I BRITANNICI SONO INCOSCIENTI O PIÙ FURBI DEGLI ALTRI? IL VIRUS CIRCOLA MA TUTTI SE NE FOTTONO: ZERO MASCHERINE AL CHIUSO, FIGURIAMOCI IL GREEN PASS, LA PANDEMIA È SPARITA DAL DIBATTTITO PUBBLICO E NON CI SONO VIROLOGI CHE PONTIFICANO IN TV COME DA NOI - A METÀ OTTOBRE HANNO AVUTO 50 MILA CASI AL GIORNO, ORA SONO SCESI A 30 MILA: FINCHÉ I POSTI LETTO SONO LIBERI, JOHNSON FINGE DI NULLA E L'ECONOMIA CRESCE DEL 6,5%...

-

Condividi questo articolo


Luigi Ippolito per il "Corriere della Sera"

 

RICCIARDI 1 RICCIARDI 1

La Gran Bretagna finisce sul banco degli imputati. L'atto d'accusa più duro lo ha scagliato - dalle colonne di Repubblica - Walter Ricciardi, l'igienista consulente del nostro ministero della Salute: gli inglesi «hanno sbagliato tutto fin dall'inizio», «si sono illusi che la campagna vaccinale avesse risolto tutto», ora «facendo circolare il virus in modo incontrollato, agevolano la formazione di nuove varianti».

 

Cosa ne pensano a Londra? Sostanzialmente, nulla. Perché qui da mesi, tranne qualche sprazzo, il Covid è praticamente scomparso dalla conversazione pubblica. Sui giornali si fa fatica a trovare qualche articolo dedicato alla pandemia (e il fenomeno italiano dei virologi che pontificano a tutte le ore non esiste e non è mai esistito).

 

boris johnson al colosseo boris johnson al colosseo

Il dibattito politico si occupa di altro: la corruzione dei conservatori, la battaglia della pesca con la Francia, la Cop26 a Glasgow: non certo del coronavirus. Vista da qui, l'Italia sembra davvero vivere in un universo parallelo.

 

Cose come il green pass e le mascherine in Inghilterra sono sconosciute: a luglio sono state abolite tutte le restrizioni e la popolazione, dopo qualche esitazione, ha abbracciato con slancio la libertà ritrovata. Da due mesi la vita è tornata alla normalità: club, feste, palestre, tutto funziona a pieno regime.

 

vecchi cartelli sulla pandemia nel regno unito 1 vecchi cartelli sulla pandemia nel regno unito 1

E i contagi? A metà ottobre c'è stata una fiammata, con i casi arrivati a 50 mila al giorno. È stato in quel momento che sono sembrati preoccuparsi: da più parti - soprattutto dall'opposizione laburista - si è invocata l'immediata introduzione del piano B, ossia il ritorno alle mascherine al chiuso, al lavoro da casa e una blanda forma di green pass (che qui incontra forti resistenze ideologiche in tutto lo spettro politico, in un Paese con un Dna liberale).

 

vecchi cartelli sulla pandemia nel regno unito 2 vecchi cartelli sulla pandemia nel regno unito 2

Ma Boris Johnson ha tenuto duro: e da allora i casi hanno cominciato a calare in maniera costante (adesso sono scesi a 30 mila al giorno). Gli esperti britannici ritengono che il picco sia ormai passato e la questione è stata di nuovo derubricata.

 

vecchi cartelli sulla pandemia nel regno unito 3 vecchi cartelli sulla pandemia nel regno unito 3

Certo, con numeri del genere da noi sarebbe comunque allarme rosso. Ma sembra evidente che in Gran Bretagna hanno un approccio filosoficamente diverso: in Europa di fatto pare che si punti al «Covid zero», una strategia che a Londra è considerata palesemente assurda; i britannici hanno accettato che il Covid è ormai una malattia «endemica», con la quale bisogna convivere.

 

la pandemia avanza nel regno unito la pandemia avanza nel regno unito

D'altra parte, non è di gran lunga la prima causa di morte: ben avanti vengono i tumori, gli ictus, gli infarti, le altre malattie respiratorie... E allora, l'importante per loro è che non ci sia una pressione insostenibile sul sistema sanitario nazionale: finché ci sono letti liberi negli ospedali e non muore troppa gente, il resto conta poco.

 

boris johnson boris johnson

Forse c'entra anche il tradizionale stoicismo britannico, keep calm and carry on, state calmi e andate avanti; o il fatto che grazie all'approccio ultra-liberale l'economia corre come nessun'altra in Europa, con una crescita annua stimata al 6,5 per cento. Come che sia, a Londra il dibattito sul Covid fa tanto 2020...

 

Condividi questo articolo

politica

UN CENTRODESTRA SULL’ORLO DI UNA CRISI DI NERVI – LA RITIRATA DI BERLUSCONI CHE, PRIMA DI MOLLARE L’OSSO INCHIODA DRAGHI ALLA SEGGIOLA DI PREMIER, MANDA IL TILT GLI ALLEATI A POCHE ORA AL VOTO PER IL COLLE: SALVINI CONTINUA A PORTARE AVANTI IL NOME DELLA CASELLATI. E LA MELONI VEDE SFUMARE IL SOGNO DELLE ELEZIONI ANTICIPATE SE MARIOPIO RIMANE A DIRIGERE IL TRAFFICO A PALAZZO CHIGI – E GIRA VOCE CHE IL CAV, CHE IERI NON SI È PALESATO NÉ ALLA RIUNIONE DEI SUOI NÉ AL VERTICE DI CENTRODESTRA, FOSSE AL SAN RAFFAELE… - LA LETTERA INTEGRALE DI BERLUSCONI

MATTARELLA PUÒ INIZIARE A DISIMBALLARE GLI SCATOLONI – BERLUSCONI RINUNCIA AL QUIRINALE, SILURA DRAGHI E FA TREMARE I POLSI A SERGIONE CHE È FUGGITO PER IL WEEK-END A PALERMO DOVE HA INTENZIONE DI RIMANERE FINO A MARTEDÌ. CON I NOMI PER IL COLLE CHE LATITANO E IL FALLIMENTO DEL VERTICE DI CENTRODESTRA, SE LO STALLO DOVESSE PROLUNGARSI OLTRE LA TERZA VOTAZIONE, IL CONGELAMENTO DI MATTARELLA E DRAGHI CIASCUNO AL PROPRIO POSTO POTREBBE RIDIVENTARE L’UNICA STRADA PERCORRIBILE…

QUIRINAL TANGO – MATTARELLA SEGUIRA' LA PRIMA VOTAZIONE DA PALERMO. GIOVANNI GRASSO, PORTAVOCE DEL CAPO DELLO STATO, POSTA SU TWITTER LA FOTO CON PACCHI E SCATOLONI PRONTI: "WEEK-END DI LAVORI PESANTI" - IL RIFERIMENTO È AL TRASLOCO IN ATTO DAL COLLE - BERLUSCONI PARLA DI UN NOME PER IL QUIRINALE IN GRADO DI AVERE “IL MASSIMO CONSENSO POSSIBILE”. MA A PARTE MATTARELLA QUALE ALTRA FIGURA E’ IN GRADO DI AVERE UN CONSENSO COSI' VASTO? LA DISCUSSIONE NEL CORSO DEL VERTICE PERCHE’ FRATELLI D’ITALIA NON VOLEVA CHE…