CIAK, MI GIRA - VOGLIA DI SUPEREROI? NON TROPPA… “SHAZAM! FURIA DEGLI DEI”, IL SEQUEL DI UN FILM DELLA D.C. DEL QUALE NESSUNO SENTIVA DAVVERO BISOGNO, È PRIMO MA CON MODERAZIONE NEL SUO PRIMO GIORNO IN SALA CON 84 MILA EURO E 12.484 SPETTATORI. NON È UN GRAN RISULTATO PER UN FILM DI SUPEREROI. MA NEMMENO SHAZAM È POPOLARE COME SUPERMAN O BATMAN - SALE AL SECONDO POSTO, MALGRADO GLI INCASSI NON PROPRIO APPETITOSI, “L’ULTIMA NOTTE DI AMORE” CON 64 MILA EURO, 10 MILA SPETTATORI... - VIDEO

-

Condividi questo articolo


LUCY LIU HELEN MIRREN SHAZAM! LA FURIA DEGLI DEI LUCY LIU HELEN MIRREN SHAZAM! LA FURIA DEGLI DEI

Marco Giusti per Dagospia

 

Voglia di supereroi? Non troppa… Anche se “Shazam! Furia degli dei” di David F. Sandberg è il sequel di un film di supereroi della D.C. del quale nessuno sentiva davvero bisogno, a parte forse il protagonista Zachary Levi che ha tolto il costumino rosso dalla naftalina e Helen Mirren, che per la prima nel Salento, ammesso che ci sia ancora una sala aperta, ha offerto 500 biglietti ai ragazzi che abitano vicino alla sua bella masseria, è primo ma con moderazione nelsuo primo giorno in sala con 84 mila euro e 12.484 spettatori. Non è un gran risultato per un film di supereroi. Ma nemmeno Shazam è popolare come Superman o Batman.

 

CREED III CREED III

Sale al secondo posto, malgrado gli incassi non siano proprio appetitosi, “L’ultima notte di Amore” di Andrea Di Stefano con Pierfrancesco Favino senza trucco e protesi facciali, Linda Caridi e Antonio Gerardi, con 64 mila euro, 10 mila spettatori e un totale di 1, 2 milioni. Terzo posto per “Creed III” con Michael B. Jordan e Jonathan Majors con 58, 726 euro, 8.132 spettatori e un totale di 5, 8 milioni. Forte dei 7 Oscar appena vinti “Everything Everywhere All At Once” dei Daniels con Michelle Yeoh e Jamie Lee Curtis è quarto con una cifra di poco inferiore, 58.214 euro, ma con più spettatori, 8.909, probabilmente i signori attempati che pagano metà biglietto il pomeriggio, e un totale di 1, 1 milioni.

everything everywhere all at once 5 everything everywhere all at once 5

Ho rivisto il film ieri al Nuovo Olimpia di Roma in versione originale (in italiano penso sia impossibile proprio vederlo), e credo che proprio il suo linguaggio da film di supereroi Marvel, in fondo i produttori, per la A24, sono i fratelli Russo, mischiato con un cast di signore d’età e una storia adatta a un pubblico di genitori, ne abbia fatto un cult in America, ma che lo renda qualcosa di intollerabile per un certo pubblico anziano italiano. Niente. Ne vedono un quarto d’oro e escono incazzati dalla sala. O non ci vanno proprio dopo aver visto il trailer.

 

brendan fraser the whale brendan fraser the whale

 Hai voglia a spiegare che in fondo è una storia di diversità (la figlia lesbica con fidanzata bianca…) che vanno accettate, di minoranze che vanno rispettate (i cinesi martoriati dall’ufficio delle tasse in America…), di orgoglio delle sessantenni che riprendono in mano la loro vita. Quello che per il pubblico americano ha funzionato, per il nostro pubblico funziona da sfollagente. Infatti il nostro pubblico preferisce “The Whale” con Brendan Fraser spiaggiato sul divano. Un film che capisce, che lo fa commuovere, che vedono come degno di Oscar. “The Whale” ieri era quinto con 48.349 euro, 7.330 spettatori e un totale di 2,4 milioni di euro.

piano piano 3 piano piano 3

 Lo segue “Scream Vi” con Jenna Ortega con 41 mila euro, 5.917 spettatori e un totale di 1 milione. Si scende parecchio nell’incasso con il giovanil-napoletano “Piano piano”, distribuito da I Wonder, diretto da Nicola Prosatore con il Massimiliano Caiazzo di “Mare fuori”, la Dominique Donnarumma del “Commissario Ricciardi”, Lello Arena, Giovanni Esposito, Antonia Truppo, 12.277 euro, 1.612 spettatori. Sempre di più di “Mixed by Erry” di Sydney Sibilia, che si ferma ieri all’ottavo posto con 12.019 ma più spettatori di “Piano piano”, 1.760, e un totale miserello di 637 mila euro.

educazione fisica 3 educazione fisica 3

Nono posto per la commedia anglo-indiana “What’s Love?” con Lily James, 9.772 euro, 1.597 spettatori, seguito da un altro campione italiano, “Educazione fisica” di Stefano Cipani, scritto dai fratelli D’Innocenzo, con Claudio Santamaria, Sergio Rubini, Giovanna Mezzogiorno, 9.241 euro con 1.622 spettatori. Diciamo che non sembra un successo. Infine. Sono andato a controllare, tra i 100 peggiori film della storia del cinema per Rotten Tomatoes, se ci fossero film italiani e ne ho trovati due. “Pinocchio” di Roberto Benigni, gradimento 0% e “Quello che so sull’amore” di Gabriele Muccino, gradimento 2% . Ahi.

HELEN MIRREN SHAZAM! LA FURIA DEGLI DEI HELEN MIRREN SHAZAM! LA FURIA DEGLI DEI what s love got to do with it 2 what s love got to do with it 2 what s love? what s love? claudio santamaria in educazione fisica claudio santamaria in educazione fisica educazione fisica di stefano cipani 1 educazione fisica di stefano cipani 1 giovanna mezzogiorno in educazione fisica giovanna mezzogiorno in educazione fisica educazione fisica 1 educazione fisica 1 educazione fisica 2 educazione fisica 2 MIXED BY ERRY MIXED BY ERRY MIXED BY ERRY MIXED BY ERRY MIXED BY ERRY MIXED BY ERRY shazam! furia degli dei 3 shazam! furia degli dei 3 shazam! furia degli dei 4 shazam! furia degli dei 4 pierfrancesco favino l ultima notte di amore pierfrancesco favino l ultima notte di amore HELEN MIRREN SHAZAM! LA FURIA DEGLI DEI HELEN MIRREN SHAZAM! LA FURIA DEGLI DEI piano piano 4 piano piano 4 piano piano 1 piano piano 1 piano piano 2 piano piano 2 pierfrancesco favino l ultima notte di amore pierfrancesco favino l ultima notte di amore the whale brendan fraser e darren aronofsky the whale brendan fraser e darren aronofsky Scream VI Scream VI Scream VI Scream VI Scream VI Scream VI the whale brendan fraser the whale brendan fraser the whale locandina the whale locandina pierfrancesco favino l ultima notte di amore pierfrancesco favino l ultima notte di amore shazam! furia degli dei 1 shazam! furia degli dei 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)