MARINA BERLUSCONI È STANCA DI ANTONIO TAJANI: NON LO CONSIDERA IL LEADER GIUSTO PER FORZA ITALIA. LEI VORREBBE UN PARTITO LIBERALE SUI DIRITTI CIVILI E SI RITROVA LA PROPOSTA DI GASPARRI SUL “REDDITO DI MATERNITÀ”. UN MOVIMENTO CHE SI FACCIA VALERE E RIMANGA SALDO SULLE PROPRIE CONVINZIONI, ED È COSTRETTA A FARE I CONTI CON UN VICEPREMIER CAMERIERE DELLA MELONI – IL NUOVO “GIORNALE” BY ANGELUCCI NON LA ENTUSIASMA: PENDE SU FRATELLI D’ITALIA MENTRE LA FAMIGLIA BERLUSCONI POSSIEDE ANCORA IL 30%...

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

 

silvio marina berlusconi silvio marina berlusconi

Marina Berlusconi non ne può più: è insofferente, nauseata, furibonda per le posizioni oltranziste del Governo sulle libertà fondamentali e sui diritti civili. L’intervista rilasciata al “Corriere”, in cui ha detto di sentirsi più vicina alla “sinistra di buon senso” sui temi Lgbtq+, è la spia di un malessere che cova da tempo. 

 

La primogenita del Cav non apprezza la flebile leadership di Tajani, giudicata troppo accondiscendente nei confronti di Giorgia Meloni e troppo lontana dal liberalismo gaudente che Papà Silvio sognava per Forza Italia. L’ennesimo prova di una mano tesa al mondo arcobaleno, da parte della dinasty di Arcore, è la decisione di pubblicare, con la neonata Silvio Berlusconi editore, il prossimo libro del gayssimo Walter Siti.

 

antonio tajani e giorgia meloni al senato antonio tajani e giorgia meloni al senato

La buona disposizione di Marina verso le tematiche rainbow non trova eco nell’azione di Forza Italia, che anzi spesso ammicca a posizioni conservatrici sui temi etici, come per esempio il “reddito di maternità” by Gasparri, 1000 euro al mese alle donne che scelgono di non abortire. 

 

Lo iato fin troppo esteso tra la famiglia Berlusconi e il suo “amministratore delegato” sta convincendo, soprattutto Marina, a ripensare la leadership del partito: il tanto elogiato Tajani, descritto dai giornali come il salvatore di Forza Italia dopo il 9,5% ottenuto alle Europee, con tanto di sorpasso alla Lega, in realtà è un frontman debole. A certificarlo, è bastato osservare la distribuzione del voto al partito sul territorio nazionale. 

 

GIORGIA MELONI MARINA BERLUSCONI - MEME BY EDOARDO BARALDI GIORGIA MELONI MARINA BERLUSCONI - MEME BY EDOARDO BARALDI

Come scriveva Lorenzo De Cicco su “Repubblica” all’indomani del voto, il partito si regge soprattutto sui “consensi del Meridione - l’11% circa in Campania, il 18% in Calabria […]. Però […] in Sicilia la capolista di Tajani, l’ex dem Caterina Chinnici, è arrivata solo terza. […] a Roma, la città del vice-premier, gli azzurri arrancano al 5%. Nel Nord Est sono al 7, al Nord Ovest sotto alla media nazionale”.

 

Insomma, Forza Italia non ha brillato grazie a Tajani, piuttosto per merito dei “cacicchi” del Sud che hanno portato preferenze.  La Cavaliera è ormai convinta che serva cambiare cavallo e il suo sguardo è già rivolto al dopo-Tajani. Marina è imbufalita anche per le vicissitudini che sta attraversando “il Giornale”, quotidiano di cui la famiglia controlla il 30% (il restante 70 è in mano all’ex portantino del San Camillo, Antonio Angelucci).

 

giorgia meloni e antonio tajani (sullo sfondo patrizia scurti e il marito) giorgia meloni e antonio tajani (sullo sfondo patrizia scurti e il marito)

L’attacco di Vittorio Feltri, che in un editoriale ha sbottato contro Tajani per aver “accettato l’inciucio” in Europa, è stato giudicato un colpo basso verso Forza Italia, e nel mirino è finito anche il direttore, Alessandro Sallusti, che era a conoscenza del contenuto dell’articolo incriminato, salvo poi dileguarsi quando Feltri è stato accusato di rincoglionimento dai pesi massimi del partito. 

 

 

Non a caso, in una contro-replica di fuoco, Vittorione, sentendosi mandato all’attacco e poi mollato, ha definito Sallusti “non certo un cuor di leone”, Gasparri “il più pirla di tutti”, liquidando la polemica con un “me ne sbatto i coglioni”. 

LA CONDANNA DI BERLUSCONI PELLEGRINAGGIO A PALAZZO GRAZIOLI GASPARRI LA CONDANNA DI BERLUSCONI PELLEGRINAGGIO A PALAZZO GRAZIOLI GASPARRI sallusti sallusti maurizio gasparri all'aria che tira maurizio gasparri all'aria che tira L'EREDITA DI BERLUSCONI - MEME BY EMILIANO CARLI L'EREDITA DI BERLUSCONI - MEME BY EMILIANO CARLI walter siti walter siti vittorio feltri contro forza italia 3 vittorio feltri contro forza italia 3 MARINA SILVIO BERLUSCONI MARINA SILVIO BERLUSCONI marina berlusconi assemblea confindustria 2 marina berlusconi assemblea confindustria 2 maurizio gasparri maurizio gasparri maurizio gasparri - l aria che tira maurizio gasparri - l aria che tira vittorio feltri con il suo gatto 1 vittorio feltri con il suo gatto 1 SILVIO MARINA BERLUSCONI SILVIO MARINA BERLUSCONI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)