO PER I 'CRIMINI ARCHITETTONICI' DI PALAZZO CITTERIO – NON SODDISFATTO, CRESPI HA PENSATO BENE DI 'LICENZIARE' ANCHE ALESSANDRA QUARTO, NON PROPRIO UNA QUALSIASI…