SEMO ROMANI, DAMOSE DA FA’ – DOPO LA GERINI CHE VAGHEGGIA UN COWBOY TEXANO PERCHE’ NELLA CAPITALE NON SI BATTE PIU’ CHIODO, ARRIVA ILENIA PASTORELLI CHE DICE: “CON ME NON CI HA PROVATO NESSUNO. NON SONO MAI STATA INVITATA NON DICO A CENA FUORI, MA NEMMENO PER UN CAFFÈ. ANCHE DURANTE I PROVINI”. MA CHE SUCCEDE? DOVE E’ FINITA LA PROVERBIALE INTRAPRENDENZA DEL “PAPPAGALLO” ROMANO?

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Gloria Satta per "il Messaggero"

ILENIA PASTORELLI ILENIA PASTORELLI

 

Ilenia Pastorelli, o il coraggio di rimettersi in gioco. Sex appeal prorompente e umorismo esplosivo sulla scena, estrema riservatezza nella vita privata, l'attrice romana, 37 anni, appartiene alla generazione delle donne che vogliono andare avanti, migliorarsi, affrontare sempre nuove sfide. Senza proclami, autocelebrazioni o fronzoli, più con i fatti che a parole. Cresciuta tra Tor Bella Monaca e la Magliana, lanciata otto anni fa dalla commedia-cult di Gabriele Mainetti Lo chiamavano Jeeg Robot, in assoluto la sua prima interpretazione per cui vinse il David di Donatello (faceva la surreale borgatara romana), Ilenia non si è fermata più.

ilenia pastorelli occhiali neri ilenia pastorelli occhiali neri

 

Ha lavorato, tra gli altri, con Carlo Verdone in Benedetta follia, con Pif in E noi come stronzi rimanemmo a guardare, con Massimiliano Bruno in Non ci resta che il crimine, con il maestro del thriller Dario Argento in Occhiali neri. Quindi si è presa una pausa, dovuta in parte a una labirintite, ma prossimamente la ritroveremo al cinema protagonista di due nuove commedie: Lo sposo indeciso di Giorgio Amato e Da grandi di Fausto Brizzi. Mentre, sulla scia di tante attrici che sempre più spesso fanno il salto di qualità, sogna di debuttare nella regia.

 

ILENIA PASTORELLI ILENIA PASTORELLI

Ha già un progetto concreto?

«Da qualche tempo sto scrivendo una sceneggiatura».

 

Perché vuole passare anche lei dietro la cinepresa?

«Perché noi donne possiamo raccontare in modo più sincero degli uomini, e senza troppi orpelli, il tempo in cui viviamo. La nostra società è ricca di spunti e tutti sono meritevoli di essere trasformati in una storia cinematografica. E noi abbiamo la sensibilità per farlo».

ilenia pastorelli ilenia pastorelli

 

(…)

 

È mai stata molestata?

«No, con me non ci ha provato nessuno. Ho avuto la fortuna di lavorare con professionisti più che corretti che pensavano solo al lavoro. Non sono mai stata invitata non dico a cena fuori, ma nemmeno per un caffè. Anche durante i provini».

LA CHIAPPA DI ILENIA PASTORELLI LA CHIAPPA DI ILENIA PASTORELLI

 

Cosa significa crescere in periferia?

«Trent'anni fa Tor Bella Monaca era un quartiere nuovo, non intensamente popolato come oggi. E io ci sono stata poco perché molto presto ho cominciato a passare le giornate all'Accademia di Danza, all'Aventino. Ma parlare di periferia come di un mondo difficile è un cliché. Io sono felice di essere cresciuta nella mia zona, ho avuto tante cose positive. Per dirne una: se fossi nata ai Parioli, non avrei girato Lo chiamavano Jeeg Robot».

Quando ha scoperto di avere delle doti comiche?

verdone pastorelli verdone pastorelli

«L'ho sempre saputo, fin da piccola facevo ridere la famiglia con le mie imitazioni. Verdone poi mi ha confermato che sono nata per la commedia. Pensare che io non mi sento comica. Sotto sotto sono un'attrice drammatica».

ARTICOLI CORRELATI

ilenia pastorelli 4. meta ilenia pastorelli 4. meta ilenia pastorelli non ci resta che il crimine ilenia pastorelli non ci resta che il crimine ilenia pastorelli non ci resta che il crimine ilenia pastorelli non ci resta che il crimine ilenia pastorelli non ci resta che il crimine ilenia pastorelli non ci resta che il crimine ilenia pastorelli ilenia pastorelli ILENIA PASTORELLI ILENIA PASTORELLI ILENIA PASTORELLI ILENIA PASTORELLI ilenia pastorelli non ci resta che il crimine ilenia pastorelli non ci resta che il crimine ilenia pastorelli (2) ilenia pastorelli (2) ilenia pastorelli premiata (2) ilenia pastorelli premiata (2) ilenia pastorelli 4 meta ilenia pastorelli 4 meta

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...